martedì, 26 Maggio, 2020

Psi Milano
Appello al Sindaco Beppe Sala al Prefetto Renato Saccone al Presidente Attilio Fontana

0

I socialisti milanesi preoccupati per il continuo dilagare dell’infezione invitano il
Sindaco e le Autorità Istituzionali preposte ad attivare ulteriori provvedimenti per il
contrasto alla diffusione del virus, in particolare ritengono utile il ripristino immediato
della figura del “vigile di quartiere” che in questo contesto potrebbe essere molto utile
nel sorvegliare il territorio, i parchi cittadini, agendo da deterrente nei confronti dei
tanti che ancora circolano e contro gli assembramenti.
Sarebbe anche un punto di riferimento importane per le tante persone anziane sole
non autosufficienti.

Occorre ridare corpo alla sanità territoriale, intensificare le cure domiciliari, rilanciare
il ruolo del medico di famiglia, per estendere la sorveglianza sanitaria, mantenendo
monitorati i pazienti anziani, anche attraverso l’utilizzo della tecnologia a
disposizione.
Del resto la Lombardia ha la più bassa percentuale di assistenza domiciliare tra le
Regioni a noi vicine. Da evitare, visti i drammatici casi verificatesi in questi giorni, il
ricorso alle case di riposo (RSA).
Sarebbe invece estremamente utile procedere, vista la carenza di posti letto negli
ospedali cittadini, alla requisizione/affitto degli alberghi vuoti, da destinare alla cura
dei pazienti meno gravi lasciando così più posti negli ospedali per quelli acuti. Scelta
tra l’altro contemplata dallo stesso decreto governativo del 17 marzo.
Occorre richiedere un maggiore sforzo alla sanità privata secondo il principio di
sussidiarietà, lo stesso che ha animato il suo grande sviluppo.

Inoltre si ritiene non praticabile la riduzione del trasporto pubblico, perché dovendo
mantenere i servizi essenziali, la riduzione delle corse, con conseguente affollamento
dei mezzi, durante le ore di punta, diventa occasione di contagio.
Si deve provvedere subito alla carenza dei dispositivi sanitari di sicurezza (DPI) nei
confronti del personale medico e paramedico e della popolazione più a rischio per la
presenza di importanti e gravi patologie e in considerazione dell’età.

Il Comitato Cittadino

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply