Elezioni europee,
questione di democrazia

parlamento-europeo

Alle prossime elezioni europee voteremo, oltre che per il Parlamento, anche per il futuro Presidente della Commissione europea, una novità introdotta sommessamente già nelle elezioni nel 2014 ma di cui quasi nessuno si è era accorto, pur avendo i partiti europei anticipato la candidatura che avrebbero sostenuto per quella posizione. L’obiettivo era di avvicinare elettori ed elettrici alle istituzioni europee, nel tentativo di invertire il trend in discesa della partecipazione al voto.

Infatti, se la percentuale dei votanti aveva subito un leggero ma costante declino di elezione in elezione per quasi trent’anni, con il nuovo millennio il numero di elettori ed elettrici si è ridotto in modo preoccupante, per arrivare al 43% nel 2009. Nella settima elezione del Parlamento europeo non andò a votare soprattutto chi nel passato aveva votato per i partiti di sinistra, lanciando un messaggio che suonava più o meno così: il Parlamento europeo è una istituzione inutile e senza potere perché l’Unione è dominata da tecnocrati conservatori.

Il popolo della sinistra aveva perso la fiducia nell’Europa e Paul Rasmussen, allora leader del PSE, aveva così commentato l’esito delle elezioni europee del 2009: ha vinto il partito del sofà, di chi ha scelto di rimanere a casa anziché andare ai seggi.

Fu insieme una lezione dura da digerire ed uno scossone salutare.

Ci interrogammo per mesi noi socialisti europei per trovare la risposta alla richiesta di dare nuovo significato al voto. Bisognava “politicizzare” le elezioni europee ed europeizzarle: le elezioni fatte su liste nazionali con candidati tutti nazionali, spesso con campagne elettorali dominate da temi nazionali -ne è buon esempio il referendum sulla Brexit- “nazionalizzavano” le elezioni allontanandole sempre più da una visione europea che aveva ispirato il progetto nato a Ventotene per una Europa della pace, della solidarietà, della democrazia, dei diritti umani, cioè una Europa all’opposto di quella che predicano i sovranisti di oggi, come Salvini, Orban, Le Pen….

Pensammo fosse utile dare il senso di un impegno comune, con un programma unico e costruito insieme da tutti i partiti socialisti, socialdemocratici, laburisti dell’Unione, e con una campagna comune, identificabile come nostra in tutte le città dell’Unione; soprattutto ci impegnammo a scegliere e sostenere una candidatura socialista unica per la Presidenza della Commissione europea che, legittimata dal voto, avesse titolo per difendere il programma sul quale avevamo chiesto il voto.

Nel congresso del PSE di Praga del dicembre 2009 decidemmo per programma e campagna comuni per l’appuntamento elettorale del 2014 e per l’avvio di un percorso aperto, trasparente, soprattutto democratico per individuare il candidato o la candidata alla Presidenza della Commissione europea che rappresentasse il popolo socialista, socialdemocratico, laburista dell’intera Unione. Per il 2014 indicammo Martin Schulz; i Popolari europei indicarono Jean Claude Junker.

Una novità e insieme una sfida democratica perché per quasi 60 anni, fino al 2014, il Presidente della Commissione era stato scelto in una sorta di conclave tra Capi di Stato e di Governo, tenendo conto, ma senza nessun vincolo, dell’esito elettorale. In questo modo furono eletti i dodici presidenti della Commissione europea, che si succedettero dal 1957 al 2014, tra questi Jacques Delors e gli italiani Malfatti e Prodi.

L’elezione del 13° Presidente, Jean Claude Junker, fu diversa, grazie soprattutto all’iniziativa dei socialisti impegnati a contenere il “deficit democratico”: per la Presidenza doveva essere proposta la persona indicata come “Spitzenkandidat” cioè “candidato principale” dal partito europeo con il migliore risultato in termini di seggi al Parlamento. Fu così stabilito un legame tra la scelta del Presidente della Commissione e l’esito delle elezioni europee.

Le elezioni del 2019 saranno l’occasione per consolidare questa prassi condivisa da gran parte dei partiti e votata dal Parlamento europeo il 7 febbraio 2018, pur non essendo prevista dal Trattato di Lisbona. Con questa decisione il Parlamento si è impegnato a non considerare nessuna candidatura che non sia frutto di questo processo.

Alle elezioni del 26 maggio voteremo liste per il Parlamento europeo e candidato o candidata alla Presidenza della Commissione attraverso un processo democratico, trasparente e partecipato.

Per noi socialisti europei il processo si aprirà il 19 ottobre con la presentazione delle candidature avanzate dai partiti membri del PSE, cui seguirà una campagna elettorale veramente europea per la scelta del nostro candidato o candidata alla Presidenza della Commissione che si concluderà con il voto nella stessa giornata in tutta l’Unione. La data indicata dovrebbe essere il prossimo 1° dicembre.

Il nostro impegno comune è per una Unione europea che sostenga il principio della solidarietà contro gli egoismi nazionali, che contrapponga alla chiusura di porti e frontiere una gestione controllata e condivisa dei flussi migratori, che si dia una politica estera comune fondata sulla difesa dei diritti umani, che promuova i diritti delle donne e la democrazia paritaria, che contrapponga alla democrazia illiberale di Orban la democrazia partecipata che veda protagoniste in primis le giovani generazioni, insomma tutto il contrario di quello che i nuovi sovranisti alla Salvini stanno predicando e promuovendo. Noi li contrasteremo forti dei nostri valori e convinzioni.

Pittella: “Il Psi può dare un contributo al Pd”

“La disfatta elettorale del 4 marzo è stata causata anche da ragioni che vanno oltre i confini italiani. Una globalizzazione non governata, le politiche di austerità, il nodo migranti. Bisogna ora preparare una risposta forte”. Gianni Pittella, senatore del Partito Democratico, già Capogruppo S&D al Parlamento Europeo, risponde a un’intervista dell’Avanti! sulla debacle elettorale del 4 marzo, sulla crisi che attraversa il PSE, sulla possibile unità dei socialisti e sulla fase istituzionale di stallo per la formazione del Governo. “Sarebbe un errore gravissimo se il Pd uscisse dal PSE: bisogna invece allargare i confini alle associazioni che si battono per i diritti civili, ai movimenti anti-austerity e ai movimenti contro Orban e Kaczyński”. Sull’unità dei socialisti aggiunge: “Nel Pd dovrebbero esserci più socialisti e più idee socialiste, mi batterò per questo. Il Psi di Nencini può avere un ruolo importante nel Pd”.

pittellaSenatore Pittella, il 4 marzo gli italiani hanno fatto una scelta precisa. Hanno ‘premiato’ le forze euroscettiche e populiste. Si dice che la sinistra non sia riuscita a interpretare il disagio, i ‘nuovi bisogni’ e che ci sia stato uno scollamento con il suo elettorato storico, la base. Perché? Dove hanno sbagliato il Pd e il centrosinistra?

Quello che è avvenuto nel nostro Paese è già accaduto in precedenza in altre parti del mondo, purtroppo il 4 marzo non abbiamo assistito a fenomeno soltanto italiano. Penso agli Usa, dove c’è Trump, un presidente che nessuno immaginava potesse vincere le elezioni, penso all’esito inaspettato del referendum sulla Brexit nel Regno Unito, penso a Le Pen in Francia che prende percentuali enormi di consenso mentre il Partito socialista francese quasi scompare. Ci sono almeno tre cause che hanno portato alla disfatta del centrosinistra in Italia e non solo.

La prima, una globalizzazione non governata che ha portato grandi vantaggi per alcuni e grandi svantaggi per altri. E gli svantaggiati non sono stati difesi dalle forze progressiste e socialiste non solo italiane, ma europee e mondiali. Seconda, la politica di austerità ha pesato tantissimo, ha creato disoccupazione e un preoccupante crollo imprenditoriale. A tutto questo non c’è stata una capacità di reazione. Soltanto il governo Renzi e il governo Gentiloni sono riusciti, insieme a noi, a mitigare le politiche di austerità applicando l’alleggerimento e la flessibilità del patto di stabilità. Ma non siamo stati capiti. La terza questione è quella dei migranti, che è una questione che incide sul ‘sentiment’ dei cittadini: noi non possiamo rinunciare ai nostri principi, ai nostri valori di accoglienza e solidarietà. Bisogna prendere atto che nella gente c’è un sentimento negativo, perché si tende a identificare nel migrante un potenziale attentatore alla sicurezza, che viene messa in discussione da molti episodi che coincidono, nell’immaginario collettivo, con l’ondata migratoria che c’è stata verso l’Italia e altri paesi del mondo.

Su queste tre questioni bisogna preparare una risposta forte, che sia più ‘appetibile’ per i cittadini. Lo ribadisco: senza mai rinunciare ai nostri valori e alle nostre idee.

Lei faceva riferimento a chi è stato svantaggiato dagli effetti di una globalizzazione non governata, che non sono stati difesi dalle forze progressiste e socialiste anche europee. È un dato di fatto che il Pse stia attraversando una crisi profondissima. Qualcuno, nel Pd, qualche settimana fa paventava l’uscita del Partito Democratico dal PSE per ‘guardare’ a Macron. È questa la risposta giusta?

No, sarebbe un errore gravissimo. Perché il problema di fondo è dare risposte a quelle questioni urgenti di cui parlavo prima. E la risposta non è nell’area liberal che sposa, sul piano economico, ricette liberiste. Con Macron, con il quale ci sono punti di convergenza, si può discutere di europeismo e dell’idea di una più forte integrazione europea. Ci sono però punti divergenti sulle questioni sociali e del welfare, come l’attenzione alle fasce più deboli della società che è la funzione primaria che svolge la sinistra progressista. Quindi, collaborazione sì, senza mai smarrire il nostro campo, la nostra bussola: il campo socialista.

Quel campo dunque va allargato?

Certamente. Non possiamo rimanere chiusi nei recinti storici della ortodossia socialista. Quel campo può sicuramente contenere altre esperienze: penso ai movimenti anti austerity che ci sono in Europa, ai tanti movimenti per la difesa dei diritti civili, penso ai movimenti per battere Jarosław Kaczyński in Polonia e Viktor Orbán in Ungheria. Ci stono tante aree a cui possiamo aprire il nostro Partito socialista europeo ma quello che non possiamo fare è andarcene noi.

Allargare il campo socialista in Europa dunque. E in Italia? Pochi giorni fa si sono riuniti “Lab Dem”, “D&S Democratici e Socialisti” e la Fondazione Saragat per un ‘percorso comune’ nel nome dei valori socialisti. La settimana scorsa il segretario del Psi Nencini si è fatto promotore di un appello a tutti i socialisti dove emergeva la necessità di dar vita ad una “concentrazione repubblicana” socialista, laica, democratica. Continua dunque la diaspora socialista o può davvero nascere un nuovo soggetto politico per combattere destre e populismi?

Io parlo per me naturalmente. Il mio partito è il Partito Democratico. Ma vorrei che fosse più socialista e vorrei che ci fossero più socialisti e più idee socialiste. Quello è il partito nel quale io voglio continuare a lavorare e a battermi per queste ragioni. E lo farò sul tema di un rinnovato socialismo. Oggi più che ieri serve quella grande idea di socialismo, che si traduce nei valori di libertà, equità, uguaglianza. I compagni socialisti nel Psi di Nencini potrebbero svolgere un ruolo importante nel Pd. Non vuole essere naturalmente una interferenza la mia, poiché sono scelte che devono essere maturate in maniera autonoma. Con Tommaso Nannicini, la Fondazione Saragat, Lab Dem vogliamo dire che nel Pd c’è un punto di riferimento autenticamente socialista che vuole e può dialogare con chi sta dentro il Pd e chi sta fuori il Pd ma condivide l’impianto e l’idea di rilanciare una proposta socialista. Per l’Italia e per l’Europa.

Cosa pensa di questa fase di stallo politico e istituzionale e della possibile nascita di un governo giallo-verde?

I cittadini hanno consegnato – seppure a metà – la vittoria a M5S, a Salvini e al centrodestra. È giusto dunque che provino a fare un Governo ma facciano presto per il bene del paese. È una vergogna quello che sta succedendo in queste ore. Continuano a ripetere che sono i campioni della trasparenza e invece stanno conducendo trattative opache, tra l’altro con procedure ai limiti del rispetto Costituzionale e del Presidente della Repubblica. Facciano in fretta, il Paese ha bisogno di un governo. Noi faremo un’opposizione attenta ai singoli dossier e alle singole proposte. Per il bene dell’Italia.

Gli errori rinnovabili di vincitori e vinti

La miopia della politica italiana è alla base della sua incapacità di fuoriuscire dalla instabilità che rende precaria la sua affabilità interna ed internazionale. Proverò per accenni a richiamarli nell’ottica prioritaria di ciò che giova al Paese e per l’eterogenesi dei fini si ritorce su chi li ha compiuti. Col senno di poi basti pensare che i vincitori relativi delle ultime politiche sono alle prese con la quadratura del cerchio del come arrivare a formare una maggioranza di governo. Lo stesso problema che hanno avuto e risolto in Germania solo facendo appello alle proprie radici ed agli interessi prevalenti del loro Paese e dell’Europa. Nulla di simile in Italia dove solo la lungimiranza di Renzi si era adoperata con il ricorso al ballottaggio pur di avere la certezza di un vincitore-responsabile (tutto l’opposto dell’inciucio) delle sorti del Paese ma anche di poterlo governare con la fine del bicameralismo perfetto.

Un vestito che dopo le Europee sembrava su misura di Renzi e perciò tutti sparati contro con il no al referendum. Era un’occasione storica per il Paese ed in primo luogo per Berlusconi che ora con tutto il centrodestra, seppure ridimensionato,sarebbe l’indubbio timoniere della coalizione, oltre al prestigio riconosciuto di finire la sua carriera come padre costituente della terza Repubblica. Se volesse sottrarsi ad un puro galleggiamento dall’occasione perduta dovrà ripartire e dal suo interlocutore principale, PD ed alleati, che hanno tutt’ora le chiavi in mano del futuro. Un Berlusconi, che procede svendendo pezzi del suo potere locale, rischia di lasciare tutta l’eredità ad un Salvini a cui ha regalato su di un piatto d’oro, nella contesa interna, la sua immagine decadente sul piano personale e politico. L’occasione di invertire la rotta d’ossa è a portata di mano, le prossime europee e le amministrative, a patto che, come presidente onorario del partito, si decida a passare ad una monarchia costituzionale, facendo scegliere alla base il successore, prima di essere esule in patria.

Di Salvini i pochi pregi, come la dimensione nazionale del movimento ed un attivismo senza risparmio, sono surclassati dall’essere prigioniero di una retorica populista accecante tanto da non vedere il tentativo della Le Pen di ritornare in gioco avvicinandosi ad una destra moderata e di non capire che le sue coordinate internazionali senza le continue verifiche per i mutamenti in corso, porterebbero allo sbando il Paese, dalla politica protezionista di Trump all’assolutismo senza remore di Putin, di cui rischierebbe al governo di apparire, e con lui il Paese, un servo sciocco. Tutti nodi destinati a venire al pettine già a partire dalle elezioni americane di medio termine. A Di Maio la storia del Sud non ha insegnato niente, né Giannini col suo uomo qualunque,né Lauro, né la prima ondata berlusconiana dei 61 parlamentari su 61 in Sicilia, tantomeno l’insegnamento di Sturzo che il sud o diventa problema europeo, oggi più che mai, o resterà irrisolto sempre più dissanguato delle sue migliori energie.

Quale momento migliore dopo la scossa di un Macron per un’Europa competitiva con potenze mondiali sempre più aggressive dove un’Italia, se restasse sola, diventerebbe un’appendice di una grande potenza e non la proiezione-missione dell’Europa per il riscatto dell’Africa contro il perseverare degli odi tribali ed il neocolonialismo cinese? Chi queste cose le avverte, perché ce l’ha nella sua cultura sedimentata in secoli di lotta per l’affrancamento dei popoli e delle singole comunità, non può non cogliere la grande occasione delle europee e delle amministrative e partire sin d’ora con una grande alleanza che prefiguri l’apporto determinante dell’Italia ad un’Europa solidale a base di quella federale sognata dai nostri padri. Il lutto non si addice a chi nel suo DNA ha i germi del futuro.

Roca

FRONTE RESPONSABILE

insieme

“Domenica gli italiani sono chiamati a scegliere tra due sistemi di valori: un fronte antieuropeista, di un nazionalismo acceso e preoccupante, ostile alla promozione dei diritti civili, e un fronte repubblicano, europeo e responsabile. In Europa la destra conservatrice o Popolare mai si è sognata di allearsi con i populisti dell’Internazionale nera. In Francia la destra ha perso tutte le regioni pur di non fare coalizione con il partito della LePen. In Germania la Merkel non ha concesso nemmeno un incontro alla destra radicale e xenofoba. In Italia il contrario. Puntano a governare con il sostegno di Forza Italia. Se quel fronte vince, diventeremo la Cenerentola d’Europa”. Così il il segretario del Psi Riccardo Nencini, promotore della Lista Insieme che sta girando l’Italia negli ultimi giorni di campagna elettorale. Venerdì Nencini chiude la campagna elettorale. L’appuntamento è  ad Arezzo alla Borsa Merci di piazza Risorgimento alle ore 18.

In questi ultimi giorni di campagna elettorale stai girando per il Paese. Quale la tua impressione?
Finalmente ho rivisto una bella mobilitazione e soprattutto ho incontrato volti nuovi.

Però i toni sono accesi. E le promesse la fanno da padrone mentre i temi reali sembrano un po’ dimenticati. Che ne pensi?
Ho visto una grande superficialità. Programmi che sono fondati sulle sabbie mobili. Ma soprattutto ho visto la manifestazione di una grande intolleranza. Il che mi conferma che domenica vedo non solo tre blocchi che si confrontano, ma due fronti con sistemi di valori diversi.

Mentre al Paese cose servirebbe?
Serve responsabilità e un grande senso del dovere.

Facciamo un confronto tra l’Italia di oggi e quella di cinque anni fa…
La barzelletta più gettonata che gira, è che il centro destra non abbia mani avuto responsabilità di governo in Italia. Invece per otto anni su dieci la ha governata. Ma soprattutto la ha governata nel periodo della crisi più nera e ha lasciato l’Italia in mutande.

Sappiamo come è arrivato il governo Monti.
Non c’è dubbio. La legge Fornero è figlia di una mala gestio. La causa è nel non avere affrontato per tempo un problema che stava manifestandosi con grande forza.

