Palazzo Madama

In evidenza
1

Troppe due camere. Ma quale tagliare?

Il problema è di metodo, oltre che di merito. Che la strada da intraprendere sia quella di abolire il bicameralismo non ci sono dubbi, è opinione condivisa dalla classe politica come dell’opinione pubblica. Ma, il senatore socialista Buemi lancia una provocazione sul come e sul perché si debba fare: «Il ddl costituzionale che abbiamo presentato oggi, in Senato, prevede la soppressione della Camera bassa del Parlamento in risposta a chi contesta il ‘bicameralismo perfetto’. Abolendo la Camera …

Approfondimento
0

“Pianisti” al Senato, Buemi (Psi): «Grillino attento. Qualcuno può esercitare la diffamazione anche contro di te»

«Come insegna anche la vicenda Malan, c’è qualcuno che esercita la diffamazione come arte o professione, forse per vocazione oppure per interesse». Il mònito giunge dal neosenatore del Psi Enrico Buemi che ieri è voluto intervenire sulla bagarre tra i senatori M5S e il senatore Pdl, Lucio Malan, accusato di essere un “pianista” (espressione utilizzata per indicare quei casi di parlamentari che votano non solo per sé, ma anche per i colleghi, ndr). Buemi, oltre alla solidarietà espressa al…

Economia
0

“Solo lavoro”: il Psi lancia una giornata di mobilitazione e tre proposte di legge

Non solo le aule parlamentari, ma anche le piazze. Stamane alla Camera dei Deputati il Psi presenterà l’iniziativa dall’inequivocabile titolo “Solo lavoro!” che si svolgerà sabato 8 giugno, e che rappresenterà una giornata di mobilitazione nazionale per scuotere le coscienze e raccogliere firme a sostegno di tre proposte di legge sul tema presentate dal Psi e che intendono promuovere l’occupazione e riconoscere le tutele dovute ai lavoratori. Le proposte del Psi sono state inoltre presentate…

In primo piano
3

LAURA BOLDRINI PRESIDENTE DELLA CAMERA E PIETRO GRASSO DEL SENATO. STRADA SPIANATA PER UN “GOVERNO DI CAMBIAMENTO”

Dopo la giornata convulsa di venerdì, il neo Parlamento ha finalmente i suoi due presidenti: dopo l’elezione di Laura Boldrini a Montecitorio, conclusasi nel corso della mattinata, nel tardo pomeriggio anche Palazzo Madama ha scelto il suo presidente. É Pietro Grasso, ex procuratore anti-mafia e indicato da Pier Luigi Bersani. Su 313 senatori presenti e votanti, dopo il ballottaggio con il presidente uscente, Renato Schifani, Grasso ha avuto la meglio con 137 voti, mentre le schede bianche…

In evidenza
1

Elezioni 2013, il giorno dopo: gli scenari possibili a Palazzo Madama

Se nel 2006, Romano Prodi riuscì ad ottenere la maggioranza in Senato, seppur di un soffio, in questa tornata elettorale, a Palazza Madama Pier Luigi Bersani possiede una maggioranza relativa, e il centrodestra avrà addirittura 3 seggi in più. La coalizione del centrosinistra ha infatti ottenuto il 31,63% delle preferenze e 113 seggi, quella di centrodestra invece si è attestata al 30,72% dei voti e 116 seggi. Il Movimento5Stelle si è aggiudicato una percentuale pari al 23,79 e 54 seggi…

In evidenza
1

Carroccio: nel mirino della Procura benefit, affitti pagati e stipendi extra ai leghisti del Senato

A poche settimane dall’importante tornata elettorale, che vede candidato alla Regione Lombardia il segretario federale Roberto Maroni, calano nuove e pesanti ombre sul Carroccio. Questa volta a essere sotto la lente della Procura di Roma è la dubbia gestione di 3 milioni di euro, erogati dal Senato al gruppo, da parte dei leghisti a Palazzo Madama, per spese “allegre”, quali benefit, affitti pagati ed extra stipendi. A fornire una dettagliata documentazione è stata Manuela Maria…

Approfondimento
0

Spending review: via libera del Senato al dl e il Governo incassa la fiducia

L’Aula di Palazzo Madama ha approvato in queste ore il decreto legge sulla spending review sul quale il governo aveva posto il voto di fiducia. I voti favorevoli sono stati 217, i contrari 40, i votanti 261: sul provvedimento di revisione della spesa pubblica si sono confermati favorevoli Pdl, Pd, Udc e Terzo Polo e contrari Lega ed Idv anche se sono aumentati – all’interno del Partito delle libertà – coloro che hanno annunciato il voto contrario o l’astensione. Il gruppo parlamentare…

Politica
1

Vizzini (Psi), sull’emendamento per il Senato Federale Pdl e Lega fanno le prove per una nuova intesa

Il Senato approva, le riforme si bloccano. Palazzo Madama ha approvato il punto 2 delle riforme costituzionali che riscrive l’articolo 57 della Costituzione. Secondo il testo approvato saranno 250 i senatori che siederanno sugli scranni di Palazzo Madama ai quali si aggiungeranno 21 rappresentanti regionali. In Aula al Senato passa anche, a maggioranza semplice e con uno scarto di soli 12 voti (153 sì, 136 no e 5 astenuti che valgono come voti contrari) l’emendamento della Lega che introduce…

Approfondimento
2

Il Senato voto sì all’arresto di Lusi. L’ex tesoriere: «A gennaio avrei scommesso che sarebbe finita diversamente»

Il senatore Luigi Lusi lascia Palazzo Madama attraverso l’uscita secondaria, senza professare parola né cedere ad alcuna dichiarazione ai giornalisti. Mentre la folla di giornalisti, fotografi e curiosi accerchiavano la macchina dell’ex tesoriere della Margherita, l’unico a parlare ieri è stato il suo avvocato, Luca Petrucci: «Adesso andiamo a Genzano ed attendiamo l’ordine di esecuzione. Così come il nostro assistito ha sempre affermato, siamo pronti a dare immediatamente esecuzione alla…

Esteri
0

Caso Lusi, dopo il sì all’arresto della giunta del Senato ora tocca all’Aula

La Giunta per le immunità del Senato ha votato a favore della richiesta di arresto del senatore Luigi Lusi, avanzata dalla procura di Roma. Sono 13 i senatori che hanno votato per l’arresto dell’ex tesoriere della Margherita, 4 i contrari e 2 che non hanno partecipato. La decisione finale ora spetta all’aula di Palazzo Madama. La Giunta, con 13 voti, ha bocciato la mozione avanzata del relatore Giuseppe Saro, del Pdl, che proponeva di non concedere l’autorizzazione. «C’è stata una larga…