Commissione Europea

In evidenza

Juncker: in Grecia è crisi umanitaria

In Grecia “c’è una crisi umanitaria che ha bisogno di un aiuto che venga dal budget europeo”. Lo ha detto Jean Claude Juncker al termine della due giorni dell’Eurogruppo – presenti anche Mario Draghi, Merkel, Hollande e Renzi – e queste parole rappresentano qualcosa di più di un segnale distensivo, di un’apertura nella trattativa sul debito greco; quello che è giunto oggi dal presidente della Commissione europea è un segnale politico. Usare infatti come ha fatto Juncker la definizione di …

In evidenza

Pillola dei 5 giorni dopo. L’Italia fuori dall’Ue

“Prescrizione medica obbligatoria, indipendentemente dall’età del richiedente”. Questo il parere del Consiglio Superiore della Sanità su “EllaOne”, la pillola dei cinque giorni dopo, nonostante la recente delibera europea che prevede l’eliminazione della ricetta. Il passaggio obbligatorio sarà dunque dal dottore, che potrebbe essere un obiettore, e quindi non procedere alla prescrizione come già avviene con“Norlevo”, la pillola del giorno dopo. Ora la decisione spetta al Ministero della Salute..

In evidenza

Deflazione in Europa e disoccupazione record in Italia

Arrivano i nuovi dati dell’Istat sulla disoccupazione e insieme a quelli sulla deflazione, gelano i facili ottimismi. Sono i dati che si riferiscono a novembre quindi ancora riferiti allo scorso anno, ma allo stesso tempo sono dati fortemente negativi che fanno segnare un nuovo record. Secondo l’Istat infatti, il tasso di disoccupazione è salito al 13,4% a novembre, con un aumento di 0,2 punti percentuali in termini congiunturali e di 0,9 punti nei dodici mesi. Il numero di disoccupati ha …

In evidenza

Aumenta la domanda interna, ma sale la disoccupazione

L’Istat registra un aumento della domanda interna e al contempo sale la disoccupazione. Il mercato del lavoro è in stallo ma l’Istituto vede “ la fase di contrazione dell’economia italiana arrestarsi”. C’è una sostanziale stazionarietà della crescita per l’ultimo trimestre del 2014. Inoltre, nessun vantaggio è derivato dalla caduta del prezzo del petrolio. Nella nota mensile di dicembre, l’Istat conferma che il crollo delle quotazioni del greggio non ha avuto alcun riscontro nella crescita …..

In evidenza

L’Ue tenta di mettere in riga Google

L’Europa tenta di nuovo di mettere ordine nella giungla internet. Il Parlamento europeo ha approvato oggi una risoluzione per lo mettere in riga Google, attraverso la separazione di motore di ricerca e attività commerciali; una risoluzione che non vincola la Commissione europea, ma con cui si chiede che «la Commissione studi proposte con l’obiettivo di separare i motori di ricerca dagli altri servizi commerciali». Il timore-sospetto è insomma che il motore di ricerca Google, ormai padrone …

Economia

Istat, fiducia delle imprese ancora giù a novembre

Ancora brutte notizie sul fronte economico. Torna a scendere la fiducia delle imprese italiane a novembre. L’indice calcolato dall’Istat è calato a 87,7 da 89,1 di ottobre. In particolare, il clima di fiducia delle imprese migliora nel settore manifatturiero ed in quello del commercio al dettaglio; peggiora nel settore delle costruzioni e dei servizi di mercato. L’indice del clima di fiducia delle imprese manifatturiere sale a 96,3 da 96,1 di ottobre. I giudizi sugli ordini rimangono …

In evidenza

La UE boccia i contratti della scuola

A pochi giorni dalla bocciatura del livello della qualità e dell’efficienza dell’insegnamento della scuola italiana da parte della Commissione europea, arriva anche quella della Corte di Giustizia secondo cui la normativa nostrana sull’istruzione vìola la direttiva comunitaria. Grande soddisfazione è stata espressa dall’Anief (Associazione Professione Sindacale) – Confedir, cinque anni dopo la denuncia alla stampa e un contenzioso avviato presso le Corti del lavoro per migliaia di supplenti…

In evidenza

L’Europa boccia anche la scuola italiana

In Italia il livello della qualità e dell’efficacia dell’insegnamento la fanno posizionare tra gli ultimi paesi dell’Unione europea, e sotto la media per utilizzo di nuove tecnologie, percentuale di laureati e numero di chi trova lavoro dopo l’università. Sopra la media comunitaria gli abbandoni scolastici e le scarse competenze “alfabetiche e numeriche” degli adulti, mentre la spesa pubblica per l’educazione è tra le più basse del continente. Sempre secondo il rapporto della Commissione euro…