sabato, 8 Agosto, 2020

Ostia, FNSI: “Duplice riconoscimento per Federica Angeli”

0

«Le condanne stabilite dalla corte di Assise di Roma in merito alla sparatoria tra clan rivali a Ostia nel 2013 sono un duplice riconoscimento per Federica Angeli. Da una parte perché come cittadina ha deciso di non girarsi dall’altra parte e, nonostante le minacce, di andare a testimoniare. Dall’altra perché come giornalista ha scelto, nonostante nuove e più gravi minacce che l’hanno costretta a una vita sotto scorta, di illuminare i traffici dei clan nella realtà del litorale romano. Nel confermarle la nostra vicinanza e la nostra solidarietà, ci auguriamo che coloro che hanno trovato il modo di infangarla e di aggredirla vogliano cogliere l’occasione per porgerle le loro scuse».

Lo affermano, in una nota, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della Federazione nazionale della Stampa italiana. Non possiamo che associarci a questo commento: che apre uno spiraglio di speranza, diremmo, in un panorama nazionale ed europeo che da tempo vede la stampa sempre più ostacolata da norme limitanti(come, ad esempio, quelle preannunciate tempo fa dal Premier ungherese Orban), intimidita, minacciata, e addirittura fisicamente colpita, spesso a morte, nei suoi più attivi rappresentanti. Dalla maltese Daphne Caruana Galizia al giovane cronista slovacco ucciso con la fidanzata, in circostanze ancora non chiare, nel 2019, da Federica Angeli all’altro cronista tv aggredito, sempre ad Ostia, da un altro esponente del clan Spada.


Fabrizio Federici

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply