lunedì, 1 Marzo, 2021
Direttore Responsabile Mauro Del Bue

Prende forza l’asse Pd 5 Stelle Leu. Intergruppo al Senato

0

Si consolida in Senato l’asse Pd-M5S-Leu che hanno deciso di costituire un intergruppo parlamentare per non disperdere l’esperienza del governo Conte II.  L’iniziativa è annunciata da una nota congiunta dei tre capigruppo Ettore Licheri (M5S), Andrea Marcucci (Pd) e Loredana De Petris (Leu): “Alla vigilia del voto di fiducia al nuovo governo Draghi abbiamo deciso, sollecitati da senatrici e senatori dei tre gruppi parlamentari, di intraprendere un’iniziativa comune: la costituzione di un intergruppo parlamentare che, a partire dall’esperienza positiva del governo Conte II, promuova iniziative comuni sulle grandi sfide del Paese, dalla emergenza sanitaria, economica e sociale fino alla transizione ecologica ed alla innovazione digitale. Con questo spirito – sottolineano Licheri, Marcucci e De Petris – da domani, saremo insieme per rilanciare e ricostruire il nostro Paese”. Ovviamente plaude all’iniziativa l’ex premier Giuseppe Conte: “L’iniziativa annunciata dai Capigruppo in Senato di M5S-Pd-Leu di costituire un intergruppo parlamentare per promuovere iniziative che rilancino l’esperienza positiva di governo che si è appena conclusa è giusta e opportuna”. E ancora: “Bisogna costruire spazi spazi e percorsi di riflessione che valorizzino il lavoro comune già svolto”, sottolinea Conte che potrebbe diventare il coordinatore del gruppo trovando così un modo per restare agganciato ai temi parlamentari della politica.  Ed è subito polemica. È questo il famoso “campo progressista” di cui ha parlato a lungo l’ex premier Giuseppe Conte?

 

Ma si fanno già sentire i primi mal di pancia. L’iniziativa non piace a tutti, soprattutto a chi vede in questa iniziativa il tentativo si segnare una divisione nella maggioranza del governo Draghi per distinguere la coalizione rossogialla dalla destra saltata sul carro dell’ex Bce, Lega e Forza Italia. Qualcuno però ci vede anche altro. Infatti in un comunicato di tre senatori Pd Tommaso Nannicini, Vincenzo D’Arienzo e Francesco Verducci, si parla di “forzature e fughe in avanti”. “Se ed eventualmente come strutturare un coordinamento parlamentare tra Pd, 5Stelle e Leu non è certo un tema che si risolve con un comunicato sulla possibile nascita di un intergruppo, che è uno strumento di impegno trasversale lasciato alla libera scelta dei parlamentari”. Il  fondatore del Riformista Claudio Velardi parla di  “primo vero atto politico contro il governo Draghi”.

 

 

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply