assad

In evidenza
1

Il rompicapo della Siria

L’intervista del Presidente Putin, rilasciata alla vigilia del Summit dei G20 a San Pietroburgo alla stregua di un vero e proprio colpo di teatro, lascia aperto uno spiraglio alla possibilità che l’intervento americano in Siria non resti del tutto isolato nella Comunità Internazionale, e che addirittura di fronte a “prove convincenti” dell’esistenza dell’utilizzo delle armi chimiche nel conflitto civile siriano anche la stessa Federazione Russa sarebbe, secondo le parole espresse da Putin, “p…

Locchiodelbue
2

L’attacco alla Siria

Ha ragione Bernard Henry Lèvy sul Corriere di oggi. Esiste un’ipocrisia diffusa attorno alla risposta da dare al massacro siriano. E si deve dare atto al socialista Hollande di essersi per primo distinto dal coro dell’indifferenza e dell’impotenza. È giusto dunque che a fronte di una così palese violazione del diritto internazionale debba esserci una reazione. Ma, sta qui il punto. Una risposta per essere legittima dovrebbe darla l’Onu, come avvenuto in Afghanistan e prima in Kuwait.

In primo piano
0

SIRIA, CONTO ALLA ROVESCIA PER L’ATTACCO LAMPO. BONINO: “IL NOSTRO INTERVENTO NON E’ AUTOMATICO ANCHE CON OK DELL’ONU”

Sembra essere tutto pronto per l’attacco lampo previsto e preparato dagli Usa, con l’appoggio da parte della Gran Bretagna, contro la Siria. Così come sembrano pronte le prove – raccolte ed esaminate dall’intelligence statunitense – sul coinvolgimento del regime di Bashar al-Assad nell’uso di armi chimiche durante il conflitto siriano. Secondo le ultime notizie dei quotidiani statunitensi, che citano fonti dell’amministrazione Obama, l’aggressione sarà di massimo tre giorni e andrà a colpire…

In evidenza
0

Siria, sempre più vicino l’attacco militare. Assad avverte: «Per gli Usa sarà un fallimento»

Sale la tensione tra la Siria e gli Stati uniti che, di concerto con l’Inghilterra, intendono procedere con un attacco militare in seguito alla denuncia da parte dell’opposizione siriana dell’uso di armi chimiche da parte del regime di Assad, durante il presunto attacco con gas nervino dello scorso 21 agosto, e che avrebbe provocato 1300 vittime. Nel frattempo il presidente siriano Bashar al Assad respinge le accuse al mittente definendole «un insulto al buon senso», e Mosca continua a…

In evidenza
0

Siria, Ban Ki-moon: «L’uso di armi chimiche viola il diritto internazionale»

Se sarà accertato l’uso di armi chimiche in Siria, questo rappresenterebbe «un crimine contro l’umanità» che avrebbe «gravi conseguenze». Questo il monito lanciato da Ban Ki-moon, segretario generale dell’Onu da Seoul, in Corea del Sud, ove si trova in visita. A denunciare l’eventuale utilizzo di gas nervino sui civili da parte del regime di Assad sono stati i ribelli siriani. L’accusa è stata respinta con indignazione dal regime, che ha denunciato un «complotto» per influenzare gli ispettori…

Esteri
1

Nel giorno della “Nakba” palestinese cresce un fronte di pace e di Resistenza dal Libano all’Iran

Un incontro per parlare della Resistenza “contro le forze imperialiste”. E soprattutto un momento per ricordare la “Nakba” palestinese e la “liberazione” del Sud del Libano dalle forze israeliane. Siamo a Roma, nella sede dell’associazione islamica Imam Mahdi. Mercoledì sera è stato organizzato un incontro con Ghaleb Kandil, giornalista e analista libanese, che ha tratteggiato una panoramica della situazione in Vicino Oriente e della questione siriana, vista ovviamente con gli occhi di chi…

Esteri
0

L’alto costo dell’ambiguità “siriana” di Obama

A denunciarlo è stato il presidente degli Stati Uniti Barak Obama in persona, approfittando della conferenza stampa per i cento giorni del suo secondo mandato. «Abbiamo le prove sull’uso di armi chimiche in Siria, ma non sappiamo ancora chi lo ha fatto». Accuse pesanti, anche se Obama sceglie di non sbilanciarsi evitando di puntare apertamente il dito contro il regime del presidente Assad, da sempre accusato di possedere armi chimiche. «La prova che sono state usate armi chimiche in Siria…

Esteri
0

Siria: uccisi il ministro della Difesa e il suo vice. Duri combattimenti a Damasco

Sono le classiche scene che precedono la caduta di un regime: si combatte per le strade della capitale siriana Damasco e l’anello di sicurezza che protegge il presidente siriano Assad sembra divenuto improvvisamente vulnerabile. Un attentatore suicida è riuscito, infatti, a raggiungere l’edificio che ospita la Sicurezza Nazionale durante una riunione del gabinetto dei ministri e di alti ufficiali dell’esercito. Nell’esplosione sono rimasti uccisi il ministro della Difesa e il suo vice …

Approfondimento
0

Annan incontra Assad a Damasco: intesa su un «approccio» comune alla pace

È stato definito come un “approccio” comune all’ottenimento della pace in Siria, l’accordo raggiunto oggi tra il presidente siriano Bashar al Assad e l’inviato speciale delle Nazioni Unite e Lega Araba Kofi Annan. I due si sono riuniti per la terza volta, a Damasco, dall’inizio della sollevazione, il 15 marzo dello scorso anno, contro il regime del partito Ba’ath al potere da più di trent’anni. Annan ha definito il dialogo con Assad «costruttivo e schietto», dichiarazioni alle quali hanno fat…

1 3 4 5