mercoledì, 18 Settembre, 2019

Riserve auree Bankitalia. Ok dal Senato per il rimpatrio

0

Con 141 sì, 83 no e 12 astenuti, ieri, l’Aula del Senato ha approvato la mozione di maggioranza sulle riserve auree della Banca d’Italia. M5S e Lega, con la mozione firmata per primi da Alberto Bagnai e Laura Bottici, hanno chiesto una definizione dell’assetto della proprietà delle riserve auree detenute dalla Banca d’Italia nel rispetto della normativa europea e di acquisire le notizie su quelle detenute all’estero e sulle modalità per l’eventuale loro rimpatrio.
Con la mozione si vogliono inoltre acquisire le notizie sulle riserve detenute all’estero e sulle “modalità per l’eventuale loro rimpatrio”. Bankitalia, come si precisa nella mozione, è il quarto detentore di riserve auree al mondo, dopo la Federal Reserve, la Bundesbank e il Fondo monetario internazionale.
Per acquisire queste informazioni, in realtà, sarebbe stato sufficiente leggere la documentazione già esistente in Parlamento.
Palazzo Madama ha, invece, respinto le mozioni presentate da alcuni partiti dell’opposizione, Fdi, Fi e Pd.
Il ministro per i Rapporti con il Parlamento e la Democrazia diretta, Riccardo Fraccaro, ha dichiarato:  “Il governo intende risarcire i truffati delle banche e per questo ha stanziato 1 miliardo e mezzo di euro. Nel Consiglio dei ministri non ci saranno nuove norme ma si affronterà il tema nei decreti attuativi con l’obiettivo di approvarli nel più breve tempo possibile. È un nostro impegno fondamentale e lo porteremo presto a termine”.
Il sottosegretario all’Economia, Alberto Villarosa, ha dichiarato: “Già il governo, durante la discussione, aveva espresso parere favorevole alla mozione”.
Il leghista Bagnai, presidente della Commissione Finanze al Senato, firmatario con la collega penta stellata della mozione, ha dichiarato: “L’indipendenza della Banca centrale non è assolutamente in discussione. Si tratta di un principio che noi rispettiamo perché iscritto nel nostro ordinamento. La gestione dell’oro é assolutamente indiscussa, nessuno pensa di darla al governo, ma é importante affermare che quell’oro è degli italiani, è l’oro dello Stato”.
Il risarcimento ai truffati così graverà sulle tasche di tutti i contribuenti italiani e non sulle Banche che hanno commesso il reato di truffa verso la propria clientela. Si tratta di un provvedimento inammissibile, che fa comodo soltanto alle banche truffaldine con la complicità del governo giallo-verde.
Fratelli d’Italia aveva presentato una mozione simile (primi firmatari Fazzolari e De Bertoldi) in cui si chiedeva al governo un tempestivo atto normativo che ribadisca in maniera esplicita che le riserve auree sono di proprietà dello Stato italiano e non della Banca d’Italia.
Opposta invece la mozione del Pd (firmatari D’Alfonso e Misiani) che impegnava il governo a confermare la piena autonomia della Banca d’Italia nella detenzione e gestione delle riserve auree. I dem chiedevano inoltre all’esecutivo ‘di escludere l’esecuzione di qualsiasi intervento volto a ridurre la disponibilità di risorse auree detenute dalla Banca d’Italia per ridurre il debito pubblico, il deficit o per sostenere altri interventi, i cui costi di sistema sarebbero ben superiori ai benefici attesi’.

Entrambe le mozioni, oltre a quella di Forza Italia, sono state bocciate dall’Aula di Palazzo Madama.
La politica è tornata così a guardare all’oro di Bankitalia, con la maggioranza tentata dalla possibilità di usare le riserve auree di via Nazionale per iniziative economiche, che sia evitare una manovra bis o lo scatto delle clausole di salvaguardia ed il conseguente aumento dell’IVA.
Sul caso era già intervenuto il governatore di Banca d’Italia, Ignazio Visco. Nel corso del suo intervento alla relazione annuale ai partecipanti dell’istituto centrale, il numero uno di Palazzo Koch aveva chiarito: “I partecipanti al capitale della Banca d’Italia non hanno alcun diritto sulle riserve auree e valutarie della Banca d’Italia, la cui detenzione e gestione costituisce uno dei compiti fondamentali assegnati alle banche centrali dal Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea”.
Anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, si era detto preoccupato dalla tenuta dell’autonomia di via Nazionale in occasione della promulgazione della legge sulla commissione sulle banche (voluta fortemente dal M5S) firmata ma con riserva. In una lettera ai presidenti di Camera e Senato, il Capo dello Stato aveva ribadito: “I limiti all’attività delle commissioni sono derivanti dalla Costituzione e puntualmente indicati dalla giurisprudenza della Corte Costituzionale”.
Le riserve auree della Banca d’Italia sono parte integrante delle riserve valutarie ufficiali. Tali riserve sono detenute ai sensi del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea e dello Statuto del Sistema europeo delle banche centrali e della BCE, che includono la detenzione e la gestione delle riserve valutarie ufficiali tra i compiti fondamentali svolti dall’Eurosistema, a cui partecipano la BCE e le banche centrali dei paesi la cui moneta è l’euro. Le banche centrali gestiscono le riserve valutarie in piena indipendenza, nei limiti degli indirizzi adottati dalla BCE a salvaguardia della politica monetaria unica. L’oro è espressamente incluso nella nozione di ‘attività di riserva in valuta’ dalla normativa comunitaria che, in attuazione dell’art. 30 dello Statuto del SEBC, ha disciplinato il trasferimento di attività della specie dalle BCN alla BCE.
Le disposizioni contenute nel D.Lgs. n. 43/1998 sulla partecipazione della Banca al SEBC dispongono al comma 2 dell’articolo 7 quanto segue: “La Banca d’Italia provvede in ordine alla gestione delle riserve ufficiali, nel rispetto di quanto previsto dall’articolo 31 dello statuto del Sistema europeo di banche centrali e della Banca centrale europea”. L’articolo sostituisce il previgente art. 4, comma 2, del testo unico delle norme di legge in materia valutaria, approvato con decreto del Presidente della Repubblica n. 148 del 1988, secondo cui le riserve valutarie ufficiali erano gestite dall’Ufficio Italiano dei cambi, e dalla Banca d’Italia per gli interventi sul mercato dei cambi, per esigenze connesse con gli impegni internazionali e per le operazioni ordinarie. La modifica si rese necessaria in quanto, in seguito all’introduzione della moneta unica, le riserve valutarie ufficiali possono essere detenute e gestite esclusivamente dalle banche centrali dell’Eurosistema. Si segnala infine che lo stesso DPR 148/1988 all’art.15 comma 2 già prevedeva la facoltà per la Banca d’Italia di negoziare liberamente oro greggio all’estero, nell’ambito della gestione delle riserve e con i limiti ad esse applicabili.
L’oro della Banca d’Italia, le cosiddette riserve auree, è tornato da qualche giorno prepotentemente nell’agenda politica e ancor più ha fatto parlare la proposta di legge a prima firma di Claudio Borghi, deputato della Lega e presidente della Commissione Bilancio della Camera, in cui si chiede al Parlamento di definire in maniera univoca che la proprietà delle riserve auree sia dello Stato italiano.
Nella proposta di legge firmata dall’On. Claudio Borghi (atti parlamentari XVIII legislatura – A.C. 1064), all’art. 1, comma 1, si legge: “Il secondo comma dell’art. 4 del testo unico delle norme di legge in materia valutaria, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 31 marzo 1988. N. 148, si interpreta nel senso che la Banca d’Italia gestisce e detiene, ad esclusivo titolo di deposito, le riserve auree, rimanendo impregiudicato il diritto di proprietà dello Stato italiano su dette riserve, comprese quelle detenute all’estero”.
Molte speculazioni sono nate attorno all’idea che le riserve auree di Palazzo Koch possano essere una possibile soluzione di emergenza ai problemi dei conti pubblici vendendo i lingotti per evitare una manovra correttiva e l’attivazione dell’aumento dell’Iva. Va ricordato tuttavia che come previsto dall’articolo 123 del Trattato Ue le riserve auree sono sottoposte al divieto di finanziamento monetario poiché vengono considerate dai trattati un baluardo a difesa delle crisi valutarie e contro il rischio sovrano. Insomma l’oro dello Stato serve per rafforzare la fiducia nella stabilità del sistema finanziario italiano e del sistema euro.
Ma andiamo per gradi. Claudio Borghi, in un’intervista a ‘La Stampa’, ha spiegato: “In Italia ci sono leggi anche per regolamentare la vendita dei panini in salumeria, però manca una norma che dica chiaramente di chi sono le riserve auree. L’intervento legislativo vorrebbe ovviare alla anomalia dell’oro detenuto e gestito ma non posseduto dalla Banca d’Italia”.
Il deputato leghista, rispondendo ad una domanda di Alan Friedman, ha spiegato che non vi sia alcuna volontà da parte del Governo di fare cassa con le riserve auree vendendo i lingotti, ma che anzi la proposta di legge nasca per impedire che altri ci mettano le mani sopra.
