Massimo Battista

Cronaca
0

Ilva verso la chiusura e operai sospesi a 60 metri d’altezza per un posto di lavoro

Vite sospese a 60 metri d’altezza, precarie, a rischio licenziamento e costrette a lavorare in un impianto che semina morte con le sue polveri. “La nostra iniziativa non è pilotata né dall’azienda né dai sindacati: la nostra è stata una decisione spontanea, non concordata con nessuno”. A parlare è Ivano, uno dei dieci operai saliti due sere fa sulla passerella dell’altoforno numero 5 dell’Ilva per “dare un segnale forte – dice – a tutti”. La protesta monta dopo la ferale decisione di ieri il…