presidente

In evidenza
0

Quirinale, verso il voto con lo spettro dei 101

Oramai ci siamo. Dopo giorni di nomi e di ipotesi più o meno possibili, la partita del Quirinale sta per arrivare in Aula. Il 29 gennaio il Parlamento in seduta comune comincerà a riunirsi per le votazioni. E se questa volta fosse una donna? Matteo Renzi lascia intendere che il Colle in rosa non gli dispiacerebbe. Ma nomi non ne fa. Il presidente del Consiglio, all’avvicinarsi delle votazioni per il successore di Giorgio Napolitano, intensifica l’attività diplomatica dentro e fuori il suo …

In evidenza
0

Abenomics, la scommessa continua

Una bassa l’affluenza alle urne – ha votato poco più del 52% degli aventi diritto – sette punti in meno rispetto alle elezioni del 2012, record negativo dal secondo dopoguerra a oggi. E una vittoria, piuttosto scontata del primo ministro Shinzo Abe, leader del Partito liberal-democratico (Pld), vittoria accolta non positivamente dai mercati finanziari: l’indice Nikkei 225, il principale listino azionario nipponico ha infatti chiuso in rosso dell’1.57%, scontando le perdite registrate venerdì….

In primo piano
0

ADDIO PRESIDENTE

«Mio padre è in pace e tutta la famiglia non si augura altro che il passaggio a miglior vita sia tranquillo» aveva detto la figlia maggiore di Nelson Mandela, Makawize. In pace, come chi sa di aver compiuto la sua missione nella vita, di aver chiuso il cerchio. Senza dubbio, il volto di Nelson Mandela incarna l’essenza stessa di un’epoca, di quel “secolo breve” così ricco e denso di eventi come lo è stata l’esperienza dell’ex presidente africano. Un’icona. Passò 27 anni in carcere, ma non si…

Esteri
0

Praga al voto sotto il segno dell’Europa

Quella che si terrà venerdì e sabato prossimi è una elezione anticipata a causa della caduta del Governo di centrodestra avvenuta qualche mese orsono. Taccio sulle cause perché altrimenti verrebbe da argomentare che tutto il mondo è Paese e si perderebbe invece il senso e l’importanza di un voto che arriva dopo 24 anni dalla caduta del regime.
Già il regime. Ma chi si aspetta soltanto conati di vomito anti-comunista si sbaglia di grosso. Infatti i Cechi nella loro razionalità, che …

Società
3

La lezione di Saragat, attuale oggi come venticinque anni fa

L’11 giugno 1988 veniva a mancare uno dei grandi padri della Repubblica, Giuseppe Saragat. A 25 anni dalla scomparsa dello statista, ritengo opportuno ricordarlo, anche perché, a fronte degli ormai frequenti esempi di cattiva politica, c’è bisogno di richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica e, soprattutto, dei giovani verso personaggi che si sono contraddistinti per integrità morale e per straordinario spessore. Saragat fu coerentemente socialista democratico e da questa impostazione…

In primo piano
0

M5S: IL CAPO COMICO NON RIDE ALLE CRITICHE DI RODOTA’ E SCARICA IL SUO EX CANDIDATO PRESIDENTE

Tanti auguri e arrivederci. Beppe Grillo, dismessi da tempo i panni del comico con essi ha appeso al chiodo anche quel briciolo di ironia e autoironia che lo contraddistingueva. E alle parole dure come pietre del suo ex candidato alla presidenza della Repubblica lo scarica. Stefano Rodotà aveva commentato la disfatta grillina alle recenti amministrative affermando che “gli slogan non bastano più”. Ma Grillo, forse cogliendo la pericolosità del giudizio critico verso la sua linea politica…

In primo piano
3

NAPOLITANO DICE SI’ AL BIS: NENCINI, E’ LA VIA MAESTRA, LA STESSA CHE GLI PROPONEMMO DUE MESI FA

“La via maestra e’ la conferma del mandato di Giorgio Napolitano; quella di riserva e’ la ricerca di un nome condiviso, esattamente il contrario di quanto e’ stato fatto finora, bruciando prima Franco Marini e poi Romano Prodi”. Così il segretario del Psi Riccardo Nencini in una conferenza stampa con i sei parlamentari eletti per il Psi nelle liste del Pd propone per primo un Napolitano-bis come la ricetta giusta per uscire dall’impasse di queste ore, dopo l’ennesima fumata nera per…

Esteri
1

Venezuela: il delfino di Chavéz, Maduro, è presidente di un paese diviso

Nicolás Maduro, ex autista di autobus ed ex ministro degli esteri sotto la presidenza di Hugo Chávez, è il nuovo presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela. Era stato lo stesso Chávez ad indicarlo come suo successore poco prima di morire lo scorso 5 marzo. Ma, a differenza del suo predecessore, Maduro ha vinto di misura: solo il 50,66 per cento dei voti contro il 49,07 per cento di Henrique Capriles. Dopo la scomparsa dal “Comandante “Chávez”, dunque, per il Venezuela si apre un…

Economia
0

Quirinarie: Grillo ringrazia e si ritira dalla corsa, non potrebbe comunque perché “condannato”

Da dieci candidati, ne restano nove. Beppe Grillo ha deciso infatti di ritirarsi dalla corsa per il Quirinale. «Ho deciso di non partecipare alla votazione finale e ringrazio per la stima tutti coloro che hanno fatto il mio nome» ha reso noto Beppe Grillo sul suo blog. Del resto il leader del MoVimento5Stelle non si era candidato nemmeno per un posto in parlamento. Ai sensi del non-statuto, la condanna per omicidio colposo non gli consente di partecipare. Nel frattempo dalle undici di stamane…