Podemos

Approfondimento
Di

Spagna, ‘Podemos’ diventa partito e supera il PSOE

‘Podemos’, il movimento nato tra le file degli ‘indignados’ spagnoli, diventa un partito: la proposta avanzata in questa direzione dal leader, Pablo Iglesias, ha ricevuto oltre l’80% delle adesioni nella votazione a cui hanno partecipato 112.000 dei 250.000 iscritti.
La piattaforma (online) organizzativa e politica del futuro partito prevede l’indicazione di un segretario generale unico, incarico al quale concorrerà ovviamente lo stesso Iglesias, e la partecipazione al prossime elezioni amministrative e politiche spagnole.
Una proposta che segue di poche ore la pubblicazione di un sondaggio dell’Istituto Sigma Dos per la televisione privata Telecinco, dove dai dati più si apprende che Podemos, avrebbe oggi il 24,1% dei consensi, davanti al Partito Socialista con il 23,7%.
Il consenso nei confronti del Partito Popolare, alla guida del governo oggi in Spagna, nonostante non passi settimana senza uno scandalo, resta alto, al 28,3%

Esteri
Di

‘Podemos’ terzo partito,
aspettando l’effetto Sanchez

Da un sondaggio condotto dal Cis, il Centro di Ricerche Sociologiche, emerge che Podemos formazione politica, nata soltanto nello scorso gennaio, è oggi già diventata il terzo partito in Spagna. Alle europee si era piazzata invece in quarta posizione, dietro a partiti tradizionali come Partito Popolare, Partito Socialista e Izquierda Unida.
Se si votasse in oggi, ‘Podemos’ vedrebbe quasi raddoppiare i consensi raccolti solo due mesi fa, balzando al 15,8 per cento. Il Partito Popolare arriverebbe al 30 per cento, mentre il Psoe raggiungerebbe il 21,2: entrambi i grandi partiti comunque perderebbero ancora qualcosa rispetto alle europee, il primo quasi il 2 per cento e il secondo addirittura oltre il 5 per cento mentre Izquierda Unida scenderebbe al quarto posto con l’8,2 per cento.

Blog
Di

Spagna, il PSOE di Rubalcaba al bivio dopo le europee

Che fine avevano fatto gli “Indignados”, quel movimento di protesta nato contro le politiche di austerity e contro il neoliberismo, che era costato caro al governo Zapatero, e sta costando ancor di più all’esecutivo popolare di Rajoy, lo abbiamo scoperto quando sono arrivati i risultati delle elezioni Europee. Gli Indignati, e non solo, riuniti poco più di 3 mesi fa sotto la sigla di “Podemos” (Possiamo) hanno trovato in Pablo Iglesias, omonimo del fondatore del PSOE, il loro leader che li ha…

1 6 7 8