espulsione

In evidenza

Caso kazako: Alfano in silenzio si trincera dietro il Pdl. Ma M5S vorrebbe sfiduciarlo

Sembrano essere stati tre i blitz. Blitz fatti di perquisizioni, ricerche e beni sequestrati. Le operazioni lampo della polizia si sono concluse con il provvedimento di espulsione di Alma Shalabayeva, moglie del dissidente kazako Ablyazov e della loro figlia di sei anni. La vicenda – che si è consumata durante gli ultimi giorni dello scorso maggio, nella villa a Casal Palocco, nei pressi di Roma – rischia ora di provocare una crisi interna del già traballante governo Letta, nonché minarne…

Approfondimento

Nencini replica all’editoriale di Travaglio: “Il vicedirettore del ‘Fatto’ sposa il diritto di censura”

“Travaglio ha il dono della dimenticanza. Anzi da una parte seleziona colpevolmente, dall’altra abrasa. Citando in negativo il caso di Craxi-Bassanini ed altri arriva addirittura a sposare il diritto di censura. Si rilegga quanto accadde nel Psi agli inizi degli Anni ’80 e abbia la bontà di mettere a confronto quella storia con questa. Grillo trionferà come modello anti liberale. E Travaglio come novello Papa Paolo III”. Affida all’Avanti! il senatore Riccardo Nencini, segretario del Partito…

In evidenza

Lega, espulso dal Carroccio la consigliera per la frase choc contro il ministro Kyenge. Solidarietà dai socialisti

Era stata recentemente sospesa, per contrasti interni. E ieri sera esplusa. Per un commento dai contorni inquietanti: un’incitazione alla violenza sessuale nei suoi confronti. Un “pugno allo stomaco” da una donna a un’altra donna. Il bersaglio è stato il ministro dell’Integrazione Cecile Kyenge, la provocatrice ha il volto di Dolores Valandro, consigliere di quartiere della Lega Nord-Liga Veneta, a Padova. Il pretesto è stato l’incontenibile spinta della seconda nel commentare la recente…

Approfondimento

Immigrati, rivolta nel Cie di Roma. Lo scrittore Erri De Luca: «Vanno chiusi»

Il rifiuto al rimpatrio, per effetto di un decreto di espulsione, da parte di un 29enne nigeriano e scoppia la rivolta. Momenti di tensione ieri mattina nel più grande centro di identificazione ed espulsione (Cie) di Italia a Ponte Galeria, alle porte di Roma. Il giovane nigeriano ha opposto resistenza alle forze dell’ordine, provocando la reazione degli altri ospiti immigrati che hanno dato fuoco ad alcuni materassi e suppellettili, rendendo necessario l’intervento di tre squadre di vigili…