padoan

In evidenza
0

Parte da Roma il ‘tour de force’ di Tsipras

La giornata romana di Alexis Tsipras, leader di Syriza e trionfatore delle elezioni del 25 febbraio che lo hanno portato al vertice del governo ellenico, ha ruotato attorno a due perni, il ‘bilaterale’ con Matteo Renzi a Palazzo Chigi e l’incontro del suo ministro delle finanze, Yanis Varoufakis, con l’omologo italiano Pier Carlo Padoan a via XX Settembre.

Di questi incontri, al di là delle dichiarazioni ufficiali, non si saprà molto di più anche perché la vera trattativa si svolgerà …

In evidenza
1

Tasse record, in Italia sono arrivate al 43,3%

Troppe tasse in Italia non è solo un modo di dire, ma una realtà certificata dalla Banca d’Italia che col suo bollettino periodico ci informa che la pressione è arrivata al 43,3% del PIL. Nella serie storica della pressione fiscale siamo di fronte ad un vero balzo in avanti che negli ultimi tre anni ha fatto salire la pressione fiscale dal 41,6% del 2010-2011 al 43,3% attuale. E pensare che nel 2005 era appena sotto la soglia del 40%, al 39,1% del PIL. Il 2013 rappresenta un record assoluto …

In evidenza
1

‘LuxLeaks’, Juncker l’anatra zoppa della UE

È subito diventato un caso politico europeo la conclusione dell’inchiesta internazionale denominata ‘LuxLeaks’ (fuga di notizie sul Lussemburgo) che mette sotto accusa il Granducato per pratiche fiscali a favore di 340 società multinazionali, tra cui 31 italiane. Due i motivi. Il primo riguarda il particolare momento economico: l’ampiezza dell’evasione fiscale e la condotta di alcuni Stati tra cui il Lussemburgo stridono con la condizione dei cittadini e delle imprese “normali” sottoposte …

In evidenza
0

Italia promossa. Via libera alle correzioni sul Def

Arriva dalla Ue il via libera alla legge di stabilità per Italia, Francia, Austria, Slovenia e Malta, cioè i cinque stati considerati a rischio di “seria violazione” delle regole e ai quali la Commissione ha inviato la settimana scorsa lettere di avvertimento. E’ quanto fa sapere la Commissione Ue. Bruxelles si riserva il giudizio più approfondito a novembre, quando valuterà anche eventuali “mancanze o rischi”.
Nel frattempo è in corso la riunione del Consiglio dei ministri per approvare …