La discussione attorno alle riserve auree nasce dall’assenza di una dicitura in cui si definisca che la proprietà dell’oro è dello Stato. E ancor prima dalla natura di Banca d’Italia e della sua governance. Se infatti l’Istituto di via Nazionale è un istituto di diritto pubblico, gli azionisti sono le banche, ovvero soggetti privati che, anche se non nominano il governatore, decidono la governance dell’istituto.
Ma, quindi, se l’oro degli italiani è gestito da banche private, chi è il proprietario? Quello che appare scontato non lo è dal momento che non c’è scritto da nessuna parte che non sia di proprietà degli istituti bancari. Inoltre secondo l’ex direttore generale di Bankitalia, Salvatore Rossi, solo la Bce può derimere la questione su chi sia il titolare del diritto di possesso dell’oro della Banca d’Italia. 
Come spiegano da Francoforte l’articolo 127 del trattato Ue attribuisce alla Banca centrale europea il compito di ‘detenere e gestire le riserve ufficiali dei paesi aderenti all’Eurozona’.
Dall’Eurotower è in arrivo una risposta a una interrogazione presentata dagli europarlamentari Marco Valli (ex M5S) e Marco Zanni (Lega) che hanno chiesto alla Bce proprio ‘di chiarire a chi debba essere attribuita la proprietà legale delle riserve auree degli Stati membri e di far sapere in che modo essa possa disporre di tali riserve’.
Ma quanto valgono le riserve auree? La Banca d’Italia è il quarto detentore di riserve auree al mondo, dopo la Federal Reserve statunitense, la Bundesbank tedesca e il Fondo monetario internazionale. Il quantitativo totale di oro detenuto dall’istituto, a seguito del conferimento di 141 tonnellate alla Banca centrale europea (BCE), è pari a 2.452 tonnellate ed è costituito prevalentemente da lingotti (95.493) e, per una parte minore, da monete. L’oro dell’istituto è custodito prevalentemente nei caveaux della Banca d’Italia e in parte all’estero, presso alcune banche centrali.
Molte delle polemiche che stanno montando sul caso nascono da due fatti: il primo è il rallentamento economico che influirà sulle capacità del Governo di rispettare le stime di crescita/deficit e le promesse sulla tenuta dei conti pubblici. Non solo: in questi giorni il governo ha più volte delegittimato la governance di via Nazionale parlando del caso della mancanta sorveglianza sui crac bancari degli ultimi anni. 
E se il governo vendesse l’oro? Le riserve come abbiamo visto valgono 90 miliardi di euro ma più volte il primo firmatario della proposta di legge ha spiegato come non vi sia l’intenzione di far ricorso alle riserve auree per ripianare i conti. 
Non sarebbe la prima volta: anche i governi Prodi e Berlusconi hanno mostrato interesse per l’oro di Bankitalia. Fu l’allora ministro dell’Economia del secondo governo Prodi, Tommaso Padoa Schioppa a dire per primo: “L’uso delle riserve auree non può essere un tabù”. Ma, molto probabilmente, Padoa Schioppa si riferiva al fatto che gli italiani debbono essere informati sull’uso che viene fatto delle riserve auree.
Nel 2009, il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, tentò invece di tassare le plusvalenze sull’oro della Bankitalia, ma fu bloccato dalla Bce, all’epoca guidata da Jean-Claude Trichet. Poi nel pieno della crisi dei debiti sovrani, a metà del 2011, Romano Prodi e Alberto Quadrio Curzio proposero la costituzione di un Fondo finanziario europeo, con capitale costituito da riserve auree degli Stati membri, per abbattere il debito pubblico. Anche in questo caso il tentativo del governo italiano è stato stoppato dalla Banca centrale europea. 
Come viene ricordato in un documento informativo di sintesi dell’Istituto Centrale, la Banca d’Italia nacque nel 1893 dalla fusione della Banca Nazionale del Regno d’Italia, la Banca Nazionale Toscana e la Banca Toscana di Credito: la dotazione aurea iniziale era di 78 tonnellate di oro fino, di cui l’86 per cento proveniente dalla Banca Nazionale nel Regno. Nel 1926, con l’attribuzione del monopolio esclusivo delle emissioni alla Banca d’Italia, il Banco di Napoli e il Banco di Sicilia cedettero le proprie riserve auree, pari a circa 70 tonnellate provenienti quasi per intero dal Banco di Napoli. Nel 1933 la riserva aurea della Banca d’Italia superava le 561 tonnellate.
