incandidabilità

In evidenza

Legge Severino, il governo passa il cerino alla Consulta

Non è entrato nel merito proprio perché prossimamente la legge Severino sarà all’esame della Corte Costituzionale, ma il suo presidente, Alessandro Criscuolo ha reso noto che “si farà il possibile per cercare di trattare la questione con una certa sollecitazione, tenendo conto dell’attenzione che c’è dell’opinione pubblica”. Soddisfazione è stata espressa dal senatore socialista Enrico Buemi: “Necessario un rapido scioglimento del nodo da parte della Consulta”. Il governo: “Aspettiamo Consulta”.

In evidenza

Di Lello: “Basta alibi-Berlusconi. Cambiamo la Severino”

“C’è più di un buon motivo per cambiare la legge Severino, per i suoi profili di illegittimità costituzionale: perché è ingiustificata la sospensione da una carica pubblica dopo una sentenza di primo grado, perché non può esserci una differenza di trattamento tra parlamentari e consiglieri regionali o amministratori pubblici”. “La Costituzione – ha spiegato il capogruppo socialista alla Ccamera, Marco Di Lello, introducendo la conferenza stampa per illustrare due proposte di legge per …

In primo piano

LEGISLATURA VERSO LA CONCLUSIONE: COLPI DI CODA PDL, SPUNTA IL “SALVA-FIRME” E SI BLOCCA IL DDL INCANDIDABILITA’

In questi anni siamo stati abituati a ogni tipo di decreto “salva-qualcosa”: “salva-Ruby”, “salva-Ilva”, “salva-Enti”, sono solo alcuni tra i nomi più recenti passati alla ribalta delle cronache. Alla fine del 2012, dopo un anno politico convulso, non poteva mancare anche un decreto “Salva-firme”, detto anche “Salva-Larussa”. Il governo ha, infatti, varato un nuovo decreto, attualmente al vaglio della Camera, che mira a dimezzare il numero delle firme necessarie per poter presentare alle…

Economia

Intervista all’avvocato Giulia Bongiorno sulle “Liste pulite”: «Auspico un approccio più rigoroso nella selezione dei candidati»

Dopo il sì del Senato è giunto anche il placet dalle commissioni Affari costituzionali e Giustizia di Montecitorio che hanno approvato ieri e all’unanimità il parere sul cosiddetto decreto attuativo “liste pulite”, relativo all’incandidabilità e al divieto di ricoprire cariche elettive e di governo per i condannati in via definitiva. E’ ancora incerto se, nella giornata di oggi, si riunirà il consiglio dei ministri per dare il via libero definitivo al Dl che renderà operativo il decreto per…

Esteri

“Liste pulite”: incandidabili condannati a pene oltre due anni reclusione. Monti nega il collegamento con i malumori del Pdl

Monti ha sgombrato subito il campo da equivoci di sorta rispetto a quanti avevano ipotizzato che il venir meno dell’appoggio del Pdl ieri, sia alla Camera che al Senato, possa essere dipeso dal decreto sulle liste politiche e l’incandidabilità: “Non appartiene al governo fare processi alle intenzioni – ha affermato Monti – né particolari orientamenti o sentimenti delle parti politiche hanno influenzato il lavoro del governo che è stato rigoroso, con obiettività di criteri ed ancorato agli…

Politica

Incandidabilità dei condannati, presto al via la norma. Ma restano nodi irrisolti

Mancano solo gli ultimi aggiustamenti e il decreto legislativo sulla incandidabilità per chi ha una condanna definitiva, ribattezzato “liste pulite”, dovrebbe essere varato. Il decreto introduce le nuove regole che escludono la possibilità di concorrere a qualunque carica elettiva e di governo per coloro i quali avessero una condanna definitiva ad una pena di minimo due anni. È previsto per oggi l’incontro tra i titolari dei tre dicasteri di Giustizia, Interno e Funzione pubblica Paola…