venerdì, 23 Agosto, 2019

Rapunzel, un magico
Natale al Teatro
Brancaccio di Roma

0

RapunzelAl Teatro Brancaccio di Roma, arriva il musical “Rapunzel”, una delle favole più celebri dei fratelli Grimm. Lo spettacolo, liberamente tratto dal racconto dei due autori tedeschi, farà vivere a tutte le famiglie (ma anche alle persone di tutte le età) la magia di un fantastico Natale, all’insegna della migliore tradizione natalizia del Brancaccio, offrendo l’opportunità – quasi involontaria – di staccare per un breve, ma intenso tempo la spina, e facendoci sentire spensierati e sereni dalle preoccupazioni  di tutti i giorni.

In questa occasione, il teatro diventerà la nostra scatola magica dalla quale possiamo ripescare i nostri ricordi d’infanzia, farci sognare ad occhi aperti  e… perché no!, anche per tornare ad essere bambini nel cuore senza vergogna, grazie all’entusiasmo dei nostri figli, che porteremo con noi a  vedere il musical. Nello spettacolo musicale potremo ammirare, come già annunciato nei mesi precedenti di promozione, un’interprete d’eccezione: infatti, proprio Lorella Cuccarini, l’attrice, cantante e showgirl più amata dagli italiani, si confronterà con un ruolo per lei inconsueto, ovvero quello di madre Gothel (Go to Hell=Vai all’inferno), l’antagonista della nostra storia. La Cuccarini si è dichiarata soddisfatta, per aver avuto la possibilità di tirare fuori questo suo lato dark, mai sperimentato prima e considerato “inedito” anche dalla stessa attrice.

La regia è guidata da Maurizio Colombi, reduce dal successo del musical di Peter Pan con le musiche di Edoardo Bennato. “Rapunzel” sarà proprio caratterizzato dallo stile di Colombi, che utilizza rumori e sottofondi per creare un’atmosfera stile cartoon  e realizzando una sorta di double-fiction, dove i personaggi si trasformeranno dai personaggi sul palcoscenico ai disegni animati in video. Il tutto, accompagnato da musiche rock-melodiche originali, emozionanti e coinvolgenti. Le scenografie sono progettate da Alessandro Chiti, il quale ha realizzato sfondi di scena imponenti e a grande impatto visivo, con 15 quadri in continuo movimento  per mostrare agli spettatori, i vari luoghi della storia dove si incontrano i nostri personaggi. Tra gli effetti speciali, ci stupirà soprattutto, la lunga chioma intrecciata di Rapunzel, lunga sei metri, che si illuminerà magicamente grazie a miriade di piccole magiche luci.

20 performers sono stati selezionati fra ballerini e acrobati (che riproducono le coreografie di Rita Pivano), cantanti e attori. Inoltre, sono state scelte ben due attrici per interpretare Rapunzel bambina e Rapunzel ragazza (quest’ultima interpretata da Alessandra Ferrari  che sarà affiancata dal suo co-protagonista Phil, interpretato da Giulio Corso).

CuccariniAltri personaggi  che ruotano intorno ai protagonisti sono il re e la regina nella loro umiltà e umanità, un ladro superficiale e infantile che si innamora e diventa eroe, un capitano pasticcione al comando di guardie imbranate, briganti e furfanti facili da soggiogare, e un popolo e una corte pronti a esultare o a condannare. Molti i temi morali e sempre attuali, affrontati nello spettacolo, da insegnare ai bambini in chiave molto semplice e divertente e  che sono stati colti precedentemente,  leggendo la  favola dei fratelli Grimm. Da subito ci accorgeremo del tema sulla lotta eterna  tra il bene e il male, questi ultimi rappresentati in questo caso rispettivamente, da Rapunzel e madre Gothel.

La brama della vanità e delle cose fatue,  ma anche il gusto per le cose semplici a favore di una di una vita in armonia con il mondo, il rapporto tra madre e figlia e una riflessione sulla crisi adolescenziale.  Inoltre troviamo il tema del desiderio dell’eterna giovinezza, proprio di madre Gothel, un tema attuale rappresentato oggi dai “poteri” della chirurgia plastica, mentre nella favola grazie ai poteri magici e segreti dell’antagonista e in parte,  desiderio realizzato anche grazie alla magia della treccia di Rapunzel. Chi vincerà tra il bene il male,  in questa favola che ci regala il teatro Brancaccio per Natale? Per scoprirlo non vi resta che andare a vedere il musical e… buona Magia!

Federica Marazza

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply