manifesto

In evidenza
1

Emulazione o indignazione? Ecco gli effetti collaterali del caso Preiti e delle parole del filosofo Becchi

A scrivere sui muri con una bomboletta spray si rischia una denuncia. Sul web, invece, si può sentenziare senza censura, ritegno, né timore. A dimostrarlo è la libertà degli utenti dei social network che, poche ore dopo l’agguato di Luigi Preiti in piazza Montecitorio – che ha provocato il ferimento di due carabinieri, di cui uno grave – si sono attivati in gruppi di apprezzamento e sostegno. Numerose infatti sono state le iniziative di solidarietà e di inneggiamento al 50enne disoccupato…