caos

In evidenza
Di

Egitto, Mubarak in attesa di essere scarcerato. I Fratelli musulmani annunciano un altro “venerdì dei martiri”

Da una parte l’imminente scarcerazione dell’ex raìs Hosni Mubarak che questa mattina dovrebbe essere, con un elicottero militare, condotto nella sua villa di Sharm el-Sheikh, sul Mar Rosso per scontare gli arresti domiciliari per un’inchiesta di corruzione. Dall’altra l’ex vicepresidente Mohammed el-Baradei che viene formalmente accusato di tradimento e che sarà sottoposto a processo per essersi dimesso pochi giorni dopo essere stato nominato vicepresidente della Repubblica araba. Queste le…

In evidenza
Di

Venerdì nero per i trasporti: sciopero nazionale di 24 ore

Un venerdì di sole e caldo, ma anche di possibili disagi a causa dello sciopero nazionale di 24 ore del trasporto pubblico locale, dei naviganti, del personale di terra dell’Alitalia, dei lavoratori della Sea negli aeroporti di Milano Linate e Malpensa, e di quelli della società AdF all’aeroporto di Firenze. La mobilitazione nazionale – indetta dall’Unione sindacale di base (Usb) – sta avendo luogo nel rispetto delle fasce di garanzia e con orari e modalità diverse da città a città. Oltre…

In primo piano
Di

NAPOLI SI FERMA. IL SINDACO DE MAGISTRIS HA FINITO LA BENZINA

Napoli si è svegliata nel caos: la quasi totalità degli autobus dell’Azienda Napoletana Mobilità, sono rimasti fermi nei depositi. La ragione è delle più semplici, disarmante: la società non è più in grado di garantire l’acquisto di carburante. I primi disagi erano iniziati già nel tardo pomeriggio di ieri. Alle fermate degli autobus, improvvisamente, sono comparsi dei cartelli con la scritta “disservizi” tanto da indurre gli utenti a pensare ad una nuova protesta, improvvisa come le altre. E…

Cronaca
Di

Ilva: è caos tra scioperi, sequestri e indagini. In attesa del vertice tra esecutivo e parti sociali

Tra le persone indagate nell’inchiesta sull’Ilva di Taranto, compare anche un sacerdote. Ed è bufera giudiziaria. Ieri le persone sottoposte a indagini sono state cinque, tra cui appunto don Marco Gerardo, accusato di dichiarazioni false. Sempre ieri, c’è stata una mobilitazione generale per la decisione dei vertici dell’Ilva di procedere alla sospensione di tutte le attività lavorative negli impianti dello stabilimento siderurgico che non sono sottoposti a sequestro, ovvero di tutta l’area…