Istruzione in Europa. Noi in fondo alla classifica

scuola

Non siamo gli ultimi ma i penultimi. Di certo non messi bene nella classifica che misura il livello di istruzione tra i paesi europei. Siamo il paese di Dante, di Petrarca, di tanti scienziati e matematici. Di scopritori e di ricercatori, ma i numeri purtroppo sono chiari e impietosi. Nel 2017, in Italia, il 60,9% della popolazione tra i 25 e i 64 anni ha almeno un titolo di studio secondario superiore. In base ai dati dell’Istat, il valore italiano è molto al di sotto della media europea, che si attesta al 77,5%. Secondo l’istituto di ricerca, sulla differenza pesa in particolare la bassa quota di titoli terziari: 18,7% in Italia e 31,4% nella media Ue.

L’Istat certifica inoltre che dal 2008 allo scorso anno la quota di popolazione con almeno il diploma secondario superiore è in deciso aumento. Più contenuta, rispetto alla media europea, è invece la crescita della quota di popolazione con un titolo terziario (ovvero università, Afam e altri titoli post-laurea o post-Afam).

In Italia il 26,9% ha una laurea, penultimi in Ue – La quota di 30-34enni in possesso di titolo di studio terziario (laurea, Afam e post laurea) è invece pari al 26,9% (39,9% la media Ue) nel 2017. Nonostante un aumento dal 2008 al 2017 di 7,7 punti, l’Italia è la penultima tra i Paesi dell’Unione e non è riuscita a ridurre il divario con l’Europa. La quota di 30-34enni laureati, già bassa nel Nord e nel Centro (30% e 29,9%), nel Mezzogiorno si riduce al 21,6%, con un divario territoriale in aumento.

Livello di istruzione più elevato nelle donne – Il livello di istruzione delle donne risulta più elevato di quello maschile: il 63% ha almeno un titolo secondario superiore (contro 58,8% degli uomini) e il 21,5% ha conseguito un titolo di studio terziario (contro 15,8% degli uomini). Inoltre, i livelli di istruzione femminili stanno aumentando più velocemente di quelli maschili.

Il 14% dei 18-24enni ha abbandonato gli studi, 18,5% al Sud – L’Istat ha poi evidenziato come nel 2017 la quota di 18-24enni che hanno abbandonato precocemente gli studi si stima pari al 14%; per la prima volta dal 2008 il dato non ha registrato un miglioramento rispetto all’anno precedente. Le differenze territoriali negli abbandoni scolastici precoci sono molto forti – 18,5% nel Mezzogiorno, 10,7% nel Centro, 11,3% nel Nord – e non accennano a ridursi.

Il nuovo numero di “K metro 0”, informazione e dibattito sui temi europei

europa“Crediamo che all’Europa servano meno “lobbisti” e più “politici”: i cittadini hanno il diritto di sapere quello che fanno i loro rappresentanti a Bruxelles, per cui occorre una maggiore comunicazione diretta da e verso i cittadini europei, anche in vista delle prossime elezioni 2019”.
Con queste parole l’editore Nizar Ramadan apre il terzo numero di “Kmetro0”, periodico cartaceo diffuso in questi giorni in tutte le sedi istituzionali e produttive del network nazionale ed europeo: un magazine dedicato a creare dibattito e riflessione “su ciò che accade nel nostro continente, sia al suo interno che nell’espressione politica che l’Unione Europea riveste, nel contesto delle altre grandi aree economiche del mondo”.

Tra gli argomenti portanti di questo numero, alcuni contributi per mettere a fuoco il tema “Migrazione – problema del secolo”, di Alessandro Cardulli, al di fuori della cronaca e delle demagogie, tra la mancanza d’ una vera politica di accoglienza europea e la necessità di fornire strumenti di conoscenza utili. Oltre a un dovuto riscontro dall’ultimo vertice di Bruxelles, “Kmetro0” ospita un report sui dati dei flussi migratori, un articolo sull’incontro di Macron col Pontefice, un’ intervista al Portavoce di Amnesty International in Italia e il parere del Responsabile del Forum Immigrazione del Partito Democratico.
Un’ intervista a Beatrice Covassi, Capo della Rappresentanza in Italia della Commissione europea, ci aiuta a monitorare lo stato di salute della costruzione europea a livello sociale, politico, economico, normativo e culturale. E per capire “da dentro” cosa sta succedendo in alcuni Paesi dell’area euro, diversi approfondimenti: dalla Francia, l’intervista all’ex ministro del Commercio, del consumo e turismo, Frederic Lefebvre; dalla Grecia, una prospettiva senza sconti sull’approccio locale alla cura dimagrante imposta in questi anni alla spesa pubblica; dall’Italia, un doveroso aggiornamento sul nuovo governo Conte e sulla linea del ministro del tesoro Tria; dalla Spagna, il nuovo equilibrio politico e la rotta europeista, guardando anche all’“eredità” di Rajoy; dalla Polonia, i segnali di crescita evidenziati dalle dichiarazioni del viceministro Marek Magierowski.

