Luciano Violante

In evidenza

Consulta, non decolla il ticket Violante-Caramazza

Sedicesimo scrutinio, ennesima fumata nera per l’elezione dei due membri della Corte costituzionale. Resta dunque l’impasse sulla Consulta, organo che non può ancora riunirsi – e dunque espletare la sua funzione di garante costituzionale – senza due membri. Ma se da una parte Antonio Catricalà e Donato Bruno – nomi indicati da Forza Italia – hanno deciso di fare un passo indietro, Luciano Violante, candidato Pd, non molla. Anzi, il capogruppo democratico alla Camera, Roberto Speranza ha confe…

In evidenza

Consulta, ancora nulla di fatto

Undicesimo scrutinio, ed ennesima fumata nera in Parlamento, riunito in seduta comune, per l’elezione di due membri della Corte Costituzionale, e di altrettanti componenti laici del Consiglio superiore della magistratura. Resta dunque l’impasse sull’elezione dei giudici costituzionali: nessuno dei due candidati, Donato Bruno e Luciano Violante ha raggiunto il quorum richiesto di 3/5 dei componenti dell’Assemblea, ossia 570 voti, nonostante l’accordo politico tra Partito democratico e Forza …

Economia

Caso Berlusconi, il “falco” Bindi e la “colomba” Violante nello zoo del Pd. Di Lello (Psi): «Se ci sono dubbi si esprima il Parlamento»

La spinosa situazione della decadenza come senatore di Silvio Berlusconi, in attesa del voto della Giunta delle immunità del Senato, continua a insinuare falle all’interno del Partito democratico, animato da due approcci antitetici: da una parte si sono appostati i cosiddetti “falchi”, ossia coloro che non attendono altro che un giudizio rapido sul Cavaliere, rappresentati dai vertici del Partito democratico, che già si sono espressi con commenti duri e perentori. Dall’altra volano le “colomb…

In evidenza

Caso Berlusconi, Buemi (Psi): «In caso di dubbi interpretativi della legge Severino sarebbe utile sottoporla al vaglio della Corte costituzionale» 

La recente apertura di Luciano Violante nel prefigurare un eventuale ricorso alla Consulta per risolvere i dubbi sulla legittimità della legge Severino – quella che disciplina l’incandidabilità e la decadenza dei politici eletti con sentenza, anche non passata in giudicato – ha condotto alcuni senatori piemontesi del Pd a chiedere un «confronto, anche aspro, tra posizioni diverse» con l’ex presidente della Camera. L’incontro pubblico si è tenuto ieri pomeriggio, in una sede del Pd a Torino, e…