dimissioni

In evidenza

Il capo ordinò e i seguaci obbedirono

l capo dette l’ordine e i suoi adepti lo eseguirono. Suicidatevi! Era il 19 novembre del 1978 quando il reverendo Jones ordinò ai coloni di Jamestown, la città fondata in Guyana dai seguaci della setta del “Tempio del Popolo” di ingerire del cianuro mettendo così fine alla vita di più di 900 persone. Una metafora di quanto accade oggi ad un altro “Popolo”, quello “delle Libertà”. «A me sembra che ci sia lo spazio per fare un paragone tra quanto succede nel Pdl e le sette in cui il capo decide…

Esteri

Pd, il caso kazako spacca il partito di Epifani. Scontro fra Civati e Franceschini

Sempre più spesso, e sempre più spessi, arrivano al famoso pettine, gli altrettanto famosi nodi. Nodi che stanno a rappresentare le diverse correnti che animano il Partito democratico, e che si stanno definendo in maniera sempre più netta. L’ennesima riprova l’ha data la cosiddetta corrente “renziana”, questa volta sulla delicata e fumosa vicenda della moglie del kazako Mukhtar Ablyazov, presunto dissidente e ricercato, che ha condotto il MoVimento5Stelle e Sinistra Ecologia e Libertà (Sel)…

Approfondimento

L’estate calda di Rajoy e i presunti fondi neri al PP: i socialisti ne chiedono le dimissioni

La mite estate spagnola sembra non esistere per Mariano Rajoy, primo ministro spagnolo e leader del Partito Popolare (PP). L’estate di Mariano è molto caldo, e le temperature ogni giorno aumentano, tanto che l’emergenza incendi dai boschi delle assolate terre iberiche si è spostata nella madrilena calle Genova, sede del PP, dove l’aria per Rajoy e il gruppo dirigente del partito che guida il governo spagnolo inizia a farsi davvero irrespirabile. Questo 2013, iniziato male con la pubblicazione…

In evidenza

M5S: questa volta Grillo si sente il generale Badoglio e chiede di incontrare Napolitano

Ha cambiato i nomi, anzi i cognomi. Ma la sostanza è la stessa: Beppe Grillo questa volta gioca con la storia d’Italia, in particolare con la data che ha visto la caduta del Fascismo, il 25 luglio 1943. L’indomani, il Corriere della Sera pubblicava un titolo e un sottotitolo, oggi modificato dal leader del MoVimento5Stelle, in chiave comico-delirante: “Le dimissioni di Letta. Grillo capo del governo. Un proclama di Napolitano” e il sottotitolo: “Napolitano assume il comando delle Forze Armate…

In evidenza

Governo: il ministro Idem si dimette. L’ex olimpica getta la spugna

E alla fine non è bastato chiedere pubblicamente scusa “da privato cittadino” anche se ancora in carica come ministro, né è servito dimostrare il proprio essere ligia alla regole e fedele al proprio Paese perché campionessa plurimedagliata. La politica è altra cosa e le regole non scritte, spesso, contano più di quelle sottoscritte col sangue. Fatto sta che il ministro per le Pari Opportunità, lo Sport e le Politiche giovanili, Josefa Idem ha presentato ieri pomeriggio, nel corso di un…

In evidenza

Caso marò, polemiche per le dimissioni del ministro Terzi. Oggi Monti riferisce in Parlamento

Le dimissioni del ministro degli Esteri, Giulio Terzi accendono polemiche e stupori. Il battibecco è con il responsabile del dicastero della Difesa, Giampaolo Di Paola che ha replicato, all’annuncio delle dimissioni di Terzi, asserendo di non voler «abbandonare la nave in difficoltà». Durante il discorso alla Camera, Terzi ha giustificato il gesto delle dimissioni in quanto contrario al ritorno dei marò in India, sottolineando la volontà di «salvare l’onore del Paese» e aggiungendo che, a suo…

In evidenza

Caso marò, Terzi si dimette: «Ero contrario al rientro in India dei militari italiani»

«Ho aspettato di farlo qui in Parlamento per esprimere pubblicamente questa mia posizione: non posso più far parte di questo governo». Così alla Camera il ministro degli Esteri Giulio Terzi annunciando le sue dimissioni dopo la bufera sollevata dalla vicenda dei marò. «Esprimo la mia riserva per la repentina decisione del loro ri-trasferimento in India, la mia voce è rimasta inascoltata. Finalmente avevamo in patria i due fucilieri di marina». Lo ha detto il ministro degli Esteri, Giulio …

Approfondimento

Conclave, si avvicina la data ufficiale. Oggi si riuniscono tutti i 115 cardinali “elettori”

Fino a ieri sera sembrava una notizia cui mancava solo l’ufficializzazione, poi è giunta la smentita da parte di padre Federico Lombardi che ha reso noto che lunedì prossimo non ci sarà alcuna messa «pro-eligendo Romano Pontefice», quella messa che precede l’ingresso dei cardinali nel Conclave. Oggi finalmente tutti i 115 cardinali “elettori” saranno riuniti e si potrà dunque stabilire la data in cui celebrare le elezioni del nuovo Pontefice. Nel frattempo nella Cappella Sistina, ove si…

In evidenza

L’addio del Papa: il saluto ai cardinali e l’arrivo in elicottero a Castel Gandolfo

Una giornata storica e densa di avvenimenti quella di ieri. Riportati e raccontati, passo dopo passo fino alle 20 di ieri sera, da quando il seggio papale è divenuto vacante: l’abitazione del pontefice sarà sigillata fino all’arrivo del nuovo Papa. Inoltre, l’anello del pescatore e il sigillo papale verranno distrutti. Ratzinger continuerà a indossare un anello, ma non più quello papale. Dopo un saluto privato ai cardinali, Ratzinger è giunto a Castel Gandolfo, sua residenza per i prossimi…

Politica

Oscar Giannino si dimette da presidente di ‘Fare’, ma non da candidato premier

Si dimetterà? Non si dimetterà? A svelare l’arcano che da qualche ora tiene banco negli ambienti politici è stato lo stesso Oscar Giannino su twitter ieri, mentre era in corso la direzione del movimento. Il leader di Fare per fermare il declino ha cinguettato: “Dimissioni irrevocabili da presidente in Direzione. I danni su di me per inoffensive ma gravi balle private non devono nuocere a Fare”. Ma le dimissioni sono solo parziali perché Giannino, come ha spiegato il membro della direzione…