#DIB contro il Bullismo, iniziativa di Croce Rossa Italiana e SAP

Coinvolte quasi 900 persone in scuole medie e superiori a Roma per diffondere la conoscenza di un fenomeno sempre più noto alle cronache, educare alla pacifica convivenza e creare un terreno in cui far crescere la tolleranza e il rispetto della diversità. La famiglia ha un ruolo determinante nella prevenzione degli atteggiamenti di bullismo ma i genitori sembrano ancora poco consapevoli e partecipi delle problematiche vissute dai ragazzi.

sap e criIl Comitato Municipio V di Roma di Croce Rossa Italiana e SAP hanno presentato oggi i risultati dell’iniziativa #DIB-DisconnettiamoIlBullismo, che ha coinvolto adolescenti di età compresa tra i 13 e i 14 anni di sei istituti scolastici di istruzione secondaria inferiore e superiore del V Municipio di Roma, insegnanti e genitori. Il progetto è nato con l’obiettivo di sensibilizzare e creare maggior consapevolezza sulle diverse forme di bullismo e cyberbullismo, sulle sue ricadute legali e sui pericoli della rete, e di migliorare la comprensione della natura degli atti di prevaricazione e di violenza, aprendo un nuovo canale di comunicazione fra scuola e famiglia, due istituzioni che hanno un ruolo cruciale nella lotta a un fenomeno in continua crescita. Si stima che poco più del 50% dei ragazzi fra gli 11 e i 17 sia stato vittima di bullismo1 e la gravità delle violenze subite è stata accresciuta negli ultimi anni dall’uso di internet e delle tecnologie digitali facilmente accessibili dai cellulari, che hanno reso minacce e offese anonime e ripetibili nel tempo. L’iniziativa ha visto impegnate le psicologhe del Servizio Psicosociale della Croce Rossa Italiana, 24 volontari della Croce Rossa formati in materia, i volontari SAP e alcuni docenti universitari esperti in questa tematica. Oltre 700 studenti sono stati coinvolti in incontri fondati sulla peer education e incentrati su attività interattive e partecipative, mirate a stimolare la comprensione degli atti di prevaricazione e violenza con l’ausilio di attività di gruppo, video, racconti, conversazioni guidate e libere.

Prima e dopo gli incontri sono stati distribuiti dei questionari, tra i quali quello intitolato “Quanto conosco il Bullismo”, per ottenere la mappatura iniziale e quella finale delle conoscenze dei partecipanti e verificarne l’incremento, e il questionario di gradimento. Al termine degli appuntamenti ogni gruppo è stato incaricato di produrre un elaborato grafico e uno slogan che racconta il bullismo e il cyberbullismo che sarà oggetto di successiva esposizione. Oltre 120 docenti e 60 genitori hanno assistito a incontri informativi sulle tematiche condotti da figure professionali che hanno trattato la tematica del bullismo e del cyberbullismo da tre diverse prospettive: psicologica, informatica e legislativa, utili a definire e affrontare questi fenomeni sociali di grande attualità. 1 Dato ISTAT I docenti hanno dimostrato di conoscere le caratteristiche dei bulli e sono interessati ad approfondire gli aspetti legali e a ricevere maggiori indicazioni operative pratiche; i genitori hanno una conoscenza molto più superficiale del fenomeno e hanno richiesto che il materiale informativo fosse distribuito perché le informazioni restassero di facile accesso anche a casa. “Se volete aiutarmi con il bullismo, per favore reagite con calma perché ho paura di ogni cosa in questi momenti e non voglio restare da solo” Dalle risposte dei ragazzi sono emersi gli elementi più interessanti per inquadrare il fenomeno e individuare la strada per limitarlo. Gli studenti hanno apprezzato l’iniziativa e, allo scopo di migliorarla, hanno suggerito l’introduzione di vere testimonianze di bullismo e un maggior utilizzo di video per sensibilizzare in maniera più diretta. I ragazzi si sono espressi sul ruolo che la famiglia e i genitori dovrebbero avere in questa circostanza. Il contesto familiare è il luogo in cui nascono e si generano vittime e bulli; conoscere i meccanismi psicologici e le dinamiche può aiutare i genitori non solo a riconoscere precocemente i caratteri del bullismo ma anche ad individuare gli atteggiamenti opportuni da tenere o da evitare per sostenere i propri figli in un momento particolarmente delicato della loro vita.

Tra i messaggi più significativi rivolti agli adulti, emergono la richiesta di maggior comunicazione e ascolto per una comprensione più profonda dei problemi adolescenziali, la necessità di una presenza più costante e attenta da parte della famiglia e il non sottovalutare e ridimensionare le problematiche vissute dai giovani in un’età così delicata. Oltre a comprendere meglio le dinamiche legate al bullismo, soprattutto nelle sue forme più subdole che si concretizzano attraverso il web e gli strumenti tecnologici, i genitori sono chiamati a tornare a essere un saldo punto di riferimento per i propri figli e ad ascoltare senza giudicare, instaurando un rapporto che renda l’individuazione di eventuali problemi e la lotta al fenomeno più efficace.

Croce Rossa Italiana e SAP, entrambe interessate a sviluppare una cultura basata sui valori della diversità e dell’inclusività, hanno voluto esplorare le problematiche legate al bullismo e al cyberbullismo stimolando la consapevolezza sulle diverse forme di violenza e della loro diffusione in età adolescenziale, esortando alla costruzione di una sana, positiva e funzionale convivenza con la diversità. Oltre a sensibilizzare e informare ragazzi, genitori e docenti sulle caratteristiche di questi fenomeni e sui pericoli della rete, questa iniziativa ha permesso di promuovere modelli positivi di affettività e accettazione di sé e dell’altro, di attivare relazioni di solidarietà e di collaborazione, di migliorare la comprensione della natura degli atti di prevaricazione e di violenza agiti e subiti e di responsabilizzare i ragazzi affinché diventino agenti di cambiamento nelle loro comunità, nella lotta e nella prevenzione di qualsiasi forma di violenza. “Con l’evolversi delle tecnologie digitali e della comunicazione sui social network, familiari tra preadolescenti e adolescenti, il bullismo ha assunto forme pericolose che richiedono efficaci strumenti di sensibilizzazione, soprattutto nelle scuole”, ha commentato Carla Masperi, Chief Operating Officer di SAP Italia. “L’uso delle nuove tecnologie deve aiutare a integrare conoscenze, sviluppare competenze e rispetto, rafforzare aspetti caratteriali e condividere valori positivi.

Attraverso questo progetto e la collaborazione con Croce Rossa Italiana, SAP ribadisce il proprio impegno a migliorare la vita delle persone sia nella loro sfera professionale sia personale e ad aiutare i giovani a sviluppare il proprio carattere e acquisire strumenti per continuare ad apprendere in ogni situazione, in modo aperto e critico, accrescendo le competenze che li renderanno protagonisti nel mondo del lavoro di domani”. “Gli episodi di bullismo e cyber-bullismo sono drammaticamente all’ordine del giorno, ma sono fenomeni a cui non ci dobbiamo abituare. Si deve partire dalla prevenzione ed è proprio per questo che ho accolto volentieri l’invito alla presentazione di questo progetto. Se la scuola e la famiglia sono di sicuro cruciali nel contrastare il bullismo, sono convinto che il volontariato e in primis i Giovani di Croce Rossa Italiana possano fare la differenza nel cambiare mentalità e avere un dialogo diretto con le giovani generazioni, abbattendo quel gap generazionale che spesso rappresenta uno dei problemi maggiori”, ha dichiarato il Presidente nazionale di Croce Rossa Italiana, Francesco Rocca.

La ragazzina “portasfiga”,
internet e cyberbullismo

cyberbullismo

Approderà il prossimo 25 settembre nelle aule del Tribunale dei minori di Sassari una insolita storia di cyberbullismo di cui è stata vittima due anni fa una ragazzina di Nuoro (allora una bambina di 12 anni) accusata da un gruppo di coetanei di portare sfiga, o iella che dir si voglia. Una campagna di odio e di insulti, che grazie ai social media è divampata più velocemente di un incendio, coinvolgendo centinaia di bulletti in erba.

La vicenda è al vaglio del Tribunale dei Minori, anche se il processo riguarda solo 16 ragazzini, tutti studenti delle scuole medie di Nuoro. I presunti organizzatori della campagna d’odio sono accusati di diffamazione e molestie nei confronti della ragazzina, lei sì colpita da una sfiga nera per essere diventata, senza nessuna colpa, il bersaglio dei cyberbulli.

Andata avanti per mesi, con l’allora bambina che ha cambiato diverse volte scuola senza riuscire a sfuggire alle grinfie dei suoi aguzzini, questa storia di bullismo ha coinvolto centinaia di ragazzini, dagli 11 ai 15 anni, che hanno usato sia le chat per spargere la “notizia” (?) sia i cellulari per esprimere di persona i loro insulti. Nessuna tregua neanche quando la bambina usciva: in strada era uno sprecarsi di gesti scaramantici, toccatine, sorrisini, urla, insulti e canzonature, anche da parte di perfetti sconosciuti. Perfetti sconosciuti che, ovviamente, l’avevano riconosciuta perché informati della sua triste fama tramite chat, social e quant’altro. Se la calunnia dei vecchi tempi era un venticello, immaginatevi la tempesta virale che in pochissimo tempo si è scatenata intorno alla bambina, che per mesi non ha avuto un attimo di pace. Alla fine, stanca dei soprusi e di piangere lacrime amare, ha raccontato tutto agli stupefatti genitori, che sono sempre gli ultimi a sapere. Genitori che nel febbraio 2015 hanno denunciato il fatto alla polizia, le cui indagini si sono concluse, appunto, con il rinvio a giudizio dei 16 ragazzini.

Qualche giorno fa ci sarebbe stato anche un incontro un po’ esagitato tra la ragazzina e la madre e una zia di un presunto bullo indagato ma non rinviato a giudizio. Le versioni su come si sono svolti i fatti sono contrastanti, ma poco importa. L’importante è che questa vicenda di cyberbullismo faccia riflettere almeno i genitori sui danni causati dell’uso incontrollato di cellulari e pc. Magari anche sui rischi penali e sui costi che poi bisogna affrontare.

E’ un bene che questo processo si svolga, non solo per il rinvio a giudizio dei 16 bulletti del web di Nuoro, che al massimo se la caveranno con un paio di sculacciate, ma perché chi cade nelle trappole della Rete deve essere informato sui modi per uscirne prima di venire fatto letteralmente a pezzi.

La vicenda ha più aspetti. A volerci ridere sopra, la prima cosa che viene in mente è quella fenomenale interpretazione di Totò in “La patente”, nel film a episodi “Questa è la vita”, 1954, con la regia di Luigi Zampa. Oppure l’omonima novella di Luigi Pirandello. L’argomento è lo stesso: Rosario Chiarchiaro, rovinato socialmente ed economicamente dalla fama di iettatore decide di correre ai ripari. Chiede e ottiene dal giudice una sorta di patente che attesti questa sua insolita qualità, così da far pagare una “tassa” ai superstiziosi per tenere la sfiga lontano da loro.

Sempre sorridendo, verrebbe da dire alla ragazzina: divertiti a fare la bruja (strega in sardo) piccolì, lascia la parte di Biancaneve e diventa Grimilde, trasforma tutta la cattiveria che ti hanno riversato addosso in paura al calor bianco e restituiscila a chi ti ha fatto soffrire. Ipotesi non molto educativa, anzi. Ma in linea con un certo spirito barbaricino.

Poi il discorso diventa più serio e vengono in mente Mia Martini, Marco Masini, e altri personaggi, ai quali la fama di porta sfiga ha rovinato la carriera e la vita.

Non basta, una riflessione sull’uso indebito o illegale e sul controllo dei nuovi media, è d’obbligo. Anche se gli internauti si sono sempre difesi accusando come censorio ogni tentativo di regolamentazione.

Ad aprire la prima falla nel muro di omertà e impunità che sembra proteggere chi naviga e opera nella Rete è stata, nei giorni scorsi, la premier britannica Theresa May, nel corso dell’ultima riunione del G7, pochi giorni dopo la carneficina di Manchester, dove sono morti 22 giovani. «La lotta al terrorismo si fa su Internet prima che sui campi di battaglia», ha affermato, dura e lapidaria, durante la riunione. Nel mirino della premier britannica ci sono in primo luogo giganti del web, come Facebook, Google e Twitter, che, afferma perentoriamente, dovrebbero essere costretti dai governi a sviluppare strumenti automatici per identificare e rimuovere contenuti estremisti, oltre che informare le autorità di pericoli imminenti. Sta nascendo la coscienza che la propaganda online dell’Isis è l’arma più potente del Califfato. Per questo il governo di Londra vorrebbe che i colossi del web fossero chiamati a rendere conto delle loro azioni nel caso in cui non prendano misure concrete contro l’estremismo, magari con qualche forma di autoregolamentazione prima che i governi decidano di ricorrere alle sanzioni.

Ma non c’è solo il terrorismo che dilaga nella Rete. Vediamo un esempio che ci riguarda da vicino. Un giornale è sottoposto a regole ferree, ha l’obbligo di registrare la testata, di avere un direttore responsabile, che divide responsabilità penali e civili con l’editore e con il giornalista che ha scritto l’articolo incriminato. Il processo potrà essere lungo, ma se io do della porta sfiga a una bambina di 12 anni, facendo nome e cognome e magari pubblicandone la foto, il Tribunale e l’Ordine dei giornalisti mi mangiano vivo, soprattutto si mangiano vivo l’editore, che è quello che ha i soldi. Al contrario, se apro un blog o una chat e faccio la stessa cosa divento il figo del momento, conquistando i miei 15 secondi di fama imperitura e like a volontà. Quasi sicuro dell’impunità perché raramente le vittime parlano, sono i carnefici ad averla vinta e a vantarsene sempre via social.

Ormai è sempre più evidente che nella Rete e nei social non può passare di tutto, compresi quei contenuti vietati sui giornali e sulle reti televisive, e non solo per quanto riguarda la propaganda e l’organizzazione del terrorismo internazionale.

Controllare Internet non è impossibile, magari è difficile, ci vogliono esseri umani, non solo algoritmi, e chiaramente le persone costano. Ma i soldi ci sono, e in abbondanza.

Nel 2016, per esempio, Facebook ha prodotto più di 10 miliardi di dollari di utili, se ne destina una parte al controllo dei contenuti, non solo per contrastare il terrorismo internazionale ma per fare rispettare le leggi dei Paesi dove opera, non va in fallimento. E contribuirà anche a migliorare il mondo. D’altronde, non dovrebbe essere questo uno degli obiettivi di Mark Zuckerberg?

Antonio Salvatore Sassu

 

AAA – netiquette on line cercasi!

Miss-Netiquette-08_17_2013-headerPrima i forum, poi le chat e quindi i moderni social network. Già, proprio i social – “luoghi” aperti a chiunque, quasi sempre gratuiti, sorta di agorà cibernetiche dove poter conversare, interagire, esprimere le proprie idee (magari con pacatezza) e, per parecchi di noi, mezzo performante di attività. Inoltre, veicolo fondamentale per la comunicazione che grazie a questi potenti mezzi informatici raggiunge ogni angolo del globo. Ma è solo questo? No, per alcuni tenebrosi “figuri” è anche l’habitat preferito per scaraventare insulti a destra e a manca, per concretizzare lo stomachevole cyberbullismo di cui tanto si parla e poco si fa, oppure per prendere di mira una persona e versarle addosso uno “tsunami” di schifezze che ripetere qui ora, su queste pagine, significherebbe provocare un’epidemia di nausea collettiva senza poi poter approntare un’adeguata terapia di conforto.
Per accertarlo, per toccar con mano – qualora qualcuno ne dubitasse – basta addentrarsi in un social a caso e verificare motu proprio. I bersagli preferiti di questi “arditi” dal click facile sono i personaggi più in vista, i cosiddetti “vip”. E non importa se onorevoli, politici, star del cinema, giornalisti, opinionisti e altre celebrità, che a prescindere dall’incarico svolto vanno rispettate punto e basta! Per il diffamatore seriale che usa la tastiera come un lanciafiamme, l’importante è aspergere la sua dose di veleno quotidiana. Tanto è più che convinto di farla franca, di eludere ogni regola e controllo! Comunque, vittime sacrificali della violenza on line sono anche le persone comuni – con l’unica “colpa” di dimorare in quello spazio per trascorrere un po’ del loro tempo in tranquillità, e che invece, loro malgrado, devono subire vessazioni perpetue.
Il tanto auspicato autocontrollo e la popolare “netiquette” sembrano essere stati archiviati troppo in fretta. In fin dei conti la Rete non è così anziana, anzi! Lo sono, invece, le sozzerie che ogni ora vengono catapultate nel web, e che parimenti a meteore impazzite vanno a colpire l’individuo causandogli tribolazione e comprensibile imbarazzo. Chi è vittima di questa meschina “incursione” digitale spesso sopporta – cercando di non cadere nella trappola della provocazione, anche se non è sempre così semplice mantenere un comportamento “virtuoso”. Talvolta, pur ignorando chi liberamente ferisce, oppure mettendo nella “black-list” questi inqualificabili personaggi non si risolve nulla, poiché costoro, furbamente, cambiano account e iniziano di nuovo a tempestare di insulti il malcapitato o la malcapitata di turno.
Poi, come non bastasse, s’instaura il nefando “derby” dell’emulazione diffamatoria, una forma di competizione aberrante che consiste nello scrivere e poi “rendere visibile” a tutti l’offesa peggiore. Non di rado, specie quando vengono denigrate persone in vista, dopo le prime ingiurie formulate dallo spavaldo di turno ne seguono a ruota altre, persino più schifose, quasi a dar sostegno a chi ha stoltamente aperto le danze. Detto così sembra un orrido videogame dove si assiste a un’eterna tenzone tra buoni e cattivi, ma purtroppo è la realtà! Da parte nostra, lavorando nella comunicazione siamo i primi ad affermare che Internet non va limitato con veti più consoni a regimi già stati condannati dalla storia oltre che dai tribunali internazionali. Vanno, invece, condannate e perseguite secondo i termini di legge tutte quelle condotte lesive della dignità, che mortificano chi è vittima del cyberbullismo e di conseguenza anche tutti gli internauti corretti ed educati – per fortuna, in maggioranza.
Per arginare e cercare di sconfiggere questo “bubbone” che con il passare del tempo cresce a dismisura, serve l’attuazione di una “netiquette” severa, che funzioni in modo puntuale senza far sconti a niente e nessuno. Poi, la presenza di moderatori, come era in auge nelle prime chat e nei forum, interventi che in fin dei conti funzionavano e fungevano da deterrente. Se qualcuno non è in grado (o non vuole) reprimere le proprie pulsioni offensive, è corretto sia emarginato dal social che lo ospita. Una sorta di “Daspo” internettiano, sperando in un futuro pentimento o di un’auspicata condotta perbene!
Inoltre, quanti ricevono il loro immancabile “aerosol” di impropri e di insolenze, dovrebbero rendere pubblico “il lerciume” avuto, in modo da far vergognare chi si è permesso di intraprendere il pubblico dileggio. Star sempre zitti e tollerare non paga! Purtroppo s’è visto che sopportando, sperando nell’immediata “redenzione” degli spacconi non si risolve nulla, anzi, questi beceri personaggi in cerca di vana gloria si sentono ancora più autorizzati a proseguire la loro squallida “missione”. Palesemente – un insano e illegittimo mandato di infangare per sedare la sete di frustrazione che li accompagna da sempre.

Stefano Buso

Tiziano Ferro da sold out! Ritmo ‘lento o veloce’? Decide(rà) il pubblico

Tiziano Ferro live: scopre ‘il mestiere della vita’ scrivendo con la sua stilografica l’incanto di dare ‘il conforto’.
Ed anche a Roma, allo Stadio Olimpico il 28 e 30 giugno, ‘potremo ritornare’ a godere della sua musica per un tour da una venatura particolarmente romantica. Sarà ‘lento o veloce’? Decide(rà) il pubblico.

tiziano ferroUn nuovo singolo “Lento/Veloce” che sta spopolando. Un videoclip e un duetto del pezzo che ha cantato con Carmen Consoli, con cui ha instaurato una recente collaborazione in “Il conforto”. Il neo sostegno a “Save the children” e la sua canzone storica “Il regalo più grande” ‘donata’ per lo spot della Vodafone. Un futuro da imitatore e un tour che lo attende: due date all’Olimpico di Roma (il 28 e 30 giugno), di cui la prima già sold out e la seconda con pochi posti disponibili rimasti. Che altro può attendere Tiziano Ferro? Uno scenario lo ha aperto la sua partecipazione alla trasmissione di Virginia Raffaele “Facciamo che io ero”. Durante la sua apparizione ha cantato in “Joyful joyful”, pezzo gospel che gli ricorda i suoi esordi nei cori di Chiesa; ma soprattutto ha chiesto alla comica, imitatrice e presentatrice di fare un programma insieme. Non male. Ma per Ferro un’opportunità sarebbe proprio un tour nei teatri con uno spettacolo con intermezzi comici e, soprattutto, dove portare cover gospel, con cui potrebbe fare un nuovo disco insieme a qualche inedito (o perché non un intero disco unplugged?). Non solo la musica gospel gli riesce perfettamente, ma anche l’ambientazione del teatro e del musical, della recitazione affiancata all’imitazione. E in questo Virginia Raffaele sarebbe perfetta anche perché, con la sua voce, può permettersi perfino qualche duetto. Se Tiziano non dimentica le origini e una linea musicale di genere più tradizionale, é comunque sempre attento alle nuove tecnologie. Ben descrive l’universo della musica sui social, diffusa tramite Internet e il web in “My steelo”, in cui dice “a 16 anni hai già un video in rete”: un riferimento che offre una doppia lettura; ai giovani talenti prodigio premiati (come del resto Ferro stesso) ai Wind Music Awards per i milioni di visualizzazioni che riescono a fare, ma fa intravedere anche una connotazione negativa. Oggi postiamo di tutto sui social e in rete, senza che ci sia più privacy né rispetto della persona: stiamo parlando del bullismo e cyberbullismo, i cui casi aumentano sempre di più così come i connessi suicidi, a seguito delle umiliazioni subite, tanto che anche “Porta a porta” vi ha dedicato una puntata e l
di recente è stata approvata la nuova normativa più stringente al riguardo. Perché allora, per un artista della sua sensibilità, non scrivere un testo ad hoc su tale tragico fenomeno in ricordo delle vittime e far partire una campagna di sensibilizzazione di cui farsi promotore e portavoce? Un tormentone incentiverebbe la diffusione del messaggio. La campagna potrebbe partire dalla sua città di Latina stessa, magari con un duetto o una collaborazione con il piccolo talento di “Ti lascio una canzone” Simone Iouè: con cui potrebbe fare persino una canzone (a prescindere dal cyberbullismo) sul racconto della storia (autobiografica per entrambi) di un bimbo che riesce a realizzare il suo sogno di cantare e mostra tutte le difficoltà e le vicissitudini che ha dovuto affrontare. Ma per promuovere la problematica del (cyber)bullismo, soluzione migliore sarebbe coinvolgere associazioni già impegnate in merito: tipo l’ACBS (Associazione contro il bullismo scolastico), fondata nel febbraio 2015 dal ventenne Vincenzo (con il fratello Giuseppe e una decina di altri giovani), per tutte le vittime di tale atteggiamento vessatorio e di cui è stato vittima egli stesso. Per ricordare che, come si legge sul sito, “il coraggio è quello che ci vuole per alzarsi e parlare; ma il coraggio è anche quello che ci vuole per sedersi ed ascoltare” (Winston Churchill) e poi che “la comunicazione non è (tanto o solo) quello che diciamo, ma quello che arriva agli altri” (Thorsten Havener). Ed a proposito di campagne solidali, perché non scrivere qualcosa per “Save the children”? Di storie non ne mancherebbero: dal tema dei migranti, della povertà, della guerra, dei bimbi stranieri e del loro diritto all’istruzione; per educare con e attraverso la musica, in cui essi stessi si rifugiano per trovare una speranza. A parte qualche collaborazione black e soul che non guasterebbe, sarebbe importante per l’artista -a nostro avviso- approfittare dei 90 anni di Avis quest’anno (di cui lui è da anni sostenitore) per parlare della malattia e della salute (ispirata a qualche vicenda vera e che potrebbe ‘regalare’ a una nuova serie di “Braccialetti Rossi” per la colonna sonora, che ne gioverebbe perché quasi costruita ad hoc, senza considerare il fatto di poter contare su un nome importante e garanzia di qualità); anche in vista del prossimo centenario. E Ferro sa che la musica è uno strumento e un veicolo importante per smuovere le coscienze. Lo stesso termine inglese ‘steel’, racchiuso in ‘steelo’ significa ‘(d’)acciaio (inossidabile)’, ovvero qualcosa che resta indelebile e lascia un segno intangibile che resiste nel tempo. Un po’ a richiamare lo slogan di Avis che, come ogni anno, sarà presente ad ogni tappa del suo tour: “comunicare il mio unico vero valore assoluto”, a richiamare un altro dei suoi successi racchiusi nell’ultimo album, “Il mestiere della vita”. Perché il ‘mestiere della vita’ è anche questo: diffondere il valore assoluto per eccellenza che è la solidarietà. Quest’ultimo un principio morale che lui contribuisce a scrivere con una sorta di penna stilo-grafica (la pronuncia della prima parte è la stessa della parola inglese ‘steel’ di ‘steelo’) immaginaria. D’altronde se l’anagramma di ‘Avis’ è ‘vasi’, i suoi dischi e le sue tournée con i suoi successi equivalgono un po’ come a piantare in tanti vasi numerosi semi ‘solidali’ e preziosi. Ed anche questo contribuisce a creare nella musica di Ferro una venatura più romantica che ‘Potremo ritornare’ a godere nelle tappe romane del live tour (del 28 e 30 giugno), che di sicuro sarà un “Incanto”.
E allora a questo punto dovrebbe sollevarsi un grido al coro di: “Senza scappare mai più”, per non fuggire più davanti né continuare ad essere indifferenti di fronte a soprusi, vessazioni, ingiustizie, discriminazioni e ogni atto di violenza (e non solo di cyber-bullismo). Questo è davvero “Epic”(o), come la sua vita (in bilico), come un libro -come canta nell’omonima canzone del suo ultimo cd. Per andare avanti e non restare ‘indietro’ nella lotta e in queste battaglie sociali ancora da vincere continuando la battaglia.

