domenica, 23 Febbraio, 2020

Putin: ora riforma Costituzione e Medvedev si dimette

0

Grandi manovre politiche, a sorpresa, nella Federazione Russa, dove il Presidente Vladimir Putin ha annunciato una riforma della Costituzione che darà più poteri alla Duma, la camera bassa del Parlamento, e al Primo Ministro, che non verrà più nominato dal Cremlino ma dalla stessa Duma, che fino ad oggi ha soltanto il compito di accettare o meno la proposta presidenziale. Secondo alcuni analisti questa mossa è l’anticipazione della candidatura di Putin a premier nel 2024, quando secondo le attuali norme non sarà più rieleggibile al Cremlino.

La prima conseguenza della riforma, che dovrà essere approvata da un referendum popolare, è stata la fine del Governo guidato da Dmitrij Medvedev. Quest’ultimo, che subito dopo le dimissioni è stato nominato al vertice della difesa e della sicurezza dello Stato, ha dichiarato che “in questo contesto è evidente che noi, come governo, dobbiamo offrire al nostro presidente l’opportunità di intraprendere le misure necessarie”.

Al suo posto il Cremlino ha nominato Mikhail Mishustin, ormai ex responsabile del servizio fiscale federale. Ci si aspetta che linea politica del suo governo non sia tanto diversa da quella del predecessore. Nonostante sia già passato un ventennio, si prospettano altri anni da protagonista per Vladimir Putin.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply