martedì, 27 Ottobre, 2020

Roma, è allarme aumento povertà

0

A Roma la situazione povertà sta esplodendo: dall’inizio della pandemia gli aiuti richiesti da persone con difficoltà sono aumentati del cento per cento.
La Caritas di Roma ci dice che nei 101 centri diocesani della Caritas questi dati sono incontrovertibili. I pacchi alimentari riguardano un numero di persone triplo rispetto alla quotidianità pre pandemia: persone che hanno perso il lavoro, a cui non arrivano gli ammortizzatori sociali, disoccupati, che semplicemente non riescono a mangiare. Le quantità di cibo doante sono consistenti ma il soddisfare un numero sempre crescente di persone, per le rrealtà mutualistiche, non è certo facile. Molte persone che sono finite in povertà erano cittadini che avevano un occupazione regolare prima dell’emergenza Covid, soprattutto giovani. A queste persone in pochi giorni è crollato il mondo addosso. Questi fenomeni non rigaurdano solo le periferie, ma anche, come dicono sempre dalla Caritas Romana, anche zone centrali, come, ad esempio, quella di San Giovanni.

Ovviamente i più deboli, i poveri pre pandemia, hanno visto peggiorare ancora di più la loro condizione. I senza tetto, e senza pasto, sono in aumento. Sono tantissimi gli anziani che non riescono ad arrivare a fine mese ma che per motivi di sicurezza devono limtiare gli spostamenti, perché soggetti a rischio.
Queste nuove fasce di povertà richiedono nuovi e più intensi interventi da chi ogni giorno pratica mutualismo.
Il compito di associazioni come la mia Spazio Solidale e delle tante reti che in questa direzione si muovono, è gravoso ma è ineludbile.
L’auspicio è che la politica si accorga della situazione e ascolti il mondo che tutela e rappresenta queste fasce povere di popolazione.

 

Antonino Martino

Responsabile Politiche Sociali Psi Roma

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply