Gas Naturale. Un progetto di comunicazione digitale

The Gazometro or gasometer of Rome

The Gazometro or gasometer of Rome

Il 5 dicembre sul palcoscenico del Gazometro illuminato di “blu gas”, l’intera filiera industriale per la prima volta riunita a sostegno di una grande strategia di comunicazione su una risorsa sostenibile, e ora anche rinnovabile grazie al contributo del biometano. Madrina della serata Cristiana Capotondi insieme a Casa Surace e Antonino Cannavacciuolo.

Per la prima volta tutti i protagonisti del mondo industriale del Gas uniscono le loro forze per dar vita a una grande campagna di comunicazione sul gas naturale, risorsa sostenibile ed essenziale per il sistema energetico.

Le associazioni ANIGAS, ASSOGAS, IGAS, che rappresentano la quasi totalità della industry del gas con il particolare contributo di Eni, Snam, Italgas ed Edison, hanno sviluppato con AgiFactory, il Brand Journalism Lab di Agi, una strategia innovativa di comunicazione, a forte vocazione digitale, incentrata sul portale http://www.naturalmentegas.com e sui canali social (Facebook, Twitter, Linkedin, Instagram). L’obiettivo: costruire un’informazione corretta e veritiera su questa risorsa preziosa, far conoscere l’importanza del gas naturale come fonte e vettore energetico sicuro e sostenibile, sia dal punto di vista ambientale che economico, e ora anche rinnovabile grazie al biometano. Il gas sarà infatti essenziale per sostenere il processo di decarbonizzazione del mix energetico nazionale. Decarbonizzazione che, tra l’altro, è protagonista di COP24, la conferenza dell’ONU sul clima in corso a Katowice in questi giorni.

La risposta alla domanda del Pianeta

Il Pianeta pone, con forza ed urgenza, una richiesta di attenzione reale e concreta all’ambiente e di uno sforzo per contrastare il cambiamento climatico. Per far fronte a questa esigenza una risposta è rappresentata da: “Il Gas, Naturalmente”. Su questa idea si sviluppa la strategia di comunicazione elaborata da AgiFactory e presentata oggi nella sede del Lab di Agi, in via del Commercio, simbolicamente ai piedi del Gazometro, illuminato di “blu gas” per l’occasione. Madrina della serata e del progetto Cristiana Capotondi, da sempre vicina a temi di natura ambientale, che ha incontrato sul palco Salvatore Ippolito, Amministratore Delegato di AGI, e il professor Matteo Di Castelnuovo – Direttore di MaGER (Master in green Management, Energy and CSR) della Bocconi. Ad illustrare la strategia di comunicazione Daniele Chieffi, Head of Digital Communication and Content Factory AGI. Insieme a loro Casa Surace, influencers portatori sani di senso di appartenenza e comunità e Antonino Cannavacciuolo, lo chef con il sentimento ed il calore nel DNA.

L’ecosistema MaGasine

Il team di creativi, brand journalists, video producers e storytellers di AgiFactory ha messo in campo MaGasine un vero e proprio ecosistema con al centro la testata online IL GAS, NATURALMENTE – diretta da Marco Pratellesi. Intorno al giornale una galassia di profili social e una nutrita squadra di testimonial (la stessa Cristiana Capotondi, Casa Surace e lo chef Cannavacciuolo) e influencers, con il compito di raccontare le storie del Gas e di valorizzare, senza pregiudizi, le qualità di quella che è una risorsa naturale, che sostanzialmente non produce polveri sottili, in grado di abbattere le emissioni dirette di carbonio nell’atmosfera, producendo energia più sostenibile. E restituire così alla parola Gas il significato che gli è proprio e che riguarda tanto il Pianeta e le sue necessità, quanto la vita delle persone.

Saper raccontare anche le loro storie rappresenta l’anima di questo sforzo comunicativo. L’obiettivo è di narrare non solo un elemento naturale, ma anche il suo utilizzo le opportunità di sviluppo che implica nel settore industriale e nella generazione di energia, fino a quello più noto, il portato quotidiano e familiare di una risorsa preziosa: il gas, naturalmente.

A “vigilare” sul rigore scientifico di tutto ciò che verrà raccontato e diffuso in MaGasine, un Comitato scientifico presieduto dallo stesso professor Matteo Di Castelnuovo e composto da eminenti personalità scientifiche come, fra gli altri, Houda Allal, direttore generale OME (Observatoire Méditerranéen de l’Energie), Davide Tabarelli, Presidente e fondatore di NE Nomisma Energia eprofessore a contratto presso Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e dei Materiali dell’Università di Bologna, Miguel Vazquez, head of Energy Innovation Area presso FSR (Florence School of Regulation).

I numeri del gas naturale in Italia:

Oltre 70 miliardi di mc di consumo annuo, circa un 1/3 del consumo di energia primaria dell’intero Paese destinati per il 41% agli usi civili e per circa il 55% a quelli industriali e termoelettrici. La distribuzione locale del gas è gestita da aziende private e a partecipazione pubblica che attraverso le proprie reti raggiungono oltre 7.000 Comuni e l’82% delle famiglie italiane.

Il gas naturale produce circa il 48% dell’energia elettrica consumata in Italia, soddisfa il 53% dei fabbisogni domestici, serve 23 milioni di clienti finali tra cui famiglie, utenti commerciali o piccole industrie, ed alimenta oltre un milione di veicoli (circa il 75% di quelli circolanti in Europa).

Agi Factory è il primo Brand Journalism Lab italiano. L’approccio di Agi Factory nei confronti della comunicazione del brand è caratterizzato da due elementi fondamentali: il primo è l’autorevolezza di Agi, Agenzia Giornalistica Italia, dal quale eredita l’alta professionalità giornalistica e l’attenzione all’approfondimento e alla verifica dei fatti oltre alla capacità di coniugare innovazione e velocità nel trattare l’informazione anche sui temi più complessi o sensibili. Il secondo è l’heritage di Eni, dalla quale ereditala visione aziendale, la consolidata esperienza necessaria per muoversi in ambito corporate e l’attenzione per le necessità delle grandi imprese. Agi Factory mette il fact checking prima di tutto, anche quando crea contenuti per un’azienda e racconta la sua vera storia. Perché le storie vere non solo siano le più efficaci, ma anche le più belle da condividere.