mercoledì, 28 Ottobre, 2020

Scrive Giuseppe Fertonani:
Considerazione sul grande mediatico fratello politico

0

Spesso mi domando come si possa essere ingrati ad un primo ministro, a capo di un governo di suoi pari, che offra un’opulenza di spunti per scrivere su di lui, o meglio, su tutta la squadra al completo, all’anglosassone il suo ‘nice dream team’, e vai di fake!!

Mi potrei riferire alle comunicazioni esternate da tutti i singoli ministri per i loro rispettivi ambiti di
competenza, sempre che ne abbiano almeno uno, se non forse la tristissima comunicazione
puramente demagogica. Non vi inducono a supporre che ‘divulghino’ le loro meschine elaborazioni
neuroniche a braccio, in assenza di evidente logica cognitiva, ma soprattutto senza capire nulla di
quello che stiano esternando; non avete mai ipotizzato o che ‘diano aria alla bocca o che
perseguano inconsciamente la divulgazione di concetti a loro stessi alieni’. Perchè dico ciò, a cosa
mi riferisco, cosa dicono di tanto particolare? In pieno olocausto burocratico delle istituzioni, così
parrebbe, passa ai TG nell’ora di massimo audience, il testimonial istituzionale di turno che, ahimè
con sommo rammarico, esterna ‘non essendo ancora pervenute ai punti vendita le mascherine da
vendere a 50 centesimi, noi esortiamo i cittadini a proteggersi dall’infame bestia con qualsiasi
mezzo a loro disposizione’. Non vi è capitato di incrociare per strada persone con la sciarpa di lana
sul viso o con foulard di seta griffato o, meraviglia delle meraviglie, un assorbente da adulto per
modeste perdite quotidiane a copertura della bocca; è da augurarsi che non fosse il riciclaggio di un
usato, le 4 RRRR della Green Economy .

Comunque non verrebbe da chiedersi se qualsiasi oggetto, come ad esempio uno scolapasta o un semplice setaccio per sabbia o per farina OO possa avere la stessa valenza di un DPI per protezione delle vie respiratorie da rischio biologico? Che queste siano fake o meglio menzione? In seguito parrebbe che le bramate mascherine provenienti dalla Cina siano state bloccate in dogana perché provviste di marchio CE, acronimo di Cina Export, ma non certificate e marchiate con lo stesso acronimo che prevede si la sigla CE oltre il numero della registrazione dell’organismo certificatore IQNET; Verrebbe da chiedersi che gli Ispettori Doganali siano parte di una congrega massonica di sovversivi o che il testimonial istituzionale governativo abbia parlato dando aria alla bocca? Dov’è la fake? Tutti dicono tutto il contrario di tutto, dalle dichiarazioni di ogni ministro e o del suo vice, dei suoi segretari/sottosegretari/addetti ai servizi di gabinetto, ai servizi di igienizzazione dei sanitari per giungere alla pletora di consulenti assoldati a fior di ‘fiorini’; ‘siamo con voi’, ‘Siete dei Nostri’ emulando la ottantenne scritta sulla fibia dei militari Tedeschi dell’ultimo conflitto ‘GOTT mit UNS’, Dio è con Noi o i Vecchi poster dello zio Sam per arruolare i giovani volontari per la II guerra, ‘Voglio te per l’esercito degli Stati Uniti’.

Per giungere alla splendida dicitura che correda un primo piano da fototessera del ministro degli esteri ‘pensa come vuoi ma pensa come noi’. Si passa dalle argomentazioni fumose per soluzioni
proposte: Sanità ‘tutti assieme sotto un capo, io’, Scuola ‘l’anno prossimo in classe solo quelli con il
domicilio sprovvisto di internet, gli altri a casa on line’, Lavoro ‘consulenti governativi in
affiancamento ai titolari delle aziende’, Sociale ‘ dobbiamo regolarizzare clandestini che devono
lavorare nelle campagne anche perché non penserete di attivare i governativi navigator per la
ricerca di cittadini per umili mansioni da extracomunitari.

Che il ministro abbia preso spunto dai neri e la raccolta del cotone in Alabama? Tanto con l’Overshot day i poveri immigrati faranno quello che possono, pertanto euro a pioggia per tutti’. infine ai rapporti tra Provincie; ‘possiedo un terreno a cavallo tra due provincie mi è concesso coltivare solo quello della mia residenza provinciale e per ‘sconfinare’ devo preparare l’autocertificazione, Regioni ‘posso spostarmi in auto solo nella mia regione, o a mezzo corridoi di transito anche con l’ Europa’. Il governo vuole essere presente ovunque, dopo ‘l’area test’ di controllo all’ospedale di Codogno, invia ispettori presso le istituzioni regionali, provinciali, comunali e forse anche rionali ad effettuare verifiche; invia nelle città anche i ‘navigator’ che potrebbero, alla riapertura prossima, ‘imporre’ alle associazioni di volontariato o ai circoli per anziani la minaccia o di chiusura o in alternativa di assunzione di personale con reddito di cittadinanza o emergenza.

Una domanda, non Vi sembra che la continua ingerenza in tutti gli ambiti, indichi la mancanza di fiducia verso il cittadino e la conseguente volontà di controllare e ridurne la libertà? Secondo Voi basano le loro esternazioni sulla conoscenza, non dico dell’unico e vario in tutte le sue particolari singolarità, mondo socioculturale ambientale italiano, o sulla Costituzione redatta in modo esemplare dai ‘padri fondatori’? Che forse il Testo sia per loro di tale difficile comprensione al punto che si limitino a conoscerne l’esistenza per sentito dire in mensa? Ma allora, cosa sanno del nostro Paese? Non credete che questa pletora di ‘terribili gladiatori’ manifesti la sua superiorità solo per la posizione che occupa senza avere conoscenze di ciò di cui si dovrebbe occupare? Come valutereste il medico se vi dovesse rispondere con una diagnosi ansiogena, correggendosi contraddicendosi e proponendovi, per soluzione al problema di salute che manifestate, tutto ed il contrario di tutto? Non uscireste dall’Ambulatorio più confusi di quando vi siete entrati? Non pensereste subito di cambiare medico? Scusate ma secondo Voi, il modus operandi del consiglio dei ministri può essere considerato l’approccio professionale adeguato ai problemi? Secondo voi, sono e saranno in grado di governare l’impresa Italia? Ah già ci informano costantemente che ‘hanno ereditato questa situazione pertanto…’. Che mettano le mani
avanti, per avere una scusa domani?……


Giuseppe Fertonani

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply