Fim

In evidenza
0

L’ira di sindacati e Governo per la beffa di Whirlpool

L’ennesima doccia fredda sulle teste dei lavoratori Whirlpool, non solo infatti la multinazionale ha annunciato gli esuberi, non tenendo fede al piano di investimenti di cinquecento milioni in quattro anni, ma ha anche aumentato i licenziamenti. Il primo ad essere “sorpreso” è il governo che aveva definito “fantastico” quel piano e che dopo un mese di trattative si ritrova la beffa con gli esuberi saliti dai 1.350 annunciati in aprile a 2.060, su 6.740 dipendenti totali. Il governo ha bollato…

Esteri
2

Ilva, sit-in di protesta dei lavoratori. Confermati i domiciliari ai Riva

Ancora fibrillazione, a Taranto, in merito alla questione dell’Ilva. Mentre la prima sezione penale della Corte di Cassazione respinge i ricorsi presentati per la revoca dei domiciliari nei confronti di Emilio e Nicola Riva, oltre che dell`ex direttore dello stabilimento tarantino Luigi Capogrosso, i lavoratori tornano in strada. Un centinaio di operai dell’Ilva in cassa integrazione si è infatti radunato sotto la Prefettura di Taranto, dove è in corso un incontro tra i segretari provinciali…

Cronaca
1

Ilva, il presidente Ferrante: «Dissequestro degli impianti o chiusura»

Se gli impianti non saranno dissequestrati, lo stabilimento tarantino dell’Ilva sarà destinato a chiudere. Questo il senso dell’istanza presentata dal presidente dell’azienda, Bruno Ferrante alla Procura di Taranto lo scorso martedì. Nel frattempo, nella giornata di oggi alcuni sindacalisti tarantini di Fim, Fiom e Uilm saranno a Roma per partecipare alla riunione del coordinamento sindacale nazionale del gruppo Ilva. Cosimo Panarelli, segretario Fim Cisl Taranto ha definito «singolare» la…

Esteri
11

Dalla prima alla seconda Repubblica, dove sta andando la nostra industria

La storia della seconda Repubblica è stata ormai fotografata da ogni prospettiva, vale la pena però analizzare ciò che è successo tra la fine della prima e l’inizio della seconda in relazione alla nostra industria e al nostro apparato produttivo nazionale, e forse da questa analisi si potrà comprendere meglio ciò che sta avvenendo in Europa e soprattutto nel nostro Paese. Nei primi anni ‘90, l’Italia aveva un apparato industriale racchiuso in alcuni enti di Stato IRI, EFIM, FINSIDER, ENI, che…