ISIS

In evidenza
1

Libia. Isis avanza, chiusi i pozzi petroliferi

La situazione s’infiamma in Libia, tanto che dopo gli attacchi delle milizie dello Stato Islamico la National Oil Corporation (NOC) la compagnia petrolifera nazionale della Libia, ha annunciato la chiusura di undici giacimenti di petrolio.
La decisione è stata presa in seguito all’assalto delle forze islamiste dell’inizio di questa settimana ai campi petroliferi di Al Bahi e Al Mabrouk, provocando seri danni. Ieri poi l’Isis ha preso il controllo di un altro campo petrolifero libico, quello ….

In evidenza
0

Immigrazione. Nencini: Triton non risolve il problema

Riccardo Nencini, presente a Madrid con Luca Cefisi, non è per nulla soddisfatto delle conclusioni del vertice Pes, e dell’approvazione dei due documenti. Il segretario socialista risponde alle domande del direttore sul ruolo dell’Unione europea sui nodi dell’attualità internazionale, in particolare sul contrasto all’immigrazione clandestina. “L’operazione Triton non risolve il problema. L’Europa deve considerare il Mediterraneo la sua frontiera a sud che oggi è minacciata e poco custodita”…..

In primo piano
1

LASCIATI SOLI

Il Pd renziano ha inviato l’on. Amendola, che per cognome esprime massima autorevolezza. Eppure era…

In evidenza
0

Il Cairo bombarda l’Isis e tutti si appellano all’ONU

Continua la grande incertezza sulla situazione della Libia, tanto che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha deciso di convocare una sessione di emergenza mercoledì 18 febbraio per discutere della crisi in Libia.
Proprio sull’Onu converge l’appello un po’ di tutti, a partire dal Governo di Tripoli che ha denunciato i bombardamenti egiziani come gravi “violazioni” appellandosi alle Nazioni Unite, mentre l’altro Governo, quello di Tobruk, ha chiesto un intervento da parte della………

In evidenza
0

Opposizioni da Mattarella. Porte aperte al Quirinale

Giornata di visite al Quirinale. Stamane Forza Italia, o meglio il suo capogruppo alla Camera, Renato Brunetta che si è presentato da solo (evidentemente le divisioni in Forza Italia sono più ampie di quanto si immagini) poi Nichi Vendola e la delegazione di Sel. Sergio Mattarella apre le porte del Quirinale ai gruppi di opposizione che ne fanno richiesta. Un primo giro di ascolto, a due settimane dalla sua elezione al Colle più alto, delle minoranze che hanno voluto e vorranno rappresentare…

Blog
1

Isis avanza in Libia. Gentiloni: pronti a combattere

In Libia gli uomini del Califfato avanzano e la Farnesina avverte i connazionali che si trovano nel Paese di far fagotto e andarsene in tutta fretta perché la situazione potrebbe precipitare e mettere a rischio la loro incolumità.
A lanciare l’allarme è stata l’ambasciata d’Italia a Tripoli che ha dato indicazioni ai connazionali di lasciare “temporaneamente” la Libia. A darne notizia ai media è stato lo stesso ministero degli Esteri con un comunicato dove si sottolinea come la …

In evidenza
0

Isis. Obama pronto alla guerra dopo uccisione Kayla

Il Presidente democratico, Barack Obama, ricalca i passi del suo predecessore repubblicano, George W. Busch e chiede l’autorizzazione al Congresso all’uso della forza militare contro i jihadisti dello Stato islamico. Non avveniva infatti dal 2002, dopo l’attentqato dell’11 settembre, che venisse fatta una richiesta simile al Congresso degli Stati Uniti.
La decisione di Obama è sicuramente legata alla morte della giovane cooperante americana, Kayla Jean Mueller, uccisa dagli integralisti dell…

In evidenza
0

Giordania. Contro l’Isis torna la legge del taglione

Il nuovo Re della Giordania, Abdallah II, verrà ricordato negli anni a venire per una sentenza di condanna a morte che ricorda la legge del taglione di secoli fa. Stamane all’alba è stata impiccata la terrorista Sajida al Rishawi, condannata a morte nove anni fa per gli attentati ad Amman in cui morirono 50 persone, la donna irachena richiesta dall’Isis in cambio della liberazione del pilota giordano catturato dagli jihadisti. Sajida è stata giustiziata come ritorsione per Muad Kasabeah arso…