martedì, 7 Luglio, 2020

Ritorno all’agricoltura, boom di italiani che cercano lavoro nei campi

0

Pensione di invalidità
NUOVA PROCEDURA PER LA DOMANDA
Cambia la modalità per la presentazione della richiesta di pensione di invalidità, cecità civile, sordità, handicap e disabilità, obbligatoria dal 1 giugno.
Trattasi di una modalità unica di trasmissione valida per i soggetti fra i 18 e i 67 anni di età, e in considerazione dello stato di emergenza per pandemia in corso, sarà il metodo esclusivo di inoltro domanda.
Consiste nella possibilità offerta ai cittadini di età compresa tra i 18 e i 7 anni di anticipare – al momento della presentazione della domanda di invalidità civile – le informazioni socio-economiche contenute nel modello “AP70”, che in genere vengono comunicate soltanto al termine dell’esito dell’istruttoria sanitaria.
Si tratta di eventuali ricoveri, svolgimento di attività lavorativa, dati reddituali, nonché dell’indicazione delle modalità di pagamento e della delega alla riscossione (quadro G) o in favore delle associazioni (quadro H). Avendo già queste informazioni, alla fine dell’accertamento sanitario può partire subito il pagamento della prestazione economica riconosciuta.
Solamente in pochi casi (soggetto ricoverato al momento dell’istanza o titolare di altri trattamenti di invalidità incompatibili) sarà invece necessario completare comunque il modello AP/70 dopo la conclusione dell’iter sanitario

Tfs degli statali
VIA LIBERA AL DECRETO PER L’ANTICIPO
Entrerà in vigore a breve il decreto per i lavoratori statali che riguarda l’anticipo della liquidazione a cui hanno diritto in uscita dal lavoro con la pensione anticipata, di vecchiaia o con Quota 100.
Il meccanismo, già atteso con il decreto n.4 del gennaio 2019, consentirà ai dipendenti del pubblico impiego di farsi anticipare in banca la somma fino a 45mila euro della liquidazione, sia nel caso di trattamento di fine rapporto (Tfr) che in quello di fine servizio (Tfs) spettante al momento dell’uscita da lavoro.
Il decreto, annunciato dalla ministra della Pubblica amministrazione Fabiana Dadone, è stato registrato dalla Corte dei Conti e fissa le modalità di questa operazione: entro pochi giorni potrà entrare in vigore e poi dovrà essere perfezionata la convenzione con il sistema bancario, il cui tasso di interesse non dovrebbe superare il 2%. A quel punto gli interessati potranno recarsi in un istituto di credito per avviare la pratica.
Allo stato, quando un dipendente pubblico va in quiescenza deve aspettare alcuni anni prima di poter incassare integralmente la propria liquidazione, il cosiddetto Tfs/Tfr. Si tratta di 12 mesi di attesa nel caso di cessazione dal servizio o 24 mesi per le dimissioni o il licenziamento per i primi 50.000 euro di liquidazione, ulteriori 12 mesi per la parte eccedente e fino a 100.000 euro, e ancora un anno in più per quella che eventualmente supera i 100 mila.
L’attesa è ancora più lunga per coloro che lasciano il lavoro con Quota 100, perché per loro il momento del diritto al Tfs/Tfr corrisponde a quello in cui avrebbero conseguito la pensione (di vecchiaia o anticipata) con le regole precedenti, quelle della Legge Fornero. Chi esce da lavoro a 62 anni, l’età minima di Quota 100, nei casi estremi dovrà attendere fino a cinque anni per vedersi accreditare la liquidazione.
Il provvedimento in arrivo sulla liquidazione delle pensioni permetterà di abbreviare l’erogazione, sia pure sol parziale, del Tfr o del Tfs, come previsto dal decreto n.4 del gennaio 2019 (che ha subito vari rimaneggiamenti anche in seguito al parere del Consiglio di Stato). L’importo che inizialmente era di 30mila euro è stato poi incrementato fino a 45mila, e potrà essere incassato mediante la procedura illustrata nel testo della decretazione. Il testo spiega tra l’altro cosa deve fare il dipendente interessato a utilizzare questa opzione l’adempimento principale consiste nell’ottenere dall’ente erogatore della liquidazione (nella maggior parte dei casi l’Inps) la certificazione del diritto alla liquidazione stessa (nell’importo spettante al netto da eventuali anticipi già ricevuti). Chi accede alla pensione con Quota 100 deve poi procurarsi una certificazione specifica legata alla data in cui avrebbe perfezionato il diritto alla collocazione a riposo con le regole ordinarie.
Il prestito viene rimborsato comprensivo di capitale e interessi al momento dell’effettiva corresponsione del Tfr/Tfs, sul quale sarà operata una corrispondente trattenuta. Dal punto di vista della banca il finanziamento è garantito dalla cessione del credito relativo alla liquidazione, ma è stata prevista anche l’istituzione di un Fondo di garanzia, per l’ipotesi molto remota in cui l’Inps non fosse in grado di versare il dovuto. Quanto al tasso di interesse, la versione originaria del decreto legge fissava un massimo al Rendistato (il rendimento di un paniere di titoli di Stato) incrementato di 30 centesimi. A maggio il Rendistato è stato pari a 1,387 per cui il tasso andrebbe sotto il 2%.

Ritorno all’agricoltura
BOOM DI ITALIANI CHE CERCANO LAVORO NEI CAMPI
Ritorno alla terra con un boom di italiani che cercano lavoro nel settore agricolo. E Le ricerche sono aumentate soprattutto nelle ultime settimane. E’ quanto emerge dalla nuova analisi condotta da Indeed, portale internazionale per chi cerca e offre lavoro. In più rapida crescita, tra le parole chiave usate per la ricerca sul portale, compaiono quelle per l’agricoltura, il lavoro a distanza e i lavori disponibili immediatamente. Nel mese di maggio, la ricerca di termini come “raccolta frutta” è aumentata del 1742% in confronto al corrispondente lasso di tempo dello scorso anno.
Picchi significativi sono stati riscontrati pure per altre ricerche come “lavoro agricolo” (+1035%), “operai raccolta” (+ 824%) e “aziende agricole” (+ 562%). Dati che indicano come, con l’intensificarsi della crisi economica, molte persone cercano lavoro anche in nuovi comparti, spingendosi alla ricerca di posizioni diverse rispetto al passato.
Dal monitoraggio affiora anche che le ricerche relative al lavoro a distanza continuano a giocare un ruolo chiave per gli italiani, con termini come “smart working” in ascesa del 10.300% in confronto allo scorso anno. Seguono termini di ricerca come “lavoro da casa, online,” lievitato del 3.092% e “lavoro da remoto”, salito del 725%. Analogamente si è evidenziata una tendenza a ricercare termini come ‘tutti i lavori’ (+ 490%) e ‘lavoro subito’ (+325%), un segnale che indica che la ricerca di lavoro non può essere procrastinata, spingendo le persone a prendere in considerazione anche occupazioni in ambiti diversi da quelli della propria professione.
Per Dario D’Odorico, Senior Director di Indeed, “i dati mostrano chiaramente l’enorme interesse per lo smart working, nonché una rinnovata attenzione per settori come l’agricoltura”. “Con l’evolversi della crisi, abbiamo visto persone in tutto il Paese adattare la propria attività lavorativa alle nuove condizioni. Molti di coloro che hanno perso il lavoro hanno acquisito negli anni competenze preziose che possono essere impiegate anche in altri settori. Il nostro obiettivo è di metterli in contatto con queste opportunità”, ha aggiunto. Indeed ha anche introdotto una nuova funzione per tutti gli utenti, il tag #disponibileimmediatamente che permette alle persone in cerca di lavoro – e subito disponibili – di entrare in contatto rapidamente con i datori di lavoro, specialmente in questo momento così eccezionalmente particolare. Oltre quarantamila italiani in cerca di lavoro hanno già aggiunto il tag dedicato #disponibile-immediatamente al proprio curriculum su Indeed, per segnalare che sono disponibili a lavorare da subito. In questo modo, i datori di lavoro che hanno posizioni aperte da ricoprire con urgenza possono cercare tra i candidati subito disponibili. “Per noi, in questo momento storico è più importante che mai aiutare le persone a trovare lavoro, fornendo loro le risorse di cui hanno bisogno. Questa nuova funzione è progettata per connettere rapidamente coloro che sono disponibili a lavorare immediatamente con le aziende che hanno urgenza di assumere”, ha aggiunto D’Odorico. Indeed è il sito per la ricerca di lavoro nel mondo che consente a chi cerca lavoro di frugare tra milioni di lavoro su web o mobile in oltre 60 paesi in 28 lingue.

Carlo Pareto

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply