Eurozona

Blog
0

La Bce inietta fiducia (e soldi) all’economia

Economia ancora con segnali positivi. Il primo arriva dal mercato dell’auto che ha registrato in Europa e nei Paesi Efta (Islanda, Norvegia e Svizzera) una crescita nel mese di aprile del 6,9% con le immatricolazioni – secondo i dati dell’Acea, l’associazione delle case europee – a quota 1.209.530. Nei quattro mesi 2015 le consegne sono state 4.848.037, l’8,1% in più dell’analogo periodo 2014. La crescita “è leggermente inferiore a quella media del primo trimestre (+8,6%), ma è compatibile…

Blog
0

Delusione Grecia

Aria pesante per la Grecia all’Eurogruppo di Riga.  Il ministro delle Finanze greco Yanis Varoufakis…

In evidenza
0

Confindustria vede positivo: Pil +0,2%

Il Pil crescerà dello 0,2% congiunturale nel I trimestre ma è previsto che tale ritmo acceleri in primavera. E’ la stima di Confindustria, in Congiuntura Flash. Per gli esperti di viale dell’Astronomia, il Pil salirà rispettivamente dello 0,5% nel 2015 e dell’1,1% nel 2016. Anche la produzione industriale è stimata in aumento, +0,1% congiunturale a marzo dopo lo 0,6% a febbraio. Ciò porta a +0,2% la variazione nel I trimestre e al +0,3% in trascinamento nel II trimestre. In Congiuntura …

In evidenza
0

Economia, dall’Ocse stime in crescita per l’Italia

Finalmente una notizia positiva per l’economia italiana ed europea. L’Ocse rivede in meglio le stime di crescita dell’Italia e dell’Eurozona. I bassi prezzi del petrolio e gli effetti del quantitative easing lanciato dalla Bce aiutano l’Europa a uscire dalla stagnazione. Peggiorano invece le prospettive economiche di Cina e Brasile e si conferma la solida ripresa degli Stati Uniti. In Italia, si legge nell’Interim Economic Assessment dell’Ocse, per il 2015 è prevista una crescita del Pil…

In evidenza
1

Bce, via libera al piano anti-crisi

La Corte europea di giustizia dà il via libera al piano anti-crisi Omt, lanciato due anni fa dalla Banca centrale europea per soccorrere i Paesi dell’Eurozona in difficoltà e finora mai utilizzato. La pronuncia dovrebbe sciogliere i dubbi sui margini di manovra della Bce nel varare la settimana prossima l’atteso acquisto di titoli pubblici, il cosiddetto quantitative easing (Qe), senza incorrere in limitazioni di tipo legale. L’avvocato generale della Corte europea di giustizia, Pedro Cruz …

In evidenza
0

L’euro ai minimi favorisce l’export italiano

Rimbalzo delle Borse europee: l’indice Ftse Mib registra un incremento del 3%. Nel frattempo l’euro è stato scambiato a 1,18 dollari, per arrivare a un minimo a 1,1791 dollari, il livello più basso da dicembre del 2005. A tirare la moneta unica verso il basso la preoccupazione per Atene e l’incertezza per le prossime mosse della Bce. La caduta del tasso di cambio dell’euro nei confronti del dollaro spinge le esportazioni italiane fuori dall’Europa con un aumento del 10% delle spedizioni in Usa.