amministrative

In primo piano
0

RICUCIRE

Il centrodestra si impone in 16 comuni (Alessandria, Asti, Frosinone, Rieti, Como, Gorizia, La Spezia,…

In primo piano
0

LA SCELTA

Domenica si vota per i ballottaggi. Un voto amministrativo certo. Ma i riferimenti a livello…

Blog
0

Trionfano astensionismo e FN di Marine Le Pen

Che Hollande negli ultimi tempi non godesse del gradimento popolare era cosa nota, ma la sconfitta al primo turno delle elezioni amministrative in Francia è di una portata tale da andare oltre le peggiori previsioni.

Il responso delle urne è fin troppo chiaro: la destra ha raccolto il 46,54% dei voti, la sinistra il 37,74%, e l’estrema sinistra appena l’0,58%. Ma il vero vincitore è il Front National di Marine Le Pen che raccoglie il 4,65 %. Risultato che diventa ancora più pesante …

Politica
0

Amministrative Sicilia: Ragusa ai grillini, Messina al pacifista Accorinti e Siracusa va al centrosinistra

Ragusa diventa grillina, Messina va alla lista “No Ponte”, e a Siracusa vince il centrosinistra. La città di Piazza Armerina ha visto invece la vittoria del socialista, nonché medico psichiatra Filippo Miroddi. Questi i principali risultati delle elezioni amministrative in Sicilia, dopo il ballottaggio di ieri che ha riguardato tre capoluoghi di provincia e altri 13 Comuni. Non è stato un “cappotto” del centrosinistra, come aveva pronisticato il sindaco di Firenze, Matteo Renzi, ma in ogni…

Politica
0

Amministrative 2013: per il centrosinistra è 16 a 0

Astensionismo ed en plein del Partito democratico, questi i due protagonisti delle recenti elezioni amministrative. Astensionismo perché a votare è stato solo solo il 48.5% degli italiani, undici punti in meno rispetto al primo turno. En plein del Pd perché il centrosinistra è riuscito a conquistare tutti gli undici capoluoghi di provincia: Ancona, Avellino, Barletta, Brescia, Iglesias, Imperia, Lodi, Roma, Siena, Treviso e Viterbo. Oltre alla Capitale il centrosinistra è riuscito a portarsi…

In evidenza
0

Il M5S vince a Pomezia e Assemini. Un flop «lento, ma inesorabile»

Se il voto delle amministrative non è paragonabile a quello delle politiche, certo è che è stato un chiaro indicatore di come si sarebbero chiusi i ballottaggi. In casa cinque stelle fanno finta di niente, trasformano battaglie strappate ai punti in guerre campali vinte con tutti gli onori del caso, dicono (la “perla” è di Grillo) che: «Il cammino del MoVimento 5 Stelle all’interno delle istituzioni è lento, ma inesorabile». E poi aggiunge «Mario, Fabio e i ragazzi del MoVimento – assicura…