Parlamento europeo

Approfondimento
0

Europa, il PD si spacca
sull’aborto sicuro

L’aborto sicuro non è un diritto. Questo quanto ha decretato martedì scorso, nel quasi totale silenzio dei media (siamo tutti europeisti ma quanto avviene a Strasburgo resta per lo più un mistero), la plenaria del Parlamento europeo, bocciando per sette voti la risoluzione sulla salute e i diritti sessuali e riproduttivi, presentata dalla socialista portoghese Edite Estrela, in cui si chiedevano tra l’altro “servizi di qualità per l’aborto legali, sicuri e accessibili a tutti…

In evidenza
0

Non finisce col Porcellum

Dopo il Porcellum, l’Europa. Uno degli avvocati che hanno impugnato la legge elettorale davanti alla Consulta ora guarda alla Corte Europea di Giustizia. E’ il socialista Carlo Felice Besostri. Insieme a lui anche Giuseppe Sarno ed Emilio Zecca. I tre hanno, infatti, presentato un ricorso, sia a Napoli che a Milano, contro lo sbarramento al 4 per centro imposto dall’attuale legge elettorale per le europee. Una partita tutta ancora da giocare, dunque. Sul fronte “interno”, invece, la decisione…

In evidenza
0

Schulz: Sto con Letta e Napolitano

Folla di giovani con Martin Schulz, ospite della Fondazione Zaninoni a Bergamo.Dal nostro inviato – Si è parlato di Europa del XXI secolo. Una sfida, un progetto, una possibilità necessaria. Organizzato dalla fondazione Zaninoni e presieduto dalla deputata socialista Pia Locatelli, l’incontro pubblico, tenutosi a Bergamo ha visto la partecipazione del presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz che ha affrontato i nodi relativi al futuro del Vecchio Continente e alle problematiche che…

Società
3

Sigarette elettroniche, l’Europa lascia libertà

Washington, 14 – Se non puoi batterli, unisciti a loro. È più o meno questa la nuova linea delle multinazionali del tabacco, Philip Morris in prima fila, nei confronti delle sigarette elettroniche. A due giorni dalla votazione sulle norme per la regolamentazione del tabacco al Parlamento Europeo, infatti, la Fitch Rating rende noto l’interesse delle grandi compagnie produttrici di sigarette nell’acquisto di quote di partecipazione delle aziende di “e-cigarettes”.

Dopo un’iniziale lotta …

Approfondimento
2

Pes: Approvato il programma per le europee. Nencini: «La nostra casa è il Pes e il candidato Schulz. Pd e Sel facciano la loro scelta»

Proposte concrete, approvazione del programma fondamentale del Partito socialista europeo (Pes), definizione degli obiettivi e delle strategie, e avvio alla fase preparatoria in vista delle prossime elezioni europee, previste per il 2014. Questi i temi discussi e le iniziative assunte durante il Consiglio generale del Pes – tenutosi sabato a Sofia – all’insegna del motto “Costruire un futuro più giusto per l’Europa”. Tra le proposte concrete vi sono state lo sviluppo di una politica…

Politica
0

Youth Guarantee: ecco come favorire l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro

A fine 2012, i disoccupati in Europa erano quasi 19 milioni, con la perdita di un ulteriore milione e ottocentomila posti di lavoro nel corso dell’ultimo anno. Ciò che preoccupa è che a febbraio 2013, il tasso di disoccupazione giovanile nell’Unione Europea ha raggiunto il 23,5%. Circa 5,7 milioni di giovani sotto i 25 anni sono disoccupati, 196.000 in più rispetto all’anno scorso. Nel tentativo di affrontare l’incremento della crisi occupazionale dei giovani, la Commissione Europea con…

Politica
0

Nencini al Parlamento EU: ho la coscienza apposto

La rete Internet è, senza dubbio, un formidabile strumento che apre grandi possibilità e favorisce trasparenza e democrazia. Allo stesso tempo, però, si tratta di uno mezzo che nasconde insidie profonde e che può trasformarsi in un veicolo di manipolazione senza precedenti. Un esempio illuminante in questo senso riguarda il caso delle contestazioni che il Parlamento Europeo ha sollevato al Segretario del Psi, Riccardo Nencini, riguardanti il periodo della sua attività di parlamentare europeo

In evidenza
1

Draghi: ancora debole l’economia nei primi mesi del 2013

Intervenuto in un’audizione al Parlamento Europeo, il governatore della Banca Centrale Europea, Mario Draghi, ha confermato che l’economia dell’Eurozona si è contratta negli ultimi tre trimestri, soprattutto a causa della flessione di consumi ed investimenti, che sono stati limitati in vista di aggiustamenti nei bilanci pubblici e privati. In altre parole, la paura di nuove imposte, necessarie a ridurre l’indebitamento sovrano, di fatto ha disincentivato i consumi e gli investimenti…