Lo spagnolo di Rick Scott e le sue teorie sull’immigrazione

Florida Governor Rick Scott listens during a meeting with law enforcement, mental health, and education officials about how to prevent future tragedies in the wake of last week's mass shooting at Marjory Stoneman Douglas High School, at the Capitol in Tallahassee, Florida, U.S., February 20, 2018. REUTERS/Colin Hackley - RC193DF3FE40

Florida Governor Rick Scott REUTERS/Colin Hackley – RC193DF3FE40

“Questo è un paese in cui si parla inglese, non spagnolo”. Donald Trump ammonì con queste parole Jeb Bush e Marco Rubio, due dei suoi rivali nelle primarie repubblicane del 2015, che stavano conducendo una campagna in due lingue. Trump sconfisse entrambi e alla fine è stato eletto presidente.
Rick Scott, governatore della Florida, un alleato di Trump, non è d’accordo. Ha usato la sua limitata conoscenza dello spagnolo per corteggiare gli elettori latinos mentre faceva la campagna per governatore e continua a farlo mentre cerca di spodestare Bob Nelson dal suo seggio al Senato degli Stati Uniti.
Usare la lingua spagnola per ottenere un vantaggio rispetto ai concorrenti politici non è atipico. Persino alcuni democratici lo fanno anche se tradizionalmente sono preferiti dagli elettori latinos. Nell’elezione del 2016, il candidato alla vicepresidenza Tim Kaine si è servito dello spagnolo, ma con scarso successo. George W. Bush, invece, nelle elezioni presidenziali del 2000 e del 2004, usò la sua limitata conoscenza dello spagnolo con risultati molto positivi. Bush vinse circa il 40% del voto latino, ottimo risultato per un repubblicano e molto meglio del 28% di Donald Trump nel 2016 e il 27% di Mitt Romney nel 2012.
Corteggiare gli elettori latinos usando la lingua spagnola non si traduce necessariamente in successo alle urne. Ciononostante, Scott è intelligente nel fare il tentativo, poiché gli elettori latinos lo vedono con occhi favorevoli. La lingua può essere utile al livello emotivo in politica come in qualsiasi situazione. Esattamente come il paziente si sente un po’ meglio dopo aver sentito il medico dire un semplice “buenos días”, gli elettori apprezzano il fatto che un politico comunichi nella loro lingua. Tuttavia, dato che la maggior parte degli elettori latinos capisce l’inglese, l’uso dello spagnolo non significa necessariamente comunicare idee sostanziali, ma piuttosto raggiungerli al livello emotivo. Anche gli elettori latinos che non conoscono molto bene lo spagnolo lo apprezzano poiché alcuni dei loro amici o familiari potrebbero non essere completamente fluenti in inglese. Quando Scott lotta con lo spagnolo, si identifica con chiunque abbia difficoltà a imparare l’inglese o in altri aspetti della vita.
Tuttavia, usare lo spagnolo vuoto di idee e politiche sostanziali vantaggiose per gli elettori latinos può facilmente divenire ruffianeria. Scott sembra essere sinceramente interessato agli elettori latinos come dimostrano alcune sue recenti opinioni moderate sull’immigrazione. Favorisce, ad esempio, un disegno di legge che darebbe un iter alla cittadinanza ai beneficiari del DACA, individui portati negli Stati Uniti come minori. Si è dichiarato anche contrario alla politica di separazione dei bambini al confine, etichettandola di “orribile”, dichiarando anche che la Florida è uno “stato di immigrazione”, come si può vedere dalla moltitudine di lingue parlate nel Sunshine State.
Inoltre, Scott ha compiuto sforzi per aiutare i portoricani che si sono trasferiti in Florida dopo che l’uragano Maria ha colpito l’isola nel 2017. A differenza dell’amministrazione Trump, che ha fatto ben poco per fornire assistenza, Scott ha visitato Puerto Rico diverse volte e ha fatto sforzi per accogliere le vittime, rendendo più facile il loro trasferimento in Florida. I sondaggi sembrano confermare i suoi sforzi. Il 70% dei portoricani in Florida ha una visione negativa di Trump mentre il 76% vede Scott favorevolmente, cifra più alta di quella del senatore Nelson, il suo avversario democratico a novembre. La corsa al Senato è serrata e la posizione moderata di Scott sull’immigrazione e il suo corteggiamento dei latinos in Florida, incluso il suo uso dello spagnolo, potrebbero diventare indispensabili.
L’uso dello spagnolo da parte di Scott e le sue opinioni sull’immigrazione lo mettono in contrasto con la dura retorica di Donald Trump e le azioni sull’immigrazione e i latinos in particolare. Paradossalmente, Scott si identificava con queste posizioni non molto tempo fa. Quando era in corsa per il suo primo mandato da governatore nel 2010, infatti, era un forte sostenitore delle dure leggi sull’immigrazione simili a quelle approvate in quel periodo in Arizona, che avevano colpito duramente gli immigrati. Inoltre, si è opposto agli sforzi per ampliare il Medicaid, un programma a beneficio dei poveri, che naturalmente include molti latinos.
Il “nuovo” approccio di Scott verso i latinos e le opinioni moderate sull’immigrazione consistono dunque solamente di un espediente politico? Può darsi. Mentre conduce la campagna per il Senato degli Stati Uniti, Scott sta attaccando Nelson per essere debole sull’immigrazione, etichettando l’opposizione dei democratici come sostenitori delle frontiere aperte. Scott ripete il linguaggio e la retorica di Trump mentre cerca di fare appello a tutti i floridiani, e in particolare agli elettori del GOP.
Le elezioni in Florida sono spesso determinate da lievi margini e le nuove moderate posizioni di Scott sull’immigrazione e il suo uso dello spagnolo potrebbero aiutarlo a prevalere a novembre. Ciononostante, gli elettori latinos dovrebbero essere cauti, in particolare quando Scott incolpa Nelson per non aver fatto nulla per risolvere la questione dell’immigrazione a Washington. Bisogna ricordare che il GOP controlla ambedue le due camere legislative e la Casa Bianca. Quindi sono loro che non hanno fatto nulla per risolvere la situazione dell’immigrazione. Il voto per la sostituzione di un senatore democratico con uno repubblicano farà la differenza?
“Tutta la politica è locale”, dichiarò l’ex presidente della Camera Tip O’Neill, Jr., democratico del Massachusetts anni fa. È vero, ma l’appartenenza ad un partito fa molta differenza, in particolare al Senato di questi giorni dove un seggio o due potrebbero determinare la maggioranza della Camera alta, con ripercussioni significative che vanno ben oltre l’uso dello spagnolo e dell’immigrazione. Votare per i candidati dimenticando il partito a cui appartengono alla fine potrebbe rivelarsi imprudente.

Domenico Maceri
PhD, è professore emerito all’Allan Hancock College, Santa Maria, California. Alcuni dei suoi articoli hanno vinto premi della National Association of Hispanic Publications.