Tutti gli osservatori concordano sul costo esorbitante e insostenibile dei programmi elettorali della destra e dei grillini. Si può dire che la propaganda non conosce confini?
Certo. Il programma dei 5 Stelle costa oltre cento miliardi di euro e non vi è nessuna copertura prevista. Aggiungo che la Banca europea nei prossimi mesi rallenterà l’acquisto dei titoli di Stato. Il che ci obbliga a una sana gestione del bilancio dello Stato. Quindi noi dobbiamo chiedere maggiore flessibilità all’Europa da una parte. E  dall’altra investire di più per abbattere le troppe disuguaglianze che ancora ci sono. Ma bisogna farlo con delle misure realistiche. Il reddito di cittadinanza per tutti, non solo non ha i fondi, ma è iniquo. Perché a chi ha un reddito elevato non può essere riconosciuto il reddito di cittadinanza per il figlio.

Se dalle urne arrivasse una affermazione delle forze antisistema che rischio correrebbe il Paese?
Di avere una maggioranza antisistema con Lega, 5 Stelle e la Meloni. E se ci sarà una maggioranza parlamentare di questo non si può escludere che ci sarà un governo di questo tipo.

Con quali conseguenze?
Significherebbe portare l’Italia nel caos. Allontanare l’Italia dal cuore dell’Europa. Significherebbe rischiare invasioni di campo da parte dei cavalieri erranti della finanza.

Anche in Germania e in altri paesi d’Europa esistono forze di questo tipo. Ma da noi hanno una influenza più marcata. Si può dire che la nostra democrazia è più debole?
Ci sono due differenze. La prima è che da noi la crisi è stata più dura, è durata più a lungo e quindi ha inciso di più sul portafoglio delle famiglie. Ma soprattutto ha inciso di più sullo status sociale del ceto medio. E questo ha prodotto paura e incertezza per il futuro. La seconda differenza è che, penso alla Germania o alla Francia, la destra conservatrice o popolare, rifugge da ogni accordo da partiti estremisti che appartengono all’Internazionale nera. In Francia la destra ha perso tutte le regioni consapevolmente per non aver voluto fare l’accordo con la Le Pen. In Germania la Merkel non ha concesso nemmeno un tavolo alla destra radicale. In Italia la differenza è che Salvini non solo sta al tavolo, ma condiziona la politica della destra italiana.

E da noi, come in Germania, è possibile uno scenario grande coalizione ad libitum?Vedo due cose. La prima è la certezza che nessuno dei tre poli domenica si guadagnerà la maggioranza assoluta. L’altra certezza è che noi non faremo alleanze né con la Lega né con Grillo. Resta sul tavolo la prosecuzione dell’attuale governo. Con una sorta di governo di scopo. Oppure una grosse koalition di destra che frantuma il centro destra italiano fondando la sua maggioranza parlamentare su un governo populista. Più o meno quello che è successo in Austria.

Non è questa ultima una bella prospettiva…
L’alternativa a tutto questo è, e non va escluso, una sorta di governo repubblicano europeista. Una sorta di fronte di salvezza nazionale.

Gentiloni nelle ultime settimane ha avuto diversi sostegni di peso. Da Prodi, Veltroni, Napolitano. In ultimo quello di Letta. Cosa significano?
Sono il segno che la responsabilità comincia a trovare la sua strada.

Un auspicio per un Gentiloni bis…
È una delle ipotesi. E non parlo di un governo di centro sinistra. Ma di un governo di scopo finalizzato a prendere delle decisioni su nodi che vanno sciolti rapidamente.

Grasso qualche giorno fa ha fatto un’apertura ai Cinque Stelle. Ora parla di accordo con Pd e Forza Italia…
È l’apoteosi della contraddizione.

E Leu?
L’Italia ha una tradizione di una sinistra massimalista un tempo molto radicata, quando vi era il Pci. Oggi è meno radicata ma è una sinistra che può fare del male perché i poli che si confrontano non sono tre, ma sono tre e mezzo. E il centrosinistra corre con una gamba legata.

Daniele Unfer

Renzi-Macron. Ex socialisti temono di uscire dal PSE

macron renziIl segretario del PD Matteo Renzi è arrivato all’Eliseo per incontrare il presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron. Renzi, accompagnato dal sottosegretario agli Affari europei Sandro Gozi e dal presidente del think tank “Volta” Giuliano da Empoli, ha lasciato il palazzo presidenziale dopo circa un’ora di colloquio. I due giovani leader condividono l’esigenza di porre “un argine ai populismi, quello di Le Pen in Francia e quello di Salvini in Italia”. Secondo quanto viene riferito da fonti italiane che hanno partecipato all’incontro che si è svolto questa mattina, tuttavia a preoccupare i ‘fuoriusciti’ dal Psi sembra un’altra notizia, quella che Macron punta alla creazione di un terzo polo nel parlamento europeo, nel quale potrebbero rientrare anche forze politiche oggi legate al Pse, il Partito socialista europeo.

“Leggiamo di un’improbabile proposta macroniana di uscita del Partito Democratico dal Pse. Siamo certi che Renzi, che ha avuto il merito dell’adesione nel 2014, non ci pensi neanche lontanamente: il Pd è oggi la principale forza nel Pse e noi crediamo che sia interesse reciproco rafforzare i legami”. Così in una nota congiunta i deputati socialisti del Pd Marco Di Lello, Tonino Cuomo, Federico Massa e Lello di Gioia, usciti dal Partito socialista e che oggi cercano il socialismo… fuori dal Psi.

Ma Gianni Pittella, presidente del Gruppo dei Socialisti e Democratici al Parlamento europeo, dopo aver parlato con il Segretario del Pd, Matteo Renzi, assicura: “Il Partito democratico non si muove da nessuna parte, è e resta uno dei pilastri fondamentali del Pse”.

Utoya sei anni dopo. Locatelli: la strage nascosta

isola-utoya-strage-breivikSabato 22 luglio è stato il sesto anniversario della strage di Utoya. “Una strage – ha detto Pia Locatelli ricordando l’eccidio – totalmente nascosta all’opinione pubblica nel suo preciso significato politico. Vennero uccisi 69 giovani socialisti e laburisti di tutta Europa, perché favorevoli ai valori del multiculturalismo, dell’immigrazione, dell’Unione Europea”.

“Oggi lo stragista Anders Behring Breivik è in carcere ma il suo manifesto politico, scritto tra il 2009 e il 2011, inviato via mail in tutta Europa, minaccia di realizzarsi. Il suo obiettivo è cacciare tutti gli immigrati, soprattutto quelli islamici, dal nostro continente. Per raggiungere questa meta Brevik elencò nel suo Compendium i partiti che avrebbero potuto agevolare l’impresa: Russia Unita di Putin, Le Pen in Francia, English Defence League in UK, Jobbik in Ungheria. Lega e Forza Nuova in Italia. Ebbene nel 2014 questi partiti hanno creato un gruppo unico all’Europarlamento e hanno rafforzato i loro rapporti con Mosca. Tutti ricordano il Bataclan, Nizza, Berlino e Manchester. Nessuno ricorda Utoya. Eppure per numero di morti ed efferatezza Utoya è stata una delle più sanguinose stragi del nuovo millennio. La strage fu la punta violenta di quegli slogan che oggi sono ripetuti a gran voce da Le Pen e Salvini”.

“Che risposta vuole dare l’Europa? Un eventuale Governo con la Lega che risposta darebbe a questo fenomeno epocale? Intendo ricordare Utoya – ha concluso Locatelli – solennemente perché fu la prima evidenza violenta di questo pensiero anti immigrazione e xenofobo che allontana le soluzioni per alimentare paure e irrazionalità all’unico scopo di guadagnare consensi elettorali. E intendo ringraziare ancora una volta Luca Mariani che con il suo prezioso libro su questa strage “Il silenzio sugli innocenti” ha impedito la cancellazione della sua memoria”.

Anche il regrerio del Pd Matteo Renzi ha ricordato la carneficina di sei anni fa. “È nostro dovere- ha detto – tenere vivo il ricordo di quei ragazzi che sognavano un mondo migliore. Fare politica significa anche tenere viva la loro speranza”.

“Breivik, un simpatizzante di estrema destra, nel processo disse che aveva fatto tutto perché ‘voleva fermare i danni del partito laburista e la decostruzione culturale della Norvegia a causa dell’immigrazione dei musulmani’. Nel processo fu riconosciuto sano di mente e condannato al massimo della pena prevista in Norvegia. In questi sei anni – ricorda Renzi- non ha mai mostrato segni di pentimento. La Norvegia reagì con grande forza di fronte a tutto quell’orrore. Quattro giorni dopo norvegesi scesero in piazza in tante città. L’allora primo ministro norvegese Stoltenberg pronunciò delle parole bellissime: ‘Migliaia e migliaia di norvegesi, a Oslo e in tutto il paese, fanno la stessa cosa stasera. Occupano le strade, le piazze, gli spazi pubblici con lo stesso messaggio di sfida: abbiamo il cuore a pezzi, ma non ci arrendiamo. Con queste fiaccole e queste rose mandiamo al mondo un messaggio: non permetteremo alla paura di piegarci, e non permetteremo alla paura della paura di farci tacere. Il mare di gente che vedo oggi davanti a me e il calore che sento da tutto il paese mi convince che ho ragione. La Norvegia ce la farà. Il male può uccidere gli individui, ma non potrà mai sconfiggere un popolo intero. Questa sera il popolo norvegese sta scrivendo la storia. Con le armi più potenti del mondo – la libertà di parola e la democrazia – stiamo disegnando la Norvegia per il dopo 22 luglio 2011’”.

L’anno zero del Partito Socialista francese

hollande Macron

Il Partito Socialista francese è allo sbando: secondo i sondaggi, potrebbe uscire dalle imminenti elezioni legislative con un pugno di deputati. Questa è solo la fase finale di un lento ma inesorabile declino, iniziato durante la presidenza di François Hollande. Cos’è andato storto? Il Partito Socialista francese è ormai un’esperienza politica da archiviare o potrebbe, invece, risorgere dalle sue ceneri? Lo abbiamo chiesto a Christine Vodovar, professoressa di storia comparata dei sistemi politici alla LUISS ed esperta di storia dei partiti socialisti in Francia e Italia.

Professoressa Vodovar, la presidenza di François Hollande è stata caratterizzata da una prima fase, più interventista, e una seconda, più liberale. Quanto la svolta liberale ha inciso sul fallimento di Hollande?
Non sono convinta che sia stata la svolta liberale di per sé ad aver inciso sul fallimento di François Hollande. Hollande ha sempre avuto una linea di socialismo liberale e, in tal senso, si può ipotizzare che ciò che ha fatto nella seconda metà del quinquennato sia quello che voleva fare fin dall’inizio. Ma avendo stipulato durante la campagna elettorale un accordo con l’ala sinistra del suo partito, è stato costretto, nei primi due anni del suo quinquennato, a portare avanti delle politiche, soprattutto economiche, che tenevano conto di queste posizioni. Perciò, quando ha fatto la svolta liberale, Hollande si è trovato a fare i conti con i cosiddetti frondeurs, l’opposizione interna al suo partito, che ha provato in maniera sistematica ad ostacolare le misure che cercava di prendere. Hollande non è quindi riuscito a dare un indirizzo di politica economica omogeneo al suo quinquennato. Ma, soprattutto, anche in seguito alla svolta liberale, non è riuscito a invertire il corso negativo dell’economia francese. Solo il deficit pubblico annuo è stato in un qualche modo contenuto. Gli altri indicatori, come, ad esempio, il tasso disoccupazione, quello di povertà, il bilancio commerciale con l’estero o il debito pubblico, non solo sono ancora tutti in negativo, ma sono anche peggiorati nel corso degli anni.

Se François Hollande è stato fin dall’inizio sostenitore di un socialismo liberale, si può affermare che Emmanuel Macron è il suo vero erede?
Assolutamente sì. Emmanuel Macron è il continuatore di quello che avrebbe voluto fare Hollande nella seconda parte del suo mandato. Le ricette sono un po’ diverse, ma l’idea è la stessa. I due condividono una visione di politica economica liberale, mirata a rendere più flessibile il mercato del lavoro e a sgravare le imprese da una serie di costi sociali. Macron vuole farlo meno brutalmente dei repubblicani e vuole che le misure liberali in questione siano accompagnate da una serie di misure sociali. In tal senso, durante la campagna si è molto ispirato alla cosiddetta flexi-security attuata nei paesi del nord Europa.

