Bossi

In evidenza
8

Il glorioso Avanti! fucilato, come ai tempi di B. Beccaris

Mauro del Bue ha fatto un parallelismo inevitabile tra le triste vicenda dell’Unità e la scomparsa dell’Avanti!, nel tragico 1993. Tragico per il partito socialista, per il suo quotidiano, ma anche per la democrazia. Credo che questo parallelismo sia balzato alla mente (e al cuore) immediatamente a tutti i militanti socialisti di quel periodo. Condivido, come quasi sempre mi accade, al cento per cento le sue considerazioni. Posso aggiungere un unico contributo: la ricostruzione precisa di …

Approfondimento
5

La postdemocrazia italiana:
partiti personali e primarie

«Renzi nega di voler fare un partito personale, ma il Pd rischia di trasformarsi, uniformandosi ai peggiori modelli degli ultimi anni: Lega, Forza Italia, Di Pietro e Movimento 5 Stelle». È una democrazia ammalata, quella italiana. Forse una post-democrazia. A delineare il ritratto della crisi politica del nostro Paese che, con le “turbolente” primarie del Pd tende a compiersi, è il professor Massimo Salvadori, storico, politologo ed ex parlamentare del Pds che spiega: «Ci troviamo di fronte…

Approfondimento
1

Dal “Porcellum” all'”orango”: se questo è un vice presidente del Senato

Che non si riferisse alla Repubblica delle banane (del Cavaliere) questo è certo. Il vicepresidente del Senato Calderoli ha parlato proprio del Congo. E’ da lì che Cécile Kyenge è venuta, dalla città di Kambove, nella provincia del Katanga, nell’estremo sud del Paese, non lontano dal confine con lo Zambia. E’ arrivata da questo spicchio d’Africa bagnato dall’Atlantico ed è lì che dovrebbe tornare, a sentire le urla sgraziate e razziste del leghista bergamasco dal palco della festa del partito…

L'editoriale
4

La vendetta

Filippo Ceccarelli ha scritto un corsivo che Repubblica ha relegato alle pagine interne sulla vendetta…

Politica
0

Bossi v.s. Maroni, il “Capo” chi è? Lotte intestine ai vertici del Carroccio

Un ritorno pirotecnico quello dell’ex leader del Carroccio Umberto Bossi: nella sua prima uscita pubblica dopo il congresso che lo ha messo ai margini del movimento, il Senatur non risparmia parole e si atteggia ancora a “Toro seduto” della Lega Nord. Lancia messaggi e non usa mezzi termini: e, soprattutto, sceglie addirittura le pagine de Il Fatto quotidiano per ribadire che lui è il “Capo”. «Io e Roberto decideremo tutto insieme, sono il presidente e siamo uguali», ha detto alla stampa dopo…

Approfondimento
1

Il ‘metodo della Bossi Family’ e quella ‘paghetta’ di 5mila euro al mese

Un vecchio motto recita: I panni sporchi si lavano in famiglia. E la Bossi family sembra averlo preso alla lettera. Sventura vuole che la famiglia allargata con a capo il Senatur sia alquanto sui generis, vada controcorrente, sia talmente figlia del suo tempo da fare dell’appropriazione indebita di denaro pubblico, giunto nelle casse del partito sotto forma di rimborsi elettorali, la sua cifra distintiva, il suo “metodo”. L’ultimo scossone che sta minando la già precaria stabilità del…