Finlandia

In evidenza
Di

Deflazione in Europa e disoccupazione record in Italia

Arrivano i nuovi dati dell’Istat sulla disoccupazione e insieme a quelli sulla deflazione, gelano i facili ottimismi. Sono i dati che si riferiscono a novembre quindi ancora riferiti allo scorso anno, ma allo stesso tempo sono dati fortemente negativi che fanno segnare un nuovo record. Secondo l’Istat infatti, il tasso di disoccupazione è salito al 13,4% a novembre, con un aumento di 0,2 punti percentuali in termini congiunturali e di 0,9 punti nei dodici mesi. Il numero di disoccupati ha …

In evidenza
Di

l’Italia, primi per corruzione

Neanche a farlo apposta. All’indomani del caso scoppiato a Roma che ha coinvolto nomi eccellenti, arrivano i dati sulla corruzione da cui emerge che l’Italia scala la classifica di tutta Europa. È quanto emerge dal ventesimo rapporto di Transparency International sull’indice di corruzione percepita in 174 paesi del mondo. L’Italia si classifica al 69° posto come nel 2013. Sullo stesso gradino troviamo la Romania, la Grecia e la Bulgaria. I paesi meno corrotti sono Danimarca, Nuova Zelanda…

In evidenza
Di

Gas. Il contrattacco russo alle sanzioni UE

Dopo la paura di un nuovo autunno caldo per via della crisi si affaccia in Europa il timore di un grande freddo. Oggi la Polonia ha annunciato di aver rilevato un improvviso calo del 24% delle forniture di gas russo da parte di Gazprom, il colosso energetico pubblico di Mosca.
L’annuncio ha scosso le cancellerie europee già alle prese con i conti della guerra all’Isis che controlla le maggiori risorse petrolifere del Levante. Gazprom fornisce un terzo del gas in Europa e per molti paesi…

Blog
Di

Ucraina. Prove tecniche di guerra Nato-Russia

A est, lungo la frontiera tra Ucraina e Russia, tira una brutta aria che ricorda i tempi della Guerra Fredda. La guerra civile che sta sconvolgendo l’Ucraina dopo la deposizione del presidente filorusso Yanukovich sembra prossima a un salto di qualità, minacciando di coinvolgere direttamente la Nato e la Russia.

Putin non fa nulla per nascondere le sue intenzioni. Dopo la Crimea vorrebbe dividere l’Ucraina, ritagliandosi la fetta di territorio dove è più forte la popolazione russofona …

In evidenza
Di

Ucraina. La ‘tentazione’ sovietica di Putin

Non è solo una questione di vicinanza geografica quella tra Ucraina e Russia ma anche economica e culturale. Tutto è iniziato a novembre con il mancato accordo a Vilnius, quando Kiev decide di non firmare l’Accordo di associazione e libero scambio con l’Ue, da lì le prime proteste targate “Euromaidan” e l’escalation di tafferugli che ne è seguita fino allo scoppio della guerra. A febbraio si registrano i primi morti tra i manifestanti dopo che la Polizia inizia a sparare sui dimostranti …

Approfondimento
Di

L’UE sblocca i fondi per il terremoto in Emilia. Decisivo l’intervento di Monti e del socialista Schulz

È passato a maggioranza qualificata. I fondi europei destinati alla ricostruzione post-terremoto per l’Emilia arriveranno. La decisione è stata presa dai ministri delle Finanze dei paesi europei che hanno votato sì, nonostante la reiterata opposizione di Regno Unito, Svezia e Finlandia. Il Parlamento europeo ha dunque deciso di dare priorità assoluta ai 670 milioni promessi all’Italia rispetto all’approvazione del budget 2013. Una decisione di civiltà e di rispetto delle norme già previste…

Economia
Di

Terremoto Emilia: i paesi del rigore non pagano la “bolletta” UE sugli aiuti

«Quando arrivano i conti, ognuno paga comunque i suoi», diceva il celebre cantante Vasco Rossi. Avesse avuto ragione, oggi all’Emilia colpita dal terremoto pochi mesi fa spetterebbero i 670 milioni di euro del Fondo di solidarietà messo a disposizione dall’Unione Europea dopo il disastro del sisma di alcuni mesi fa. Ma, evidentemente, la massima non si applica a tutti i casi. E questa volta “insolventi” non sono i paesi stretti nella morsa della crisi, ma le “locomotrici” d’Europa. Germania…

In primo piano
Di

TERREMOTO EMILIA: I PAESI DEL RIGORE NON PAGANO LA “BOLLETTA” UE SUGLI AIUTI

«Quando arrivano i conti, ognuno paga comunque i suoi», diceva il celebre cantante Vasco Rossi. Avesse avuto ragione, oggi all’Emilia colpita dal terremoto pochi mesi fa spetterebbero i 670 milioni di euro del Fondo di solidarietà messo a disposizione dall’Unione Europea dopo il disastro del sisma di alcuni mesi fa. Ma, evidentemente, la massima non si applica a tutti i casi. E questa volta “insolventi” non sono i paesi stretti nella morsa della crisi, ma le “locomotrici” d’Europa. Germania…