domenica, 31 Maggio, 2020

Scrive Rino Capezzuoli:
Lettera ad un socialista rassegnato

0

Caro Roberto,
ho visto la Tua lettera sul gazzettino del chianti e colgo l’occasione anche per altre risposte di cui sono rimasto indietro . Vedo che aumenta la tua rabbia verso questo andazzo politico .e vedo anche che scambi ancora gli effetti per le cause. Le cause sono gli italiani cioè noi che non ci opponiamo come si deve a questo razzismo che fa sguazzare la destra che cavalca l’ordine e la legalità causa degli extracomunitari che messi in condizioni pietose dall’occidente ricco fuggono dai loro paesi in cerca di una vita migliore e trovano ancora manette e miseria quale risposta alla loro fame eppure sono persone come gli italiani poveri e come tali dovrebbero avere i nostri aiuti di popoli ricchi che sprechiamo e gli vendiamo armi per tenerli sottomessi. Vediamo la questione economica a cui gli italiani fanno riferimento per dire” prima i poveri italiani “ come se la fame distinguesse tra italiani ed estracomunitari. E se i secondi avessero meno diritto di vivere dei nostri.

La nostra civiltà superiore ed umanità dove sono? Non è vero che in Italia non c’è lavoro per tutti. Di lavoro ne abbiamo da fare il problema è che il nostro sistema economico vive delle sue disuguaglianze e delle sue storture :evasione fiscale. fuga dal sud italia ,malavita nello smaltimento rifiuti ed in altri settori…. Uso distorto delle istituzioni a tutti i livelli. La miseria degli italiani è dovuta a noi stessi ed al nostro sistema economico così come la miseria molto più nera della nostra cioè dei paesi sottosviluppati è colpa nostra e del nostro egoismo che ci fa dire:extracomunitari delinquenti e ladri poiché per mangiare e sopravvivere rubacchiano nelle nostre case calde e sicure oppure lavorano a nero per noi, o fanno lavori che i nostri non vogliono più fare perché sudici o troppo pesanti o perché socialmente scadenti… la domanda è perché non ce la rifacciamo con quei datori di lavoro che li fanno lavorare i nostri e loro a nero in nome di un maggior profitto? La storia insegna che i popoli troppo sfruttati prima o poi si ribellano e presentano il conto. Ricordiamoci che in africa fra pochi anni saranno due miliardi e mezzo e non sarà più possibile portagli via le materie prime a gratis come è avvenuto fino ad oggi. Più o meno stesso discorso per il medioriente. Credo che ormai sia chiaro a tutti che senza l’unione europea non conteremo più nulla così come sappiamo che i nostri nemici sono per motivi diversi la Russia e gli usa.

Ora faccio un discorso politico: come già sai io sono incazzato soprattutto con i nostri capi della sinistra ma soprattutto con gli italiani che passivamente accettano queste ingiustizie senza batter ciglio e vengo alla storia che tu citi sempre HITLER e Mussolini cioè mentre conquistavamo l’impero i contadini del sud gli altri riempivano le piazze applaudendo ai dittatori e chi si opponeva languiva in galera od era esiliato preparando idealmente la riscossa indicandoci principi ideali sempre validi anche oggi. Il popolo seguì quando era già tardi e ci volle una guerra terribile con milioni di morti per risalire la china.

Caro Roberto spetta a noi indicare con il nostro esempio ai nostri figli o giovani la strada da seguire ed i principi portanti della nostra civiltà secondo quanto è stato scritto con il sangue nella nostra costituzione. Quindi Roberto coraggio ricostituiamo sul nostro territorio la sinistra sociale,laica,estremista purché tenga alti e propugni i principi e le idee dei nostri padri fondatori, lottiamo contro questa rassegnazione che ha aperto la strada alla destra. Buon Natale

Rino Capezzuoli

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply