”Lasciatemi morire”, l’appello di Fabo a Mattarella

faboTorna in discussione la questione sul fine vita e il testamento biologico. A dieci anni dalla morte di Piergiorgio Welby, un altro appello viene rivolto al Presidente della Repubblica per chiedere un intervento sulle scelte di fine vita, affinché si arrivi finalmente a una legge.
Si tratta di Fabiano Antoniani, per gli amici Fabo, ex dj, che a 39 anni è ormai cieco e tetraplegico e che desidera ora di porre fine a una vita che non ha scelto, “immobilizzato in una lunga notte senza fine” in seguito ad un grave incidente stradale. Dopo anni di terapie senza esito, Fabo ha maturato la precisa consapevolezza di voler porre fine a una quotidianità che non chiama più vita, ma per farlo ha bisogno di aiuto.
Per questo motivo Fabo si è rivolto all’Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica che si batte per le libertà civili dall’inizio alla fine della vita, che già aiutò il proprio Presidente Piergiorgio Welby a ottenere aiuto medico a morire nel rispetto della Costituzione, e che nel 2013 ha depositato in Parlamento la proposta di legge Eutanasia Legale.
“Signor Presidente della Repubblica, vorrei poter scegliere di morire, senza soffrire. Ma ho scoperto di aver bisogno di aiuto”. Fabiano Antoniani si rivolge a Sergio Mattarella con un video. Due minuti in cui — attraverso la voce della sua fidanzata Valeria perché lui fa molta fatica a parlare — riassume la propria storia e chiede al capo dello Stato di intervenire perché si sblocchi la proposta di legge per legalizzare l’eutanasia. Perché da due anni è cieco e tetraplegico: “Il 13 giugno 2014 sono diventato cieco e tetraplegico a causa di un incidente in macchina. Non ho perso subito la speranza però. In questi anni ho provato a curarmi, anche sperimentando nuove terapie. Purtroppo senza risultati. Da allora mi sento in gabbia. Non sono depresso, ma non vedo più e non mi muovo più”. E la voce della fidanzata Valeria: “Signor Presidente, sappiamo che non spetta a lei approvare le leggi. Le chiediamo però di intervenire affinché una decisione sia presa. Per lasciare ciascuno libero di scegliere fino alla fine”.
Il prossimo 30 gennaio la Camera discuterà il testo di legge sul testamento biologico. Dopo oltre 3 anni dal deposito della proposta di legge di iniziativa popolare Eutanasia Legale da parte dell’Associazione Luca Coscioni. “Questo rappresenta un passo fondamentale verso l’obiettivo per cui l’Associazione si batte: il riconoscimento del diritto di scegliere come e quando terminare la propria vita e interrompere la propria sofferenza”, spiega la Segretaria dell’Associazione Luca Coscioni, Filomena Gallo. Un diritto per il quale il 77% degli Italiani ritiene opportuno un intervento del Parlamento, con una legge che regolamenti la scelta di fine vita, anche per chi si trova in grado di intendere e di volere, comunica l’Associazione.

Intergruppo parlamentare
per eutanasia e fine vita

Eutanasia

A 2 anni dalla presentazione della legge popolare depositata dall’Associazione Luca Coscioni, nasce l’Intergruppo parlamentare per l’eutanasia legale e il testamento biologico. La prima riunione è in programma mercoledì 16 settembre.

“Ci siamo rivolti ai parlamentari, con l’aiuto della sottosegretaria Ilaria Borletti Buitoni e delle onorevoli Pia Locatelli e Marisa Nicchi, per invitarli a partecipare alla costituzione di un Intergruppo parlamentare – spiegano Marco Cappato, Filomena Gallo e Mina Welby – per sollecitare una discussione in Parlamento”.

Alla Camera, oltre alla proposta di legge popolare, sono depositate altre Pdl, sul fine vita e sul testamento biologico, tra cui quella presentata da Pia Locatelli a inizio legislatura.

Alla riunione, che si terrà in Sala Salvadori alla Camera dei Deputati, hanno già aderito e preannunciato la propria partecipazione decine di parlamentari di ogni schieramento politico.


Un insopportabile ritardo
di Pia Locatelli

Il ritardo del nostro Parlamento rispetto ai diritti è noto. Spesso, troppo spesso, siamo stati chiamati a legiferare solo in seguito a interventi esterni: la Corte europea che ancor oggi ci sollecita una legge sui matrimoni omosessuali; o le sentenze della magistratura, come è avvenuto per il progressivo smantellamento della legge sulla procreazione assistita; o la realtà dei fatti, come è stato per l’approvazione del divorzio breve. Tra i grandi diritti violati quello su cui incombe il più assoluto silenzio, al punto che fino ad oggi nessuna delle proposte di legge presentate, in questa o in altre legislature, è mai stata calendarizzata, è quello della possibilità di scegliere come finire la propria vita. Tema delicatissimo che va dal testamento biologico all’eutanasia, attiva e passiva, sul quale ancora una volta il vuoto normativo rischia di essere colmato dai fatti.

Non dobbiamo dimenticare che mentre in gran parte d’Europa è prevista una normativa che permette ai malati terminali di avere una morte dignitosa, noi non riusciamo nemmeno ad approvare una legge sul testamento biologico, così che chi non è più in grado di esprimere la propria volontà, finisce per sottostare a ciò che è ritenuto opportuno dal medico curante o da altri, senza che quanto abbia espresso quando era cosciente sia vincolante per gli operatori sanitari e per i familiari.

Tutti noi ricordiamo i casi di Piergiorgio Welby e di Eluana Englaro, ma ignoriamo gli altri innumerevoli casi quotidiani, lasciati alla pietà dei medici o alle decisioni dei familiari, che sono lì a dirci che di fatto un’eutanasia silente, non dichiarata, in parte già esiste.

E’ di oggi la notizia che l’ospedale di Trento dà ai pazienti la possibilità di indicare ai medici se, in caso di un precipitare delle loro condizioni, vogliono o meno dare il consenso a trattamenti come l’alimentazione forzata o la ventilazione artificiale. Non è certo un testamento biologico giuridicamente valido, ma comunque qualcosa che gli si avvicina molto.

La prima proposta di legge che ho presentato all’inizio di questa legislatura riguarda proprio il fine vita, il diritto all’identità e al rispetto dei propri principi. Ognuno di noi può scegliere se e come curarsi ed è assurdo che questo diritto venga meno quando non si è più capaci di intendere. La pdl in sintesi prevede che chi abbia espresso la propria volontà in materia di cure sanitarie in forma scritta, con data certa e firma autenticata da due testimoni, la veda rispettata anche quando non sarà più in grado di confermarla.

Anche questa proposta non è mai stata calendarizzata. Per questo ho raccolto prontamente le sollecitazioni dell’Associazione Luca Coscioni a costituire un intergruppo parlamentare per arrivare a discutere di una legge sul fine vita. L’idea, lanciata prima dell’estate, ha trovato immediato riscontro tra numerosi parlamentari di diversi schieramenti, e ci auguriamo di riuscire ad arrivare in tempi brevi a predisporre un testo base e a far sì che venga discusso. Siamo consapevoli che su un tema così delicato non potrà esserci una convergenza di tutti: il nostro primo obiettivo è quello di costruire una proposta largamente condivisa, ma ben vengano anche proposte diverse. L’importante è che se ne discuta e che si legiferi. Non costringiamo i nostri cittadini e le nostre cittadine, come già sta avvenendo – e come è avvenuto per altri diritti -, a dover andare all’estero per avere una morte dignitosa.

Pia Locatelli

Eutanasia (e non solo) a Congresso
L’annuncio di Marco Cappato sulla nascita dell’Intergruppo parlamentare