Pensioni d’oro

In evidenza

Pensioni. Incostituzionale il blocco della rivalutazione

Era facile prevederlo perché la Consulta aveva già avvertito, ma nonostante ciò il Governo Monti decise lo stesso di bloccare la rivalutazione delle pensioni oltre tre volte il minimo. Uno stop che oggi è stato sanzionato perché incostituzionale e che obbligherà il Governo a una dolorosa operazione di correzione dei conti pubblici per un valore stimato attorno ai cinque miliardi di euro. Insomma, se davvero c’era un ‘tesoretto’, (ma chi ci crede?) è bello che consumato.

La Corte …

In evidenza

Buco nei conti dell’INPS. E Mastrapasqua se n’è andato

Alcuni organi di stampa hanno lanciato un forte grido di allarme sullo stato della previdenza. “L’INPS perderà 12 miliardi nel 2014” scrive il Sole 24Ore. Oppure “INPS, patrimonio azzerato in 4 anni per il 2014 un buco di 5 miliardi” titola Repubblica.

Viene fatto di pensare a cosa succederà ora che non c’è più Mastrapasqua a garantirci che ogni mese arriverà la nostra pensione. Questa è sicuramente un’affermazione maligna e provocatoria che non intende però, occultare il dato allarmante …

Approfondimento

‘Pensioni d’oro’, la Camera
si adegua alla Consulta

ul tema delle cosiddette ‘pensioni d’oro’ la demagogia questa volta non l’ha spuntata, o almeno non fino in fondo anche perché si sa che le mozioni, nella stragrande maggioranza dei casi, servono solo a tacitare le coscienze, ma non portano a risultati concreti; insomma chiacchiere in libertà.

Delle 7 mozioni in discussione ieri (che si rifanno a 6 proposte di legge) alla fine la Camera ne ha approvata una, quella della maggioranza, che, tenendo conto di quanto deciso dalla finanziaria …

Blog

‘Pensioni d’oro’, soffia forte
il vento della demagogia

La demagogia che soffia a intermittenza, ormai da due decenni, sul nostro Paese, troverà un culmine da domani a Montecitorio con la discussione delle mozioni, sette, sulle cosiddette ‘pensioni d’oro’. La ‘colpa’ di queste pensioni, fatta salva l’eccezionalità di quelle che vengono erogate in presenza di contributi versati non proporzionali a quanto poi liquidato, è di superare la soglia di circa 90 mila euro lordi l’anno.

A questi ‘fortunati’, che poi sono generalmente persone colpevoli …