Barbara Conti

Utilizzo di Internet oggi: chi lo usa, per quanto tempo e come

INTERNETOggi Internet lo utilizziamo tutti, ma questo non rende l’idea di tutte le tendenze, le statistiche e le curiosità relative agli accessi alla rete in Italia. Chi lo usa, nello specifico? Per quanto tempo? E in che modo? Dare una risposta completa richiederebbe molto più tempo e molto più spazio, ma è comunque possibile tracciare uno spaccato di quelle che sono le abitudini degli italiani per quanto concerne la navigazione sul web: ecco perché oggi cercheremo di dare una risposta a queste domande.

Internet: chi lo usa, per quanto tempo e come?

Partiamo da un dato molto interessante: il 40% dei giovani utilizza la rete con una media di 4 ore al giorno. Nel 15% dei casi, il computo totale delle ore trascorse su Internet arriva alle 6 ore o addirittura le supera. Per quanto concerne gli accessi unici, sono circa 30 milioni gli italiani che accedono in rete: o almeno, questo è il picco registrato ad aprile dalle indagini mosse da Audiweb. Senza considerare il numero di ore, invece, la percentuale di giovani under-24 che accede alla rete si attesta sul 69%, e cala al 67% per quanto concerne gli under-35 fino ad arrivare al 31% per gli over-50. La maggior parte dei giovani usa la rete soprattutto per i social network e per la visione di contenuti video in streaming. Infine, il 95% dei ragazzi accede a Internet tramite smartphone. Dalle statistiche risulta anche che le donne utilizzano di più la rete (2,35 ore di media contro 2,14).

Connessioni Internet: la competizione è alta
Per via dell’utilizzo massiccio della rete in Italia, il mercato delle connessioni Internet ha sviluppato una vera e propria “guerra” fra operatori: ognuno cerca dunque di conquistare la propria fetta di mercato, e questo riguarda sia il settore dell’Internet casalingo, sia il Mobile e ultimamente anche il settore della TV digitale. Questo discorso porta con sé ottime notizie per gli italiani, in quanto la suddetta “guerra” viene giocata sempre più spesso sui prezzi al ribasso. Ed ecco che negli ultimi anni si è fatto strada un ulteriore competitor, Linkem, che propone delle offerte per Internet WiFi molto interessanti e concorrenziali, le quali non richiedono una linea a casa fissa per fornire la connessione, al contrario della maggior parte delle offerte dei big del settore.

Internet: uno dei mezzi di comunicazione più potenti

Non è un caso che si parli di rivoluzione digitale: la diffusione capillare di internet negli ultimi 20 anni e la svolta al web 2.0 di una decina di anni fa circa, ha portato con sé enormi cambiamenti nella vita delle persone. Stiamo parlando di un mezzo potentissimo, in grado di mettere in contatto moltissimi utenti e dar loro la possibilità di esprimersi e confrontarsi con un pubblico più ampio, questo nel bene e nel male. Sì, perché, pur essendo vero che da un lato le comunicazioni e la diffusione di idee di valore abbiano guadagnato in velocità, è altrettanto vero che parallelamente a questo hanno avuto largo spazio anche fenomeni meno piacevoli, dettati da scopi decisamente poco nobili. Basti pensare agli attacchi di cyberbullismo perpetrati ai danni dei ragazzi più deboli, oppure a fenomeni più agghiaccianti quali la Blue Whale ed altri.

Quello che dovrebbe essere fatto in maniera più insistente è tentare di diffondere, soprattutto tra i più giovani, una cultura per un uso corretto di questo straordinario mezzo, facendo capire loro che quello che all’apparenza può sembrare un gioco in realtà può avere delle conseguenze inaspettate.

Stop al cyberbullismo. Locatelli: “Un primo passo”

EVIDENZA-CyberbullismoVia libera all’unanimità della Camera al disegno di legge sul cyberbullismo. Un provvedimento “dedicato” dalla presidente della Camera Laura Boldrini a Carolina Picchio, la quattordicenne che si tolse la vita dopo un episodio di bullismo in rete. “Un primo passo necessario e doveroso” ha detto la presidente di Montecitorio rivolgendosi al padre della giovane presente in tribuna. Il testo è frutto “di un lavoro lungo e complesso, che ha visto collaborare positivamente Governo e Parlamento, per raggiungere un risultato equilibrato e – ci auguriamo – efficace nel contrastare questo fenomeno, che colpisce sempre più spesso le vite di giovani e giovanissimi, siano essi le vittime o gli autori di questi atti.

Mi sembra il modo migliore per il nostro Paese di celebrare la Giornata internazionale contro l’omofobia, che ricade proprio oggi”, ha spiegato la ministra per i Rapporti con il Parlamento, Anna Finocchiaro, dopo il sì della Camera. “L’educazione a un uso consapevole della Rete contribuirà a far crescere cittadini più coscienti delle potenzialità dei nuovi media e, soprattutto, dei rischi connessi alla diffusione di contenuti falsi, ingiuriosi o lesivi della privacy o della dignità altrui. Da una parte, quindi, vogliamo proteggere i minori da vere e proprie crudeltà, più o meno consapevoli, che possono subire da parte dei propri coetanei; dall’altra, poniamo un tassello nella costruzione di una società che valorizzi l’uso delle nuove tecnologie come strumento di confronto e condivisione, anziché di odio”, ha concluso la Finocchiaro.

Una legge che Pia Locatelli, presidente del gruppo del Psi alla Camera nella sua dichiarazione di voto definisce un primo passo. “Il gruppo socialista – conferma – voterà a favore di questo provvedimento, anche se non possiamo non notare, come hanno già fatto il relatore Beni e la collega Campana nel corso della discussione generale, che si tratta di un’occasione mancata, di un provvedimento monco. Questo provvedimento, comunque, se pur mutilato contiene molti aspetti positivi puntando non solo alla “punizione” ma soprattutto alla prevenzione e all’informazione”.

Ecco le principali novità del provvedimento:

IDENTIKIT DEL CYBERBULLO – Entra per la prima volta nell’ordinamento una puntuale definizione legislativa di cyberbullismo. Bullismo telematico è ogni forma di pressione, aggressione, molestia, ricatto, ingiuria, denigrazione, diffamazione, furto d’identità, alterazione, manipolazione, acquisizione o trattamento illecito di dati personali realizzata per via telematica in danno di minori. Nonché la diffusione di contenuti online (anche relativi a un familiare) al preciso scopo di isolare il minore mediante un serio abuso, un attacco dannoso o la messa in ridicolo.

OSCURAMENTO DEL WEB – Il minore sopra i 14 anni vittima di cyberbullismo (o anche il genitore) può chiedere al gestore del sito internet o del social media o al titolare del trattamento di oscurare, rimuovere o bloccare i contenuti diffusi in rete. Se non si provvede entro 48 ore, l’interessato può rivolgersi al Garante della privacy che interviene direttamente entro le successive 48 ore. Dalla definizione di gestore, che è il fornitore di contenuti su internet, sono comunque esclusi gli access provider, i cache provider e i motori di ricerca.

DOCENTE ANTI-BULLI IN OGNI SCUOLA – In ogni istituto tra i professori sarà individuato un referente per le iniziative contro il cyberbullismo. Al preside spetterà informare subito le famiglie dei minori coinvolti in atti di bullismo informatico e attivare adeguate azioni educative. L’obbligo di informazione è circoscritto ai casi che non costituiscono reato. Più in generale, il Miur ha il compito di predisporre linee di orientamento di prevenzione e contrasto puntando, tra l’altro, sulla formazione del personale scolastico, la promozione di un ruolo attivo degli studenti e la previsione di misure di sostegno e rieducazione dei minori coinvolti, mentre ai singoli istituti è demandata l’educazione alla legalità e all’uso consapevole di internet. Alle iniziative in ambito scolastico collaboreranno anche polizia postale e associazioni territoriali.

AMMONIMENTO DA PARTE QUESTORE – In caso di ingiuria, diffamazione, minaccia o trattamento illecito di dati personali via web, fino a quando non vi sia una querela o denuncia il cyberbullo, sulla falsariga di quanto già è previsto per lo stalking, potrà essere formalmente ammonito dal questore che lo inviterà a non ripetere gli atti vessatori. Insieme al minore sarà convocato anche un genitore. Gli effetti dell’ammonimento cessano al compimento della maggiore età.

PIANO D’AZIONE E MONITORAGGIO – Presso la presidenza del consiglio verrà istituito un tavolo tecnico con il compito di redigere un piano di azione integrato per contrastare e prevenire il cyberbullismo e realizzare una banca dati per il monitoraggio del fenomeno.

Tiziana Cantone vittima di una cultura sessista

Violenza-sulle-donne-Locatelli“Tiziana Cantone non è una vittima della Rete, ma di una cultura maschilista e sessista, violenta e volgare che usa Internet per colpire impunemente chi non può difendersi. Vergognoso è il comportamento di chi ha diffuso quei video e ancora più vergognosi sono i commenti di quanti affermano che se le è andata a cercare”. Lo afferma Pia Locatelli, capogruppo del Psi alla Camera e presidente del Comitato Diritti Umani.

Tiziana Cantone si è tolta la vita. Incapace di superare la vergogna per quel video hot con tanto di nome e cognome. Un video che la ritraeva che era finito in rete a sua insaputa. Da un anno e mezzo la vita di Tiziana Cantone, 31 anni, era diventata un calvario. Una spirale di vergogna che l’aveva costretta a fuggire dal suo comune di residenza, e che oggi l’ha portata a suicidarsi nell’abitazione dove viveva da qualche tempo, con la madre, a Mugnano, in provincia di Napoli. Una storia terribile su cui, ora, anche la Procura vuole vederci chiaro. È stato aperto un fascicolo contro ignoti con l’accusa di istigazione al suicidio e non si escludono altri reati che potrebbero emergere nel prosieguo dell’inchiesta, dalla violazione della privacy allo stalking.

“La legge contro il bullismo e il cyberbullismo che dovremmo approvare entro domani – ha aggiunto Pia Locatelli – serve proprio a prevenire e contrastare questi fenomeni e non a limitare la libertà di espressione, come affermano gli esponenti dei 5 Stelle. D’altra parte dai ‘bulli e… pupi’ che hanno posto nell’insulto le basi della propria politica non ci si può attendere un atteggiamento diverso”. La legge sul cyberbullismo verrà votata il 20 alla Camera. Domani (giovedì) si inizia con le votazioni dei singoli articoli. Il testo è stato già approvato in Senato, ma la Camera lo ha modificato allargandolo anche al bullismo e estendendolo non solo ai minori ma anche agli adulti.

Tiziana Cantone, a causa della diffusione di quei video, aveva ingaggiato anche una battaglia legale per il diritto all’oblio. Il suo avvocato aveva ottenuto di recente dal tribunale di Napoli un provvedimento d’urgenza, ex articolo 700, con il quale si intimava a un social network di rimuovere post, commenti e contenuti multimediali relativi alla donna. Ma il danno ormai era fatto: malgrado lei avesse anche avviato le procedure per il cambio di cognome, la diffusione capillare delle immagini, della sua foto, delle generalità rappresentava una ferita non rimarginabile.

Redazione Avanti!