Riuscirà Macron dove Hollande ha fallito, ovvero a invertire gli indicatori economici?
È impossibile rispondere ora. Si può tuttavia sottolineare che Hollande era membro del Partito Socialista, mentre Macron non lo è. Possiamo dire che, se le elezioni legislative gli daranno un’ampia maggioranza – cosa che potrebbe anche essere – avrà le mani meno legate e non sarà obbligato a fare compromessi con una certa parte della sinistra, com’è stato invece il caso di Hollande. Inoltre, Macron ha più carisma di Hollande e riesce a sedurre maggiormente la gioventù e gli ambienti europei. Il suo potenziale di partenza è quindi maggiore ma, se non riuscirà a invertire gli indicatori, c’è il rischio che i populisti del Front National e dell’estrema sinistra ritornino con ancora più forza alla prossima tornata elettorale.

Quali sono le cause della sconfitta di Benoît Hamon, candidato socialista alle presidenziali? Ha perso perché è stato visto come il continuatore di una politica fallimentare? Perché ha fatto le promesse sbagliate, come quella sul reddito universale? O perché, semplicemente, mancava di carisma?
Innanzitutto, Hamon non ha potuto contare su un partito compatto alle spalle. Durante la presidenza di Hollande è stato il capo dell’opposizione interna e c’è una parte del partito, come l’ex primo ministro Manuel Valls, che non glielo ha perdonato. A livello di personalità, Hamon è sicuramente un uomo di apparato. Non ha grande carisma e non lo ha aiutato il non aver mai coperto ruoli in grado di dargli una statura nazionale. Il problema è che non è riuscito a creare consenso a sinistra né sulla sua persona, né evidentemente sulle sue proposte. Ma su questo punto, ha pagato il fatto che, avendo vinto le primarie e ottenuto allora un’ampia legittimità attorno al suo programma iniziale, gli è stato molto difficile ridefinire questo programma in tale modo da creare quel consenso più ampio presso i militanti e gli elettori socialisti e di sinistra, necessario per qualificarsi al secondo turno. Anche se la sua linea politica non era del tutto credibile, l’idea del reddito universale era comunque una novità e avrebbe potuto convincere la parte dell’elettorato più popolare che invece ha preferito votare Mélenchon e Le Pen. In ogni caso, non credo che Hamon sia apparso come l’erede di Hollande. Ha piuttosto scontato il fatto di aver preso in mano un partito che negli ultimi cinque anni si è estremamente indebolito. Ancor prima che Macron scendesse in campo, i candidati del Partito Socialista si stavano preparando a un’enorme sconfitta alle legislative. L’elettorato francese si è spostato a destra. Sondaggi ed elezioni di medio termine lo avevano da tempo confermato.
Infine, va ricordato anche che Hamon ha dovuto affrontare un Jean-Luc Mélenchon che è riuscito benissimo a imporsi come candidato più credibile per un certo tipo di elettorato di sinistra.

I sondaggi annunciano per il Partito Socialista una disfatta alle legislative. Come il PS potrà riprendersi da questa sconfitta e tornare ad essere il baricentro della sinistra francese?
La crisi del Partito Socialista ha delle radici profonde, l’elezione presidenziale ha soltanto dato un colpo di grazia. Quello che è venuto meno quest’anno è il grande partito della sinistra costruito da François Mitterrand tra il ‘69 e il ‘71, in grado di accogliere quasi tutte le sensibilità della sinistra di governo e anche qualche fetta di quella anti-sistemica. Si è chiuso un ciclo. Sinistra liberale, sinistra socialdemocratica e sinistra radicale non riescono più a dialogare. È difficile, a breve termine, ipotizzare una ricongiunzione. Se La République en marche sopravvivrà a Macron – impresa questa tutt’altro che facile – potrebbe diventare, almeno per ora, un’alternativa al vecchio PS.

Il Partito Socialista è quindi condannato a essere una forza di opposizione, sul modello del Labour di Jeremy Corbyn in Gran Bretagna?
Non sono sicura che il modello Corbyn sia quello più adeguato per una ripresa del Partito Socialista. Non credo che se dovesse intraprendere questa strada, riuscirebbe a fare meglio di questa volta in termini di voti. I delusi dalla politica di Macron andranno, nell’immediato, a rinforzare il campo di Mélenchon oppure si ritireranno dopo una breve sosta nel mondo della politica. Dopo le legislative, il Partito Socialista non potrà contare su molti deputati. Bisognerà ricostruire dalla base, dai comuni e dalle province.

Se il partito di Macron riuscirà a imporsi come soggetto politico stabile, c’è il rischio che l’alternanza si faccia tra il “né a destra né a sinistra” del nuovo presidente e il “né a destra né a sinistra” di Le Pen?
Se La République en marche, come partito, si imporrà e diventerà uno degli assi del sistema politico, diventerà una sorta di Democrazia Cristiana. E, diciamocelo, il sistema italiano nella Prima Repubblica non brillava certo per alternanza. Se Macron riuscirà ad andare fino in fondo con il suo progetto politico, il rischio è quindi che l’alternanza si faccia tra un partito di governo, credibile e moderato, e un’opposizione populista che si sta rafforzando.  Però la scossa che Macron, con la sua strategia, ha già dato al sistema, e il rinnovamento generazionale che è in atto, potrebbero anche costringere i partiti tradizionali a rinnovarsi, ridando invece vigore alla vecchia divisione – non affatto scomparsa – tra destra e sinistra.

Matteo Angeli

VIVE LA FRANCE!