Meritano le due pagine dello Speciale di questo numero le analisi del think tank “Laboratorio Europa”, il gruppo di esperti promosso da Eurispes, il qualificato ente di ricerca presieduto da Gian Maria Fara, per fornire proposte “evolutive” alla costruzione comunitaria. “Kmetro0” ospita la sintesi di alcune di queste, relative alla costituzione del pilastro sociale comune, alla condivisione di un “nuovo contratto sui vantaggi”, a più efficaci politiche di investimenti in infrastrutture e cofinanziamenti, a un mercato bancario e finanziario unico.

Fabrizio Federici

EUROPA UNITA

DRAGHI NON MOLLA PRESA, DECISO CONTRO RISCHI DEFLAZIONEBorse europee positive nel pomeriggio, dopo il quadro rassicurante tracciato dal numero uno della Banca centrale europea, Mario Draghi, al Parlamento europeo e dopo la buona intonazione di Wall Street, ancora in festa per i dati sul mercato del lavoro di luglio (sono state create 213.000 nuove buste paga, livello superiore alle attese). Il banchiere ha dichiarato che sebbene a fine anno termineranno gli acquisti di asset da parte dell’istituto centrale, questo non significherà la fine dell’espansione monetaria. Draghi è quindi tornato a sottolineare che i fondamentali dell’economia del Vecchio Continente sono solidi, nonostante la crescita degli ultimi mesi sia risultata più moderata e nonostante il protezionismo in atto stia diventando sempre più una minaccia. Il presidente dell’Eurotower ha quindi invocato un’Europa unita, complice il fatto che l’unione monetaria è ancora incompleta e vulnerabile.

“In questi tempi di aumentate incertezze globali, è più importante che mai che l’Europa resti unita” ha avvertito ancora il presidente della Bce sottolineando i pericoli che corre l’Europa a causa dei dazi e del ritorno delle politiche protezionistiche. La ricetta di Draghi è un’Europa più unita: “Per sostenere la fiducia e continuare l’espansione economica, abbiamo bisogno di ulteriore convergenza e integrazione tra gli Stati membri dell’area dell’euro”, ha sottolineato.

I rischi al ribasso per le prospettive di crescita “riguardano principalmente la minaccia di un maggiore protezionismo: un’Unione europea forte e unita può aiutare a cogliere i benefici dell’apertura economica proteggendo al tempo stesso i suoi cittadini contro una globalizzazione incontrollata”, ha insistito il presidente della Bce. “L’Ue – ha aggiunto – può dare supporto al multilateralismo e al commercio globale, capisaldi della crescente prosperità economica negli ultimi sette decenni. Ma per avere successo al di fuori, l’Ue richiede istituzioni solide e una sana governance economica all’interno”.

Draghi ha anche affrontato il tema dell’eurozona, al centro del dibattito tra i Paesi europei e di una riforma in salita. “La condivisione dei rischi aiuta in grande misura la riduzione dei rischi”, ha detto Draghi riferendosi al sistema bancario e alle scelte pendenti per completare l’unione bancaria (la questione centrale è il sistema unico di garanzia dei depositi).

Infine nel corso della conferenza stampa il presidente della Bce si concede un passaggio sull’Italia: “Dobbiamo vedere i fatti prima di esprimere un giudizio, i test saranno i fatti, finora ci sono state le parole e le parole sono cambiate”.

L’Europa, i sovranisti e le democrazie illiberali

europa bandiere

Lo scorso fine settimana si è svolto, a Bruxelles, il vertice del Consiglio Europeo sulla gestione dei flussi migratori. I risultati del vertice non sono stati soddisfacenti per il nostro Paese, a dispetto dell’ingiustificata esultanza del premier Conte.

Nel testo finale viene, più volte, ribadita la volontarietà della suddivisione di chi arriva in Europa. In altre parole, l’Italia non ottiene la distribuzione obbligatoria dei migranti ma, unicamente, l’impegno degli altri Paesi europei ad approntare, se lo vorranno, dei campi di accoglienza.

Rimane, a questo proposito, una grande incertezza rispetto all’attendibilità degli impegni presi su base volontaria.

Tra gli Stati europei più intransigenti e indisponibili alle ragioni della condivisione della gestione delle politiche migratorie si segnala il governo ungherese guidato da Viktor Orban e dal gruppo dei paesi di Visegrad, la fronda euroscettica dell’Europa centro-orientale (Polonia, Slovacchia e Repubblica Ceca). Ma troviamo estimatori delle idee politiche sovraniste anche nel Front National in Francia, nei partiti islamofobi di estrema destra del Nord Europa e in Italia, nella Lega (Nord?).

Proprio gli alleati europei di Salvini sono, plasticamente, i portatori di interessi nazionali configgenti con l’interesse italiano che è volto ad una comune gestione dei migranti su scala continentale, essendo l’Italia, per motivi geografici, il paese di primo arrivo.

Inoltre, l’alleanza sovranista europea con lo sponsor decisivo della Russia putiniana, fa della costruzione di una società chiusa a difesa della Tradizione uno dei punti qualificanti della propria azione politica.

Anche qui all’insegna dell’egoismo nazionale e orientati a forme di “democrazia illiberale”1.

Il termine “democrazia illiberale”, nella consuetudine politico-giornalistica, indica un sistema politico, con notevoli variazioni a seconda dei contesti nazionali, formalmente rappresentativo ma nel quale non vengono pienamente rispettati i principi pluralisti e democratici.

Alcuni studiosi definiscono questo peculiare sistema politico-istituzionale “democratura”, crasi tra democrazia e dittatura; altri, come Steve Levitsky2, professore di Scienza Politica all’Università di Harvard, utilizzano la dicitura di “autoritarismo competitivo”.

L’autoritarismo competitivo è un fenomeno post guerra fredda che coinvolge i Paesi che uscivano da forme di dittatura. Ciò nonostante, nella contemporaneità, si va diffondendo come teoria politica, anche nei settori più conservatori dell’Europa occidentale.

Nelle democrazie illiberali esistono le Istituzioni democratiche e sono vissute tanto dal governo che dall’opposizione come il principale meccanismo per giungere al potere. Le elezioni sono relativamente competitive e in alcuni casi si registrano delle parziali vittorie delle opposizioni.

Tuttavia, non si tratta di un regime democratico, perché la competizione non è equilibrata: il partito di governo gode di enormi vantaggi, riducendo, con lo strumento legislativo, gli spazi di agibilità democratica delle minoranze e la libertà dell’informazione. Giornalisti e attivisti dell’opposizione vengono minacciati, a volte arrestati e spesso si verificano manipolazioni e frodi elettorali.

Nei discorsi pubblici, e nella propaganda dei governi e dei partiti della destra radicale che s’ispirano al modello di “democrazia illiberale”, risuona un’argomentazione principale: la morte del modello democratico occidentale da sostituire con regimi autoritari sul modello di quelli sperimentati in Russia, Cina e Turchia.

Si prospetta l’abbandono dei metodi e dei principi liberali nell’organizzazione di una società. Si propone un impianto di forte rilancio dell’orgoglio nazionale e della Tradizione, con un uso strumentale dei valori cristiani, vi è una dichiarata ostilità alle politiche europee di accoglienza agli immigrati, fomentando razzismi vecchi e nuovi.

A tutto questo si aggiunge un utilizzo improprio dei poteri costituzionali, l’occupazione degli organi di garanzia e una gestione arrogante dei rapporti politici e dei rapporti con i mezzi di informazione.

Sembra evidente come gli elementi sopraindicati rappresentino una pericolosa messa in discussione dei valori di cui si sostanziano le democrazie occidentali e pluraliste.

S’intravede il rischio che le pulsioni illiberali, il nazionalismo, la demonizzazione della società civile etichettata come “radical chic”, conducano verso una società chiusa, autoreferenziale, impaurita e più debole.

Occorre vigilare sui pericoli dell’autoritarismo contemporaneo e contribuire a promuovere una cultura di tutela dei diritti umani, di promozione della libertà d’informazione e, più in generale, la realizzazione dei principi democratici enunciati nelle Carte europee e nazionali.

Paolo D’Aleo

1) A proposito, si leggano le argomentazioni utilizzate dal filosofo russo Aleksander Dugin, teorico delle politiche proposte e realizzate da Putin e da Russia Unita, in A. Dugin, La quarta Teoria Politica, 2017; A. Dugin, A. De Benoist, Eurasia. Vladimir Putin e la grande politica, 2014.

2) Si veda, S. Levitsky, L. Way, Competitive Authoritarianism: Hybrid Regimes after the Cold War , 2010.

EUROPA INCERTA

consiglio europeo

Nonostante il precedente incontro informale a sedici, si annuncia piuttosto difficile il Consiglio dell’Ue che si svolgerà oggi e domani a Bruxelles. L’Italia si presenta al vertice europeo compatta e pronta a giocarsi la carta estrema del veto se non verrà messo nero su bianco che tutti i Paesi dovranno condividere la responsabilità dei salvataggi in mare dei migranti. Il ‘modello Lifeline’ non dovrà restare un unicum, ma diventare un caso spartiacque. Del resto, il premier Giuseppe Conte, riferendo in Parlamento prima di partire per Bruxelles, lo ha detto chiaramente: “Sui migranti sono in gioco i valori dell’Europa unita”.

A poche ore dall’inizio del vertice, anche Angela Merkel, parlando al Bundestag, ha detto: “La migrazione potrebbe diventare una questione esistenziale dell’Europa. O la gestiamo o nessuno crederà più al nostro sistema di valori”. Poi ha aggiunto: “L’Italia ha diritto a che il fondo fiduciario per il Nordafrica venga finanziato meglio. E qui mancano i soldi. E questo va migliorato. Non possiamo lasciare soli i Paesi in cui si verifica la maggior parte degli arrivi. Questo è il nodo centrale del regolamento di Dublino 3”. La cancelliera ha anche sottolineato: “Chi chiede asilo non può scegliersi il Paese in cui chiederlo”. La Merkel ha fatto appello a delle soluzioni multilaterali e non unilaterali da parte dei Paesi membri.

Il governo italiano ha mostrato i muscoli, dunque, e per ridimensionare l’allarme-populismo più volte lanciato da diversi leader europei, Macron in testa, ha precisato subito: “Se i 27 non dimostrano solidarietà e condivisione, salta tutto. L’Italia farà la sua parte. L’esecutivo gialloverde, nonostante le differenze emerse in più occasioni nella sua compagine, questa volta arriva a Bruxelles compatto e pronto a parlare con una voce sola, ferma e risoluta”. Lo ha scandito chiaramente Conte in Parlamento, prima alla Camera e poi al Senato. Conte ha aggiunto: “Il vertice arriva in un momento in cui è sempre più evidente l’urgenza di rispondere agli aspetti reali della vita del cittadino con proposte concrete, senza tentennamenti e paure”. Anche Matteo Salvini ha ribadito: “Abbiamo finalmente una proposta italiana. Sarà il Consiglio europeo dove l’Italia va a sottoporre agli altri le sue proposte, non a commentare quelle degli altri. Questo è un cambiamento radicale mai vissuto negli ultimi anni”. Uniti dunque sugli obiettivi, mentre resta il doppio binario sulla comunicazione, quello più pacato e incline alla trattativa di Conte e quello più bellicoso del leader del Carroccio dall’altra. Anche oggi, Salvini è tornato ad attaccare il presidente francese dicendo: “Macron fa il matto perché è ai minimi della popolarità nel suo Paese. La carezza al Papa è una cosa che non si è mai vista”. Poi, in un’intervista alla Cnn, Salvini ha detto: “Macron parla di valori, ma è lui stesso il primo a non riconoscerli e perciò non ha lezioni da dare all’Italia”.

L’obiettivo di fondo dell’Italia è quello di aggirare il regolamento di Dublino, definito da Conte inadeguato, visto che è ormai chiaro, come hanno sottolineato fonti europee, che da questo vertice non usciranno novità su una sua riforma.

Non potendolo cambiare subito, la strategia è quella di superarlo di fatto, com’è successo oggi a Malta. Alzando il tiro, prima di tutto con la minaccia del veto, ma anche su altri dossier, come quello russo, con la decisione dell’Italia di chiedere il ripristino dei finanziamenti delle piccole e medie imprese da parte della Bei. E mostrandosi al contempo pronta, come in tutte le trattative, ad allentare la presa su alcuni temi cruciali per i partner europei, come i movimenti secondari, sui quali la Merkel si gioca il governo. Ma anche sui centri chiusi per migranti, a patto che vengano creati pure in altri paesi, come Spagna e Grecia. Una trattativa serrata nella quale le concessioni, nell’idea del governo, dovranno essere adeguatamente bilanciate con aperture anche su altri dossier, partendo dal bilancio Ue e dall’utilizzo dei fondi sociali europei da destinare al reddito di cittadinanza.

Se sui diversi temi in aula, dopo l’intervento di Conte, le critiche al governo non sono mancate, sulla necessità di superare il regolamento di Dublino l’accusa è stata piuttosto quella di aver scoperto l’acqua calda.

Matteo Renzi, parlando con i giornalisti al Senato, ha detto: “Io lo dicevo nel 2015 che andava cambiato il regolamento e proponevo la ricollocazione dei migranti. Allora Lega e 5 Stelle in Europa votarono contro queste scelte”.

Intanto, al suo primo vertice europeo, Conte si presenta annunciando l’incontro del 30 luglio a Washington con Donald Trump.

Il governo gialloverde ha deciso di affidare la replica, dopo il dibattito alla Camera e al Senato, a Paolo Savona, il ministro più temuto dall’Europa e dai mercati, che, parlando in Parlamento per la prima volta dalla sua nomina, ha assicurato: “Il governo sta scrivendo una nuova storia, conducendo una battaglia civile”.

Il messaggio agli italiani è chiaro: questo governo sta riuscendo dove altri governi hanno fallito. Presto sapremo le conclusioni del summit della Ue. Inoltre, le dodici motovedette donate dall’Italia alla Libia, come ha dichiarato Salvini, serviranno a fermare la scandalosa e disumana emigrazione di massa afro-asiatica?

Salvatore Rondello

PERICOLO RAZZISMO

salvini rom

La nave governativa rischia di infrangersi sullo scoglio più grande: il razzismo. Come previsto, la politica migratoria del ministro Salvini sconquassa l’Europa e mette in imbarazzo i 5 Stelle. Prima il cambio di rotta di Aquarius e la polemica con la Tunisia che “importa galeotti”, ora il censimento della popolazione Rom. Il leader leghista, che vola nei sondaggi, è il vero padrone del Governo. E la linea sovranista sembra pagare.

Malgrado le proteste giunte da ogni dove, ieri Salvini ha provato ad ammorbidire la sua posizione (senza riuscirci) sugli “zingari”. L’omologo grillino, davanti a telecamere e taccuini ha tentato di gettare acqua sul fuoco: “Mi fa piacere che Salvini abbia smentito ogni ipotesi di schedatura o censimento perché se una cosa non è costituzionale non si può fare”. Il problema è che oggi Salvini ha rincarato la dose: “Censimento dei Rom e controllo dei soldi pubblici spesi. Se lo propone la sinistra va bene, se lo propongo io è razzismo. Io non mollo e vado dritto!”. E via col solito slogan: “Prima gli italiani e la loro sicurezza”. Di Maio costretto in un angolo.

Una cosa è certa. A tanti italiani sembrano piacere le posizioni assunte da Salvini. E mentre il presidente del Consiglio tace, sulla questione è intervenuta prepotentemente la vicenda drammatica di Caserta: tre giovani in auto che al grido “Salvini, Salvini” hanno sparato colpi di pistola ad aria compressa contro un gruppo di immigrati. Un gesto infame che potrebbe portare a casi di emulazione. In questo clima è lecito domandarsi pure cosa succederà alle 519 persone (e un cadavere) che sbarcheranno a Pozzallo. Tutti migranti salvati da varie imbarcazioni in navigazione nel Mediterraneo. Difficilmente il ministro dell’Interno potrà “dirottare” anche quest’imbarcazione. Lo sbarco è in programma per domattina al massimo. Fino all’ultimo, però, ci si può aspettare di tutto.

Per la crisi migratoria i prossimi giorni saranno decisivi. A fine mese andrà in scena il vertice Ue nel quale i grandi leader continentali getteranno le basi sul programma da tenere. Secondo il commissario europeo Moscovici “l’accusa di inazione, di lassismo dell’Europa, è un’accusa completamente di parte” ha detto rivolgendosi a Salvini. Il politico francese ha affermato che “siamo in un momento in cui questa crisi si sta affievolendo. Ciò che dobbiamo cercare di fare è proseguire questa diminuzione in modo ordinato e comune”. Insomma, l’Europa va in un senso opposto rispetto all’Italia. L’auspicio è che a un certo punto le strade si possano incontrare.

F.G.

IL CANE È VIVO

conte salvini di maioNon sarà facile ma non è impossibile. Il governo Conte – intendo l’alleanza tra Salvini e Di Maio – cercherà di cancellare il confine politico destra/sinistra. Lo ritengono un cane morto, un residuo del vecchio secolo da cui liberarsi in fretta. I tre hanno promesso una ‘politica del fare’ fondata sui bisogni del popolo, una trasposizione nel nostro tempo degli slogan della Francia della rivoluzione. Nulla di buono.

E però, se è complicato inserire i Grillini nelle categorie tradizionali, non c’è dubbio che la Lega, per sua stessa ammissione, per alleanze, per collocazione nello scenario europeo, sia un movimento di destra e dei più estremi. Ostenta una pancia razzista e non se ne lamenta, propone una riforma fiscale che avvantaggia i più ricchi, è giustizialista. Resta il fatto che il crinale destra/sinistra va ripensato. Profondamente ripensato. Qui e in Europa. Migrazioni e globalizzazione hanno fatto affiorare nuovi problemi che con la consuetudine non possono essere affrontati. La sinistra è ovunque in crisi, arranca attorno a basse percentuali elettorali, rispetto ai grandi temi che travagliano le famiglie è afona. Resto al mio paese. In Parlamento ci sono due opposizioni – una di sinistra, l’altra di centro destra – ma nessuna delle due costituisce ad oggi un’alternativa credibile. A me sta a cuore la prima. E sono preoccupato.

