sabato, 19 Ottobre, 2019

“Romanista ebreo”. Insulti antisemiti laziali

2

anna frankTorna alla ribalta il caso dell’antisemitismo allo stadio. “Questa non è una curva, questo non è calcio, questo non è sport. Fuori gli antisemiti dagli stadi”. Così la presidente della Comunità ebraica di Roma, Ruth Dureghello su twitter, postando una foto che ritrae degli adesivi tra cui uno con la foto di Anna Frank che indossa la maglia della Roma e un altro con la scritta “Romanista ebreo”. Un fotomontaggio del 2013 che sta tornando alla ribalta in queste ore: i tifosi giallorossi accusano i sostenitori laziali di aver distribuito fotografie di Anna Frank con la maglia della Roma durante Lazio-Cagliari.
“Basta siamo stanchi – sottolinea Ruben – la foto che abbiamo postato su Twitter è stata presa direttamente dal profilo Instagram di un tifoso laziale che si vantava con altri tifosi scrivendo: ‘ai romanisti abbiamo lasciato un ricordo… As Roma merda’. Insomma i tifosi laziali hanno esportato razzismo antisemita anche in curva sud. Questo atteggiamento è una sfida alle istituzioni che ne devono prendere atto e devono farsi carico del problema. La società deve prendere provvedimenti. Per quale motivo le persone che vanno allo stadio devono fare una serie di controlli come avviene in aeroporto e poi chiunque può entrare con una foto di Anna Frank con la maglia della Roma senza subire alcuna conseguenza?”.
Squalificata la curva della Lazio ai tifosi biancazzurri era stato consentito di accedere alla curva Sud dell’Olimpico, tradizionale regno dei romanisti, al prezzo simbolico di un euro. È stata l’occasione per tappezzare le vetrate degli spalti di foto e manifesti antisemiti.
Gli adesivi e i volantini offensivi sono ovviamente stati rimossi dagli addetti alle pulizie dello stadio in vista della gara di mercoledì della Roma con il Crotone e ora i fatti sono all’esame della procura sportiva della federcalcio guidata da Giuseppe Pecoraro.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply