fascismo

Storie tese
2

11 gennaio 1944: fucilati Ciano
e gli altri a Verona

L’11 gennaio del 1944 nel poligono di tiro di Forte San Procolo, fortezza ottocentesca eretta per ordine del feldmaresciallo austriaco Radetzki a Verona, un plotone di esecuzione formato da 30 militi in camicia nera crivellò di proiettili cinque membri del Gran consiglio del fascismo. Dopo il sibilare dei colpi a giacere al suolo sull’erba brinata rimasero i corpi esanimi di Galeazzo Ciano, Emilio De Bono, Luciano Gottardi, Giovanni Marinelli e Carlo Pareschi. Il marcia su Roma Tullio Cianetti..

Approfondimento
1

Berlusconi rivisita la storia del fascismo nel giorno della memoria. Poi corregge il tiro

Guai a derubricarla come l’ennesima gaffe del Cavaliere. Le parole “bonarie” di Berlusconi su Mussolini che non era come Hitler e sulle cose buone fatte dal fascismo spazzano via la sacralità di una giornata simbolo, quella di ieri, in una occasione altrettanto simbolica: il giorno della memoria e l’inaugurazione a Milano del Museo della Shoah. Berlusconi parla bene di Benito Mussolini (tranne le indifendibili leggi razziali) e, immediata, si scatena la tempesta politica attraverso una…

Casebook
1

Il ritorno dell'”assoluto” contro il fascismo delle merci e della tv

Contro l’immane sciocchezzaio dei media e dei poteri improntati a sogno, falsità e mediocrità; contro i linguaggi chiusi e prefabbricati dal dominio delle caste; contro i totalitarismi striscianti che abdicano alla vera libertà dell’individuo, e a favore di una ripresa delle basi puramente speculative della filosofia e della ricerca di un “assoluto” (“pura energheia, pura attività “formante””) si dedica Rocco Ronchi, filosofo e docente universitario a L’Aquila e Milano, nel suo Come fare. Per…