 

macronUn grande respiro di sollievo per tutto il Vecchio Continente, Emmanuel Macron è l’ottavo presidente di Francia.
Marine Le Pen, il volto dell’ultradestra francese incarnato dal Front National non ce l’ha fatta e la sua percentuale di voti si ferma a poco più del 30%.
“È un onore e una grande responsabilità”, ha detto Macron nel suo primo discorso alla Nazione. “Rispetto la decisione di chi ha avuto dubbi, mi rendo conto che il voto a cui siete stati chiamati è stato fra due estremi, ma ora mi adopererò per proteggere i più deboli, per garantire l’unità della nazione. Dietro ogni parola che ho pronunciato ci sono volti, vite, ci siete voi. Ed è a voi che mi rivolgo. Siamo eredi di una grande storia e di un grande messaggio da trasmettere. Difenderò la Francia, i suoi interessi vitali. E difenderò l’Europa”. Proprio l’Europa è stata quella che più ha sostenuto il giovane candidato all’Eliseo, temendo che al timone di uno dei Paesi dell’Ue potesse arrivare l’euroscetticismo della Le Pen che già prometteva una Frexit. “Una chiara dichiarazione a favore dell’Europa” ha detto la cancelliera tedesca Angela Merkel nella sua telefonata di congratulazioni a Macron. “Siamo felici per la Francia e per l’Europa per la vittoria di Macron che ha scongiurato il pericolo antieuropeista, razzista e xenofobo rappresentato da Marine Le Pen”.  Ha detto Pia Locatelli, capogruppo Psi alla Camera e membro della presidenza del PES. “Ora il nostro augurio è che i compagni del Ps abbiano la capacita e la forza di ritrovare il ruolo che hanno sempre avuto nella storia della repubblica francese”
Mentre Matteo Renzi, segretario del Pd, ha subito twittato: “La vittoria di Macron scrive una straordinaria pagina di speranza per la Francia e per l’Europa. #Enmarche! #incammino”
Macron è il candidato sostenuto dall’Unione europea e non solo, lo stesso ex presidente Usa Barack Obama l’ha chiamato, già qualche giorno prima del ballottaggio, per sostenere la sua candidatura.
Nonostante non abbia avuto un partito alle spalle, Macron è a 39 anni il più giovane presidente della Quinta repubblica, prima di lui Napoleone Bonaparte, che fu eletto a 40 anni, giovane come il suo programma. Nel quale si contempla una transizione energetica che punta al rispetto dell’ecologia, a partire dai veicoli inquinanti. Inoltre il futuro della Francia è rivestito dalla scuola, il nuovo Capo dell’Eliseo vuole rinforzare l’insegnamento e dare più mezzi alla scuola primaria, nonché rintrodurre il latino alle medie.
“Mi batterò con tutte le mie forze e costruiremo un futuro migliore. Cari concittadini, rendo omaggio al presidente Hollande. Nei prossimi cinque anni la mia responsabilità sarà ritrovare l’ottimismo, servire la Francia a nome vostro”. Ha detto ancora il giovane presidente francese che a Hollande deve parte della sua carriera politica, è stato infatti segretario generale di Hollande, poi suo ministro dell’Economia. Dopodiché un anno e mezzo fa ha fondato il suo movimento, ‘En Marche!’ per poi candidarsi all’Eliseo.

Il Macron francese
e il Micron italiano

Verrebbe da dire, con un po’ di strabismo, un occhio alla Francia ed uno all’Italia, che ogni pronostico ricavato dai risultati francesi del primo turno ai fini dello scenario italiano è un azzardo privo di fondamento costituzionale. La vittoria di Macron al secondo turno è resa possibile, come già accadde con Chirac contro Le Pen padre, perché il sistema semipresidenziale si fa carico di ricondurre su di una persona le scelte di fondo, mettendole intanto al riparo da possibili distorsioni. E questa volta in gioco è un rigurgito nazionalista che comporterebbe la solitudine della Francia nel far fronte a problemi globali dalla sicurezza all’immigrazione allo sviluppo che reclamano più Europa seppure da riformare in punti cruciali. Un sistema quello francese per mettere in cassaforte alcune scelte prioritarie per il Paese. Questo non vuol dire affatto che il governo futuro sia garantito mettendo a dura prova il regime di convivenza tra maggioranze diverse com’è già accaduto in passato e che non esclude scenari di ingovernabilità come quelli verificatisi in Spagna. Il riferimento ai risultati francesi senza tenere in debito conto la struttura istituzionale può risultare fuorviante tranne che su di un punto qualificante ed unificante, se confermato al secondo turno, ed è quello di una ferma e chiara adesione alla UE. L’ambiguità di Renzi su questo punto sarebbe un errore fatale non solo per la tenuta generale del fronte europeo contro i populisti ma anche per il venir meno di una bussola essenziale per fare scelte ineludibili come quella elettorale e relative alleanze. Per andare al sodo non può lasciare indifferenti il chiaro tentativo di FI di smarcarsi dalla tenaglia sovranista dell’accoppiata Salvini-Meloni ma questo comporta una scelta non ambigua, il passaggio in qualunque contesto dal premio alla lista a quello alla coalizione. Peraltro questa necessaria scelta è motivata da almeno altre due ragioni essenziali: il più abile a formare una lista con dentro tutti ed il loro contrario è stato Berlusconi e lo ha dimostrato al suo esordio col mettere insieme la Lega ed Alleanza nazionale, per coprire rispettivamente il nord ed il sud del Paese, Lega ed Alleanza Nazionale che nemmeno si parlavano. Altro motivo essenziale è che a seguito della scissione il PD, deve ancor più valorizzare la posizione centrale, di centrosinistra senza trattino, aperta alle alleanze strategiche necessarie, incentivando in primo luogo il tentativo di Pisapia che potrebbe costituire una riedizione aggiornata dell’Ulivo di tutte le forze progressiste disponibili. Fermo restando che il più rilevante terreno di cultura del grillismo è stato lo scollamento tra eletti ed elettori, il passaggio ai nominati cooptati dalle oligarchie dei partiti, è evidente che l’eliminazione dei capilista bloccati andrebbe nella giusta direzione. Su queste soluzioni ci sono ancora posizioni altalenanti dei vertici del PD anche se la giustificazione di un attendismo tattico vorrebbe stanare le altre forze per capire quali sono le più affini. Ma altrettanto certo è che, se non si mettono i paletti, chi è l’azionista di maggioranza nella situazione data si assumerebbe le responsabilità della paralisi. Ammesso e non concesso che le oligarchie dei partiti non sono disponibili a cedere il loro potere di nomina dei capilista, il loro pacchetto di mischia tra e dentro i rispettivi partiti, per uscire dal vicolo cieco dei nominati si potrebbe far ricorso alle primarie per scegliere la lista ed anche i nomi per i collegi più ridotti, tipo quelli introdotti dal Mattarellum per Camera e Senato. Con un rapporto più stretto tra eletti ed elettori e primarie per legge, anche se non obbligatorie, potrebbe esserci un effetto molto importante quello di liberare in primo luogo la base pentastellata dal burka della rete. Primarie low cost perché limitate alle spese vive, potendo contare sul volontariato, ed in contemporanea nello stesso giorno ed ore, riducendo drasticamente l’impiego delle truppe cammellate spostate da un seggio all’altro o da un contenente all’altro. D’altra parte della disciplina dei partiti non si farà niente anche in questa legislatura nonostante le vistose anomalie da mettere a nudo dei pentastellati. Questo fa capire che ognuno ha le sue e ci tiene a nasconderle. Per tutte queste ragioni, il contesto generale che nessuno osa né s’impegna a correggere, non potrà che tarpare le ali sul nascere e produrre dei contendenti decisamente Micron rispetto ad un Macron che in Francia, grazie al sistema, si può permettere senza ambiguità di scommettere sull’Europa come unico antidoto per sconfiggere quelle paure che i populisti di destra come di sinistra cercano di cavalcare con rimedi peggiori dei mali.

Roca

Arresto Navalny. Cremlino schiera la Guardia nazionale

navalnyEra iniziato tutto con una manifestazione, ma nessuno si aspettava che questa potesse rappresentare la scintilla che avesse portato in piazza tutta la Russia. La lotta contro la corruzione si è dimostrata un ottimo catalizzatore, tra i diversi motivi di scontento. Ieri in migliaia, giovani, anziani, coppie e famiglie avevano aderito all’appello dell’oppositore Aleksey Navalny in una manifestazione pacifica, ma non autorizzata, per protestare contro la corruzione nel Paese percorrendo in senso antiorario i marciapiedi della centralissima via Tsverskaja, che taglia il centro di Mosca sino alla Piazza Rossa.
Il blogger ‘anti-Putin’, Navalny, appena si è unito alla protesta è arrestato. Stamattina il leader dell’opposizione russa, già finito altre volte in carcere, appena comparso in Tribunale dopo aver trascorso la notte in carcere, ha twittato un selfie dagli uffici della Corte in cui scrive: “Verrà il giorno in cui noi giudicheremo loro, ma quel giorno lo faremo in maniera onesta”. Il leader della protesta è stato arrestato con centinaia di manifestanti e deve rispondere tra l’altro dell’accusa di corteo non autorizzato, per cui è stato condannato a quindici giorni di reclusione.

Aleksej Navalny dalle sue inchieste ha portato alla luce un’impero di corruzione in cui ad essere imputato è il premier russo, Dmitrij Medvedev. Il giornalista ha spulciato i registri pubblici per ottenere informazioni su quello che ha definito il patrimonio nascosto del primo ministro Dmitrij Medvedev: 1,2 miliardi di dollari. Attraverso i droni ha filmato le impenetrabili ville e dacie guardate dagli uomini dei servizi segreti. Nulla riconducibile direttamente al premier, ma intestato a amici fidati, molti dei quali ex compagni di scuola divenuti misteriosamente ricchissimi. Dalla dacia con piscina, tre eliporti, pista da sci privata e stagno pieno di papere, a vigneti in Russia e a una tenuta in Toscana. In questo caso si tratta di una rinomata villa e azienda vinicola nel Chianti, l’Aiola. I 36 ettari di vigneti furono un tempo di proprietà del segretario del Pli, Giovanni Malagodi. Poi, nel 2012, gli eredi la cedettero a dei misteriosi russi che in zona non si vedono quasi mai.

Dopo l’arresto di Navalny sono iniziate subito le tensioni, la folla ha provato a bloccare il cellulare su cui l’avevano caricato. Le forze di polizia – dai corpi speciali Omon alle squadre antisommossa – hanno risposto creando dei cordoni umani per spingere i manifestanti da via Tsverskaja e dalle piazze Triumfalnaja e Puskinskaja verso le vie laterali. Centinaia i fermi, almeno 700 secondo le prime ricostruzioni. A ognuno la folla gridava “Pozor”, “Vergogna”. La crisi economica si trascina da tre anni e stavolta al centro c’è il disagio sociale che cresce, e a cui il governo ha risposto con i drastici tagli al welfare. Nei giorni scorsi i comunisti alla Duma, fatto senza precedenti, hanno chiesto un’inchiesta parlamentare sulle accuse avanzategli da Navalny.

“Non era mai successo che scendessero in piazza i ragazzi delle scuole”, scrive sul suo blog l’economista Sergey Aleksashenko, ragazzi nati quando Putin era già al potere, sono rimasti lì anche quando hanno saputo che Navalny era stato preso dalla polizia e non sarebbe intervenuto. La dimostrazione che si protesta non contro ‘qualcuno’, ma contro ‘qualcosa’ che non piace della Russia: la corruzione dilagante.

Ma adesso Putin si ritrova per la prima volta davanti a una protesta che coinvolge non solo le principali città di Mosca e San Pietroburgo ma la maggioranza delle grandi città russe (60 mila persone in 82 città secondo la Radio Eco di Mosca), dagli Urali alla Siberia a Murmansk a Vladivostok sul Pacifico, persino il Daghestan nel Caucaso musulmano, con 150 fermi. Manifestazioni sono avvenute in tutto il Paese da Vladivostok nell’Estremo Oriente a Novosibirsk, Tomsk e Krasnojarsk nella più grande dimostrazione di massa in Russia dal 2012 a oggi.
Tanto che il Cremlino ha schierato anche la nuova Guardia Nazionale creata da Vladimir Putin nel 2016 contro il rischio «Maidan» e che fa capo direttamente a lui.

“L’arresto di Alexei Navalny a Mosca mette in evidenza l’organico autoritarismo che caratterizza il regime russo guidato con mano ferrea da Putin. Autoritarismo all’interno e insidiosa iniziativa di destabilizzazione nei confronti dell’Europa con rapporti molto stretti con la Le Pen la Lega di Salvini e il M5S”. Lo dice il presidente della commissione Esteri della Camera Fabrizio Cicchitto (Alternativa Popolare). “Coloro che affermano – dice ancora – che l’unico problema è quello delle sanzioni offrono una visione mistificata della realtà. Per parte sua Kissinger ormai da molti anni ripropone sempre il suo cinismo realista. Ma esso non è servito nel passato e non serve neanche adesso per fare i conti con l’iniziativa russa. Se nel passato gli Usa gli avessero dato davvero retta, in Russia ci sarebbero ancora Brezbev e il Pcus. In effetti al di là delle analisi di Kissinger a suo tempo l’Urss è implosa per le sue contraddizioni interne”.