martedì, 9 Marzo, 2021
Direttore Responsabile Mauro Del Bue

Rugby: i 32 azzurri per la prima del 6 Nazioni 2021

0

blankSono trentadue gli Azzurri convocati ufficialmente da Mr. Smith, Head Coach della Nazionale Italiana Rugby, in preparazione all’esordio nel Guinness Sei Nazioni 2021 contro la Francia., in calendario sabato 6 febbraio alle 15.15 allo Stadio Olimpico.
Come sempre sintetiche le dichiarazioni di Mr. Smith: “I due raduni di Parma e Treviso ci hanno dato indicazioni utili al fine di iniziare nel migliore dei modi il raduno di Roma in preparazione all’esordio nel Sei Nazioni 2021. Abbiamo un gruppo unito e valido che verrà integrato da altri giocatori che hanno già avuto modo di assaporare l’atmosfera dei raduni Azzurri. Da Domenica, con l’arrivo dei giocatori rilasciati alle Franchigie, la rosa sarà al completo e proseguiremo la preparazione verso il match contro la Francia”.
Nella lista Nazionale un totale di trentasette nomi, che si raduneranno nella Capitale da giovedì 28 gennaio, con tanti abituali, certuni ritrovati, qualche esordiente, un paio di principianti invitati e una lista di assenze di cui un paio rimbombanti.
Fare con quello che si ha è la soluzione migliore per fronteggiare situazioni di criticità e noi italiani siamo maestri nell’elaborare strategie in situazioni precarie. Non ne è esente il nostro rugby e il Capo Allenatore, sebbene sudafricano, “obtorto collo” o convinzione si affida alla stessa ossatura, confermando il reparto delle terze linee e la mediana, del nuovo corso Azzurro a partire dagli ultimi impegni in Autumn Cup.
Prima volta assoluta per l’attesissimo Nacho Brex, dopo anni di dubbi sulla eleggibilità, chiamata ufficiale per Riccardo Favretto, Daniele Rimpelli e Marco Manfredi. Esordio anche per Tommaso Menoncello, seppur solo fra gli invitati. Ritroviamo Marco Riccioni, dopo lunga assenza per infortunio, Cherif Traoré e Federico Ruzza.
Lunghissima la lista dall’infermeria: Mancherà l’apporto fondamentale di JJ “ Superman” Polledri, che prosegue il lungo percorso di recupero dopo l’intervento chirurgico, non ci sarà Steyn, anche lui infortunato, lasciando lo Staff azzurro a “inventarsi” chi potrà vestire la maglia numero 8 anche se Meyer parrebbe il più indicato per caratteristiche e stato di forma.
No Morisi, non ancora Campagnaro e Castello, neanche il potenziale Faiva e fuori dai giochi Leo Ghiraldini dopo l’addio al rugby internazionale ufficializzato un paio di giorni or sono, e fragorosa l’assenza di Matteo Minozzi (anche se taluni la ventilavano da qualche tempo) che ha rinunciato poiché provato dal tanto lavoro svolto e da situazioni psicologiche legate al periodo pandemico.
Certo che non sarà facile dipanare la matassa e l’allargamento della rosa con “nuove” scelte non può che passare obbligatoriamente dal vagliare attentamente altri campionati fuori i confini nazionali, anche minori come il ProD2, alla ricerca di qualche giocatore dalla discendenza di sangue italica. Farlo ma in modo pronto e riservato, che non pare siano proprio peculiarità che ci appartengono visto l’ultima vicenda in Premiership,
Fa, inoltre, difetto la mancata convocazione di Pierre Bruno, sicuramente uno degli uomini con più talento nel panorama italiano, naturale e performante “alternativa” a Matteo Minozzi, sia da estremo, sia sulla fascia laterale ma con capacità,ci permettiamo con modestia, anche da centro.
Chissà che non sia proprio questa la sua posizione ideale nel rugby “fantasioso” del terzo millennio sempre meno XV e più Seven con una spruzzata di XIII.
Paolo Odogwu insegna.

 

I CONVOCATI: PER RUOLO, SQUADRA E PRESENZE

Piloni
Pietro CECCARELLI (Brive, 14 caps)
Danilo FISCHETTI (Zebre Rugby Club, 8 caps)*
Marco RICCIONI (Benetton Rugby, 7 caps)*
Daniele RIMPELLI (Zebre Rugby Club, esordiente)*
Cherif TRAORE’ (Benetton Rugby, 10 caps)*
Giosuè ZILOCCHI (Zebre Rugby Club, 10 caps)*

Tallonatori
Luca BIGI (Zebre Rugby Club, 32 caps) – capitano
Gianmarco LUCCHESI (Benetton Rugby, 2 caps)*
Marco MANFREDI (Zebre Rugby Club, esordiente)*

Seconde Linee
Niccolò CANNONE (Benetton Rugby, 8 caps)*
Riccardo FAVRETTO (Mogliano Rugby 1969, esordiente)
Marco LAZZARONI (Benetton Rugby, 11 caps)*
David SISI (Zebre Rugby Club, 11 caps)
Cristian STOIAN (Fiamme Oro  Rugby, 2 caps)*

Terze Linee
Michele LAMARO (Benetton Rugby, 2 caps)*
Maxime MBANDA’ (Zebre Rugby Club, 25 caps)*
Johan MEYER (Zebre Rugby Club, 9 caps)
Sebastian NEGRI (Benetton Rugby, 28 caps)
Federico RUZZA (Benetton Rugby, 19 caps)*

Mediani di Mischia
Callum BRALEY (Benetton Rugby, 9 caps)
Guglielmo PALAZZANI (Zebre Rugby Club, 41 caps)
Stephen VARNEY (Gloucester Rugby, 3 caps)

Mediani di Apertura
Tommaso ALLAN (Benetton Rugby, 60 caps)
Carlo CANNA (Zebre Rugby Club, 47 caps)
Paolo GARBISI (Benetton Rugby, 5 caps)*

Centri/Ali/Estremi
Mattia BELLINI (Zebre Rugby Club, 28 caps)
Juan Ignacio BREX (Benetton Rugby, esordiente)
Montanna IOANE (Benetton Rugby, 1 cap)
Federico MORI (Kawasaki Robot Calvisano, 5 caps)*
Luca SPERANDIO (Benetton Rugby, 6 caps)*
Jacopo TRULLA (Kawasaki Robot Calvisano, 3 caps)*
Marco ZANON (Benetton Rugby, 4 caps)*

Atleti Invitati
Michelangelo BIONDELLI (Zebre Rugby Club, esordiente)*
Tommaso BONI (Zebre Rugby Club, 11 caps)*
Renato GIAMMARIOLI (Zebre Rugby Club, 4 caps)*
Tommaso MENONCELLO (Benetton Rugby, esordiente)*
Marcello VIOLI (Zebre Rugby CLUB, 19 caps)*
*membro accademia FIR Ivan Francescato

 

blankRugbyingClass di Umberto Piccinini

 

Condividi.

Riguardo l'Autore

Rugbying Class

Leave A Reply