domenica, 22 Settembre, 2019

Psi Ravenna
Russi, una giunta nata male

0

Da sempre a Russi i socialisti hanno anteposto l’interesse della comunità a quello di parte, favorendo la continuità delle buone amministrazioni di centrosinistra anche in condizioni politiche avverse. Così è stato anche nella difficilissima prova di questa volta.

Non rendersi conto, però, della fragilità politica dell’attuale vittoria del centrosinistra sarebbe stolto, oltre che sbagliato: stolto e sbagliato pensare che sia stato sufficiente mostrarsi vestiti di nuovo. La fragilità della vittoria è nei numeri, che non rassicurano affatto sul futuro. Dalle Europee alle comunali si è spostato il 28% degli elettori: il 13% dei grillini, assenti dalla competizione amministrativa, e ben il 15% dei voti del centro destra, che crollano dal 47% al 32%. Una marea di voti dei quali il centrosinistra ha beneficiato soltanto per il 10%. Così, come Valentino vestito di nuovo, la sindaco – finita la festa – è a piedi nudi, piedi d’argilla, temiamo. Liberarsi dell’apporto socialista nella compagine di giunta, infatti, non riguarda tanto il disconoscimento di un ruolo amministrativo, quanto la negazione in radice di quello che qui i socialisti rappresentano, in termini di coerenza, nel tenere al riparo le amministrazioni di centrosinistra dai sommovimenti politici generali.

Lo hanno sempre fatto, anche quando altri preferivano non privilegiare l’aspetto civico del “prima Russi”. Ben altra povera cosa è stata – nelle nomine della giunta – il chiudersi della sindaco nel ristretto delle proprie predilezioni personali, evidentemente negando fiducia ad altri che non appartenessero a quella ristretta cerchia. Altri che pure le avevano dato incondizionata fiducia.

Questa giunta nata male non cadrà certo a causa dei socialisti, che hanno una parola sola, ma temiamo che il suo cammino non sarà facile. È mancata, infatti, l’intelligenza politica necessaria a consolidare almeno una parte di quello spostamento di voti dalle europee alle comunali, per favorire, anche col contributo di Russi, la vittoria del centrosinistra nelle imminenti elezioni regionali. Perché il mondo non finisce a Russi.
Ci sarà un sussulto di intelligenza? Vedremo.

il segretario provinciale
C. Lorenzo Corelli

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply