Greenstream

In evidenza
0

Tunisi. La porta del caos libico

Secondo le ultime ricostruzioni sull’attentato al Museo del Bardo, due degli attentatori tunisini erano stati addestrati in Libia. Così torna a farsi sentire, da parte italiana, il pretesto per tornare a parlare di un Paese che si affaccia sul mediterraneo, che vive nel caos dalla cacciata di Gheddafi e in cui l’Italia ha molti interessi, non solo strategici: nel territorio libico l’Eni produce 350mila barili di petrolio al giorno e dove solo lo scorso anno ha estratto 4,3 miliardi di metri …

In evidenza
0

L’Italia torna a interessarsi della Libia

La questione libica viene rimessa la centro della discussione internazionale, dopo essere stata ignorata per mesi. I libici stanno combattendo una guerra civile da luglio dopo che sono emersi i problemi irrisolti a seguito della cacciata di Ghedaffi del 2011. Non c’è stato nessun intervento di rilievo da allora da parte dell’Occidente, a parte le chiusure delle ambasciate occidentali (eccetto l’Italia) e proprio l’Italia sta rimettendo in primo piano il suo ruolo di “storico alleato” …