scelta civica

In evidenza
0

Omofobia, un passo avanti. Ma piccolo. Via libera della Camera con sì di Pd, Scelta civica e Psi

Alla fine anche la Camera ce l’ha fatta: con 228 voti a favore, 57 contrari e 108 astenuti è stata approvata una legge contro l’omofobia e la transfobia. Ci sono voluti tre giorni di discussione, oltre 72 ore di dibattito, rinvii, tentativi di mediazione, spaccature tra la maggioranza, alleanze trasversali immediatamente capovolte, con testi che cambiavano, si annacquavano, peggioravano, ma alla fine l’asse laica, complice anche il voto segreto, ha avuto la meglio. Certo non è una bella legge…

In primo piano
1

LA CAMERA SI FIDA DI LETTA: OGGI TOCCA AL SENATO

La Camera ha votato la fiducia al governo presieduto da Enrico Letta, con 453 si’ e 53 no. Gli astenuti sono stati 17. A favore della fiducia si sono dichiarati in aula i gruppi parlamentari di Pd, Pdl, Scelta civica e le componenti del Gruppo Misto Centro democratico, Psi e Movimento per gli Italiani all’Estero. La Lega ha preannunciato l’astensione. Mentre MoVimento Cinque Stelle, Sinistra Ecologia e Libertà e Fratelli di Italia hanno confermato il no, schierandosi all’opposizione. Il…

In primo piano
0

GOVERNO: NAPOLITANO CONVOCA BERSANI PER LE 17

Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha convocato per le 17 di oggi, al Palazzo del Quirinale, il leader del Pd Pierluigi Bersani. Ieri sera, al termine della due giorni di consultazioni per la formazione del nuovo governo, Napolitano aveva preannunciato per oggi la sua decisione: il presidente della Repubblica aveva spiegato di aver bisogno di «riordinare gli appunti e le idee per vedere quali decisioni prendere. Domani presenterà e motiverà le mie decisioni». Napolitano, non…

In evidenza
2

‘Con Monti per l’Italia’, la “scelta civica” del Professore: una lista alla Camera e tre al Senato

Sfondo bianco e un contorno blu. Scritta grigia ‘Scelta Civica’, un tricolore stilizzato e poi lo slogan ‘Con Monti per l’Italia’. Mario Monti ha fatto crescere la suspense prima di presentare il proprio simbolo elettorale arrivando all’Hotel Plaza con oltre mezz’ora di ritardo. Tempo, poi, recuperato da un intervento velocissimo, una breve concessione ai fotografi per alcune pose e un saluto che ha lasciato senza domande i giornalisti presenti in sala. Telegraficamente – come spesso non…