C’è chi ritiene che “ha da passa’ a nottata”, tanto prima o poi l’alleanza esplode. Non può durare un governo che trasporta a Palazzo Chigi un protagonista del Grande
Fratello con un Presidente del Consiglio che prende ordini da Di Maio. Non sarà così. L’alleanza ha una sua solidità, poggia sul ‘Vaffa..’ grillino, si allargherà a comuni e regioni prossimamente al voto. Spero di sbagliarmi. Voglio dire che è un errore aspettare, urge organizzarsi.

L’Alleanza per la Repubblica che i socialisti hanno proposto intende creare un largo fronte riformista che ridisegni la cornice in cui la sinistra italiana si muove. E nel ridisegnarla non si può partire che dai due pilastri su cui si fonda il socialismo: eguaglianza e libertà. Le carte si possono mescolare come volete ma da qui la sinistra deve passare. Il punto non è rinunciare a una collocazione politica ma ridefinirne i contenuti.

Un paio di esempi. Da oltre un secolo chi pensa alla sinistra pensa alla classe operaia, considerata il lato debole della società. Non è più così. Le fragilità crescono tra i laureati che si arrabattano alla ricerca di lavoro, tra gli esodati cinquantenni, tra i pensionati al minimo, tra professionisti e divorziati maschi. Tra i giovani e i giovanissimi dal futuro incerto. Di loro, soprattutto di loro, la politica deve occuparsi. C’è di più. La chiusura dentro i confini nazionali è destinata a provocare conseguenze deleterie. Senza un’Europa forte, nella globalizzazione scompariamo. Meno investimenti, insufficiente ruolo nelle relazioni internazionali, meno lavoro. E però il problema esiste. Già. Come tutelare una tradizione di comunità, come non essere spazzati via da una modernità che spesso non comprendi, come dare voce a spaesati e naufraghi senza che la nostalgia approdi al rancore e alla rabbia. Abbandonare la strategia degli ipermercati e tutelare il piccolo negozio di paese è utile? Proteggere la piccola impresa è utile? Conferire il voto amministrativo ai sedicenni per legarli di più e meglio alle comunità locali e avviare un percorso civico è utile? Penso sia necessario.

Abbiamo sbagliato a confidare nell’idea di un progresso perpetuo dimenticando chi restava indietro. Non solo per ragioni economiche, per cultura.
Da qui bisogna ripartire. Presto.

Riccardo Nencini

NULLA DA FARE

conte-savona-mattarella-ansa (1)

Niente da fare. Il tentativo di Governo giallo-verde si arena sul nome di Paolo Savona e sulle posizioni euroscettiche dell’ex ministro. Il presidente della Repubblica pone un veto indiscutibile sul docente di origini sarde. Troppo alto il rischio di nominare un ministro dell’Economia che possa incrinare i rapporti con Bruxelles e mandare in tilt i mercati. Il mandato del professor Conte, quindi, si dissolve nella faida istituzionale Quirinale-partiti. A questo punto si rafforza l’ipotesi del ritorno al voto in autunno.

Sergio Mattarella non ha ritenuto sufficiente neanche il comunicato diffuso in giornata da Savona. Un lungo elenco di obiettivi da perseguire, in cui non sono espresse critiche feroci all’Europa. Emerge, però, chiara la voglia di scontro con Bruxelles. Salvini non ha voluto sentire ragioni. “Savona o si torna al voto” ha ripetuto il leader leghista nell’inusuale incontro con il Capo dello Stato andato in scena prima che Conte salisse al Colle alle 19. Di Maio, convocato una mezz’ora dopo Salvini, lo ha ribadito. Mattarella ha dovuto prendere atto dell’irremovibilità dei due e dichiarare fallito anche l’ultimo tentativo.

In realtà al Quirinale hanno sempre ritenuto poco affidabile la coppia Salvini-Di Maio. L’impressione del Colle è che soprattutto il capo del Carroccio non abbia mai voluto far partire un esecutivo con i grillini. Sostituire Savona con Giorgetti sarebbe stato facile per Salvini. Ma i sondaggi premiamo la Lega, che tornando alleata con Berlusconi e Meloni punterebbe al mandato pieno con il centrodestra. La campagna elettorale è già pronta. Sarà tutta impostata contro il Quirinale, i poteri forti europei e le interferenze di Bruxelles sulla sovranità italiana.

“Ci abbiamo provato per settimane. Non siamo al ricatto di nessuno. Se non si può nominare un ministro inviso a Berlino, significa essere sulla strada giusta. È rimasta solo una cosa da fare: far parlare di nuovo gli italiani per chiedere un mandato pieno”, afferma sicuro Salvini dopo il confronto con Mattarella. Certamente, tornando ad elezioni, il Carroccio avrebbe il vento in poppa. Il 5 Stelle, invece, potrebbe rivedere la sua leadership, consegnando il timone ad Alessandro Di Battista.

Si profila, dunque, quanto mai accaduto prima nella storia della Repubblica: un nuovo turno elettorale pochi mesi dopo le elezioni politiche. Il commento finale del presidente della Repubblica disegna uno scenario incerto per il futuro dell’Italia. “Nessuno può sostenere che io abbia ostacolato il governo cosiddetto del cambiamento. Diverse parti politiche mi hanno chiesto di tornare al voto. Mi riservo di prendere una decisione. Nelle prossime ore assumerò un’iniziativa”, l’estrema sintesi delle parole di uno sconsolato Sergio Mattarella, che convoca per domani mattina Carlo Cottarelli. L’ex Fmi dovrebbe essere la scelta del Capo dello Stato per rasserenare i mercati e traghettare il Paese al voto anticipato.

Francesco Glorialanza

Confindustria stronca il programma Lega-5Stelle

confindustria

L’Assemblea annuale della Confindustria, oggi a Roma, ha stroncato il contratto di governo siglato da Movimento 5 Stelle e Lega. L’attacco non è stato fatto in modo diretto: la parola contratto di governo non compare mai, ma nella lunga relazione del presidente Vincenzo Boccia le critiche, anche aspre, ai contenuti di quella intesa, sono state numerose. Punto per punto, in occasione dell’assemblea annuale, Boccia ha smontato l’impalcatura economica dell’accordo tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio, pur avendo, subito dopo le elezioni, riconosciuto il ruolo politico del Movimento fondato da Beppe Grillo.

Il leader degli industriali ha difeso l’euro e il ruolo dell’Italia in Europa, ha detto no ad operazioni stravaganti sul debito pubblico e a tagli generalizzati delle imposte, ha chiesto garanzie per l’Ilva e la Tav, si è mostrato perplesso sul reddito di cittadinanza e sull’idea di smontare la riforma Fornero. Secondo la Confindustria, bisogna cambiare ma senza distruggere. Boccia ha affermato: “Non è affatto chiaro dove si trovino le risorse per le tante promesse”.

Quello che più ha colpito è stato il messaggio del Presidente della Confindustria diretto ai politici: “All’Italia servono leader capaci di prendere decisioni nell’interesse nazionale. In politica, non bisogna prendere facili scorciatoie e farsi guidare dall’urgenza di un consenso immediato, ma occorrono pazienza e lungimiranza da declinare in programmi di governo e non elettorali. Dialogo, confronto e bilanciamento degli interessi sono le parole chiave. Compito della politica, insomma, non è quello di sommare e replicare le spinte che provengono dal basso, dalle rispettive basi elettorali, ma offrire risposte ai disagi provenienti dalla società senza chiudersi nel recinto della mera constatazione di quei disagi”.

La democrazia ha bisogno di quelle che Boccia chiama competenze, parola scelta non a caso, dicendo: “Che sappiano interpretare il bene comune e perseguirlo anche a costo di scelte impopolari”.

Dagli industriali sono arrivati i seguenti suggerimenti: “La ‘vera missione Paese’ è la creazione di lavoro, prima di tutto per i giovani. Non servono scorciatoie, per quanto allettanti, che possono solo condurre in vicoli ciechi. Dunque, meno enfasi sulle pensioni e più sul lavoro che acquista una centralità assoluta”. E’ anche arrivato il monito di Boccia: “Le pensioni sono importanti, un diritto acquisito e sacrosanto, ma non possiamo scaricarne l’onere sui giovani, già gravati dal peso del debito pubblico” .

Senza citare in modo esplicito il reddito di cittadinanza, il presidente di Confindustria ha anche affermato: “Solo il lavoro abbassa il bisogno di garantire chi un reddito non riesce a procurarselo”. Poi ha detto no alla chiusura dell’Ilva, “la più grande acciaieria d’Europa”. Ribadendo la centralità delle infrastrutture, Boccia ha sostenuto: “Non si può, ogni volta che cambia il governo, rimettere in discussione scelte strategiche per il nostro futuro, a partire dal Terzo Valico, dalla Tav e dalla Tap altrimenti si condanna l’Italia all’isolamento”.

Boccia ha anche ricordato: “L’adesione all’euro fu una scelta faticosa ma lungimirante di un grande italiano, Carlo Azeglio Ciampi. Oggi l’Europa è imprescindibile e il ruolo dell’Italia all’interno della casa comune va rafforzato con una presenza costante e competente nei luoghi dove si decide ancor di più in vista delle elezioni del Parlamento europeo del prossimo anno. Serve, inoltre, una responsabilità verso il nostro debito pubblico, un mostro da 2.300 miliardi, con una politica che rassicuri sulla sua graduale riduzione. Proprio l’alto debito richiede prudenze nei tagli generalizzati delle imposte. La politica fiscale ha bisogno di una regia chiara, ferma e coerente, che sappia essere immune da manovre volte solo a captare consenso politico. Il Paese sta attraversando un momento delicato, la forza della ripresa economica scricchiola, ma l’Italia resta un grande Paese industriale dalle enormi potenzialità. Tuttavia nulla è per sempre: possiamo progredire lungo la strada della crescita e del lavoro o possiamo fare passi indietro. Il rischio, allora, è quello di tornare a un’Italia povera e agricola. Per non fare danni al Paese serve un forte impegno collettivo e nessuno può tirarsi indietro. Questo è il momento in cui trasformare le speranze in fatti, le parole in azioni coerenti, per quel futuro che deve costruire occasioni di sviluppo e di lavoro”.

L’appello finale di Boccia è stato fatto con grande senso di responsabilità guardando alla produttività, al lavoro ed alla ricchezza della nazione. Il messaggio di Confindustria è arrivato in un momento importante per l’Italia, in prossimità dell’incarico alla formazione del nuovo governo.

Salvatore Rondello

Sostegno record all’UE, nonostante la Brexit

Europa

L’ultimo sondaggio Eurobarometro del Parlamento europeo, pubblicato a un anno dalle elezioni del maggio 2019, conferma il crescente sostegno dei cittadini all’Unione europea. A un anno dalle prossime elezioni europee, il sondaggio Eurobarometro, commissionato dal Parlamento europeo e condotto nell’aprile 2018 da Kantar Public su 27.601 cittadini dei 28 Stati membri, rivela che il 60% di loro ritiene che l’appartenenza del proprio Paese all’UE rappresenti una “cosa positiva”. Inoltre, più di due terzi degli intervistati è convinto che il proprio Paese abbia tratto beneficio dall’appartenenza all’UE. Questo è il punteggio più alto mai registrato dal 1983.

Le percentuali in Italia sono più basse, anche se in aumento rispetto a sei mesi fa. Il 39% degli italiani intervistati ha risposto che l’appartenenza dell’Italia all’UE è una cosa positiva, 3 punti in più rispetto allo scorso novembre, mentre il 44% – 5 punti in più – sostiene che l’Italia abbia tratto beneficio dall’appartenenza all’UE.

Elezioni e nomina del futuro presidente della Commissione
A livello UE, quasi un terzo degli intervistati è già a conoscenza della data delle prossime elezioni europee. In generale, la procedura per la nomina dei candidati alla Presidenza della Commissione europea da parte dei partiti politici europei, è percepita come uno sviluppo positivo per la democrazia in Europa. Quasi la metà degli intervistati, infatti, ha dichiarato che questa procedura li incoraggerebbe a partecipare al voto. Quasi tre quarti dei cittadini desiderano che questa scelta dei candidati alla Presidenza della Commissione sia accompagnata da un vero dibattito sulle tematiche europee e sul futuro dell’UE.

Il 53% degli italiani intervistati ha risposto che la scelta del presidente della Commissione da parte del Parlamento li renderebbe più propensi ad andare a votare, mentre il 68% sostiene che tale processo dovrebbe essere accompagnato da un dibattito sulle questioni europee e sul futuro dell’UE. Sempre in Italia, alla domanda relativa alla data delle prossime elezioni, il 28% ha risposto “maggio” mentre l’11% ha risposto “2019”. In conclusione, quattro italiani su dieci sono in qualche modo a conoscenza della data delle prossime elezioni europee.

I poteri del Parlamento europeo
Il 42% degli italiani desidererebbe attribuire al Parlamento europeo un ruolo più importante, mentre il 28% gradirebbe vederne i poteri diminuiti, a fronte di un 18% che preferisce la situazione attuale. Il 34% dichiara di avere un’immagine positiva dell’Istituzione, mentre il 22% ne percepisce una negativa.

Le preoccupazioni degli europei e degli italiani
Interrogati su quali temi dovrebbero essere discussi durante le campagne elettorali in tutta l’UE, quasi la metà degli europei (49%) cita la lotta contro il terrorismo come tema prioritario, seguito da disoccupazione giovanile (48%), immigrazione (45%) nonché economia e crescita (42%).

Per gli italiani, i temi più importanti da affrontare in campagna elettorale sono l’immigrazione (66%), la lotta alla disoccupazione giovanile (60%), l’economia e la crescita (57%) e la lotta al terrorismo (54%).

Movimenti e partiti antieuropei
Il 56% degli intervistati ritiene che sia necessario un vero cambiamento e che tale cambiamento possa essere condotto dai movimenti e dai partiti anti-establishment ma, allo stesso tempo, sette europei su dieci credono che il fatto di essere contro qualcosa non porti benefici (a pensarla così è anche il 67% degli italiani).