ricorso

In evidenza
Di

De Luca resta governatore (Consulta permettendo)

«Soddisfatto, onore ai giudici». Così il governatore della Campania, Vincenzo De Luca sull’accoglimento – provvisorio – del suo ricorso da parte della prima sezione del Tribunale civile di Napoli, in attesa del pronunciamento della Consulta sulla costituzionalità della legge Severino, previsto per il prossimo ottobre. Secondo i giudici «non vi è ragione alcuna per trattare più severamente gli organi locali rispetto a quelli nazionali, essendo se mai necessario il contrario»……………

In evidenza
Di

Abolito finanziamento ai partiti. Pastorelli, dubbi di costituzionalità

Si fa dura l’azione a tenaglia contro i partiti politici. Dopo l’Italicum che mira a lasciare in piedi solo i principali 3 partiti, arriva il voto sul finanziamento pubblico. Il testo, approvato dal Consiglio dei ministri, prevede che, per poter accedere ai benefici previsti dal decreto, le forze politiche debbano dotarsi di uno statuto. Me il punto dolente riguarda proprio le modalità specifiche: per quello che riguarda le detrazioni fiscali e le erogazioni liberali, infatti, è richiesto ai …

Approfondimento
Di

Processo Mediaset: per la Consulta l’impedimento di Berlusconi non è legittimo

Illegittimo. Così la Corte Costituzionale ha definito l’impedimento opposto da Silvio Berlusconi, all’epoca dei fatti a capo del governo, per la partecipazione all’udienza del processo Mediaset del primo marzo 2010, in quanto impegnato a presiedere un Consiglio dei ministri non programmato. La Consulta ha dunque respinto il conflitto di attribuzione tra poteri, sollevato da Palazzo Chigi nei confronti del tribunale di Milano, ove si celebrava il procedimento, allora in fase di primo grado…

In primo piano
Di

LA CONSULTA: ONOREVOLE BERLUSCONI, L’IMPEDIMENTO E’ ILLEGITTIMO

Respinto. L’impedimento opposto da Berlusconi per la partecipazione all’udienza del processo Mediaset non è affatto “legittimo”. La Corte Costituzionale ha ritenuto non valido il conflitto di attribuzione tra poteri, sollevato da Palazzo Chigi nei confronti del tribunale di Milano, dove si celebrava il procedimento, che aveva portato alla condanna in primo grado e in appello a 4 anni di reclusione, di cui 3 coperti da indulto, e a 5 anni di interdizione dai pubblici uffici. Il processo Mediaset

In primo piano
Di

REGIONE LAZIO, IL CONSIGLIO DI STATO SOSPENDE LA SENTENZA DEL TAR. RINVIO AL 27 NOVEMBRE

Tra undici giorni, forse, si conoscerà la data in cui scegliere il governatore della Regione Lazio. Il termine per indire le elezioni regionali, da parte del presidente dimissionario Renata Polverini, era previsto per oggi. Ma in queste ore, invece, è giunta la sospensione – in via cautelare – della sentenza del Tar del Lazio che imponeva a Polverini di fissare la data. Il Consiglio di Stato ha infatti accolto, con decreto monocratico, il ricorso presentato ieri dal presidente del Lazio…