La seconda guerra mondiale fu talmente onerosa che le risorse nel 1943 erano scese ad appena 121 tonnellate, ulteriormente usurpate dai tedeschi dopo l’armistizio. Nell’ottobre del 1944 la riserva aurea scese ad un minimo di circa 22 tonnellate.
Nel 1946 la Commissione tripartita per la restituzione dell’oro monetario ai Paesi che avevano subito asportazioni da parte dei nazisti assegnò alla Banca d’Italia 31,7 tonnellate delle 69 richieste e nel 1958 operò una ulteriore attribuzione di 12,7 tonnellate. La quantità ufficialmente persa dalla Banca, in ragione degli eventi bellici, fu di circa 25 tonnellate.
Nel dopoguerra, l’Italia divenne rapidamente un paese esportatore e per tale motivo beneficiò di cospicui afflussi di valuta estera, soprattutto in dollari. Tali flussi, anche per le esigenze connesse al rispetto degli accordi di Bretton Woods, furono anche utilizzati per acquistare negli anni quantitativi di oro, al pari di quanto facevano all’epoca le principali banche centrali europee.
Negli anni immediatamente successivi alla seconda guerra mondiale, l’oro della Banca d’Italia aumentò progressivamente, fino a raggiungere alla fine del 1958 le 244 tonnellate. In quegli anni gli acquisti di oro venivano effettuati anche dall’Ufficio Italiano Cambi (UIC, un ente, diventato poi strumentale della Banca d’Italia, che aveva l’obiettivo di controllare i movimenti di capitale e gestire le riserve in valuta, tra cui l’oro). Alla chiusura del primo bilancio al 30 giugno 1946, l’UIC deteneva oro per 1,8 tonnellate, ceduto dalla Banca di Francia.
Nel corso degli anni successivi, a partire dal 1951 e fino al 1960, l’UIC acquistò ingenti quantità di oro fino ad accumularne poco meno di 2.000 tonnellate. Nel 1960 e nel 1965 vennero attuati due trasferimenti dalle riserve dell’Ufficio a quelle della Banca d’Italia per complessive 1.890 tonnellate, in base al principio che riconosceva alla Banca la detenzione delle riserve auree e all’UIC la gestione di quelle valutarie, portando in questo modo il quantitativo delle riserve della Banca a 2.136 tonnellate. Negli anni successivi, soprattutto tra il 1966 e il 1970, vi furono altre variazioni in aumento delle quantità detenute che raggiunsero nel 1973 le 2.565 tonnellate.
Nel 1976, nell’ambito di un’operazione di credito effettuata con la Deutsche Bundesbank, per conto dell’UIC, 543 tonnellate di oro furono trasferite dalla Banca all’UIC per consentire a quest’ultimo di costituirsi un adeguato quantitativo di oro da trasferire alla Bundesbank in garanzia del credito ricevuto; le riserve si ridussero pertanto a 2.022 tonnellate.
Nel 1979 furono poi trasferiti al Fondo Europeo di cooperazione monetaria (FECom) il 20 per cento delle riserve ufficiali in euro e in dollari, pari a circa 517 tonnellate di oro; la riserva aurea dell’Istituto raggiunse in questo modo le 1.505 tonnellate, rimanendo sostanzialmente invariata fino al 1996 (nel gennaio del 1980 vi fu un ulteriore trasferimento di oro al FECom per 1,3 tonnellate).
Nel 1997 l’oro di proprietà della Banca salì a 2.074 tonnellate, grazie all’acquisto dell’oro residuo di disponibilità dell’UIC pari a 570 tonnellate (tra il 1977 e il 1979 la Bundesbank aveva restituito all’UIC le 543 tonnellate di oro, cui si aggiungono 27 tonnellate restituito dal FMI sempre nel triennio 1977 – 1979).
Nel 1998 la riserva aurea della Banca aumentò di ulteriori 518 tonnellate grazie alla chiusura definitiva dell’operazione di REPO contro ECU stipulata con la BCE. Le ultime variazioni quantitative, che hanno portato le riserve alle attuali consistenze di 2.452 tonnellate, sono avvenute all’inizio del 1999, in occasione dell’avvio dell’UEM, con il conferimento alla BCE di 141 tonnellate di metallo.
Il governo attuale sta mettendo in atto un altro attacco in modo strumentale, pensando agli interessi di ‘bottega’ per fare gli interessi elettorali della Lega e del M5S senza preoccuparsi degli interessi dell’Italia. In altri tempi, invece, uomini come Pietro Nenni erano disposti a sacrificare il proprio partito politico pur di raggiungere gli interessi supremi del Paese.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply