sabato, 4 Luglio, 2020

Scrive Luciano Masolini:
Primo maggio sia stimolo per il Governo

0

Così come abbiamo fatto per la festa del 25 aprile appena trascorsa, anche quella ormai prossima del 1° Maggio saremo ugualmente costretti a celebrarla in maniera ben diversa dalle abitudinarie consuetudini. Comunque a questo punto, vista la complicatissima situazione in cui purtroppo siamo totalmente sprofondati, la cosa che più conta non è tanto come festeggeremo tale data ma come, invece, riuscire a far fronte ad una eventuale crisi economica a cui rischiamo fortemente di andare incontro.

Per questo mi auspico che l’imminente Giornata del Lavoro possa servire come ulteriore stimolo all’attuale nostro Governo per provvedere concretamente e quanto prima alle tante fondate preoccupazioni di migliaia di lavoratori. Il Psi, come è nella sua antica e radicata tradizione, ha sempre onorato nel modo migliore la festa del 1° Maggio, dedicandogli giustamente molta attenzione. Come semplice esempio (ma se ne potrebbero fare davvero tanti altri) mi piace riportare alcune parole che furono scritte su una locandina curata dalla Federazione interprovinciale socialista, proprio in occasione del 1° Maggio del lontano 1921: “Compagni, Lavoratori! Mentre la furia reazionaria e distruggitrice s’avventa minacciosa contro le istituzioni proletarie e contro i miglioramenti del Partito, non risparmiando neppure coloro che tutto diedero con animo grande alla causa del proletariato, recando il loro contributo di sapere, di intelligenza rigeneratrice, l’alba del 1° Maggio del 1921 si annuncia foriera di una fede rinnovata e di propositi radiosi (…). Si stringano in questo giorno sacro alla emancipazione del lavoro le falangi dei lavoratori; si innalzino nello imperversare della bufera le invitte nostre bandiere, il grido di evviva il Socialismo echeggi come inno di sicura vittoria, e volgendo il pensiero ai compagni di tutto il mondo, il nostro grido raggiunga coloro che per primi ci insegnarono la via della nostra liberazione!”.

Luciano Masolini

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply