Missoni festeggia i 60 anni della maison con una “normalità” che sconcerta

Missoni-uomoTutto come se niente fosse, apparentemente: perfino la musica accoglie i 600 ospiti della sfilata Missoni, riservata – stavolta – soltanto a stampa e compratori. Intorno alla passerella nessuno che non sia strettamente addetto ai lavori della moda. Manca l’ampia famiglia Missoni, ed è la cosa che più colpisce, perché la famiglia qui non è mai mancata, unita sempre, solidale, dai nonni fondatori fino ai tanti nipoti. C’é Angela però, sorella di Vittorio e stilista della casa, ma è rimasta nel back stage a lavorare e ha preavvertito di voler essere lasciata sola con i suoi collaboratori. C’e molto rispetto, nessuno tenta di entrare dove non si può, tutti capiscono, del resto non è difficile. Lo staff e l’ufficio stampa all’ingresso mostrano, con uno stentato sorriso di saluto, che questa comunque non è una sfilata normale, anche se c’e’ un grande sforzo per non trasformarlo in un momento di lutto. Perché lutto non c’è, almeno non ancora. Tutta la famiglia rifiuta questa idea terribile e anche il comunicato di Angela parla di una ostinata ricerca che continua, che non si ferma, in quel lontano triangolo di Oceano Atlantico. Questa doveva essere la sfilata dei 60 anni della casa Missoni, anzi lo è, perché perfino la cartella stampa, che non è stata modificata, ricorda che è l’anno dell’anniversario. Continua a leggere

La maison “Max Mara” e il grande successo a Mosca per la collezione autunno-inverno 2012-2013

Grande successo per la presentazione della collezione autunno-inverno 2012-2013 di “Max&Co”: code all’ingresso e pubblico in piedi. La sfilata si è svolta a Mosca presso la “Krasny Oktyabr”, l’ex fabbrica di cioccolato che dallo scorso 12 settembre ospita “Exhibitaly – Eccellenze italiane d’oggi”, la kermesse dedicata alla promozione dei settori di punta del Made in Italy: dall’energia al design, dall’arredamento alla moda, oltreché turismo, innovazione tecnologica ed agroalimentare. La manifestazione durerà fino a gennaio 2013. Continua a leggere

“Tanto di cappello”, Arturo Brachetti re dei copricapi per Borsalino

Si fa fatica a immaginare Humphrey Bogart, Alain Delon e Jean Paul Belmondo senza il loro cappello, perche’ e’ l’accessorio che crea lo stile. Lo sa bene Arturo Brachetti, comico e trasformista, che con i travestimenti ci sa fare. Sara’ lui a inaugurare domani al Museo del Cappello Borsalino di Alessandria, il calendario di eventi dedicati al copricapo che nasce dal rapporto tra la città e Borsalino, fabbrica, ma anche icona di costume. E allora ‘Tanto di cappello!’, e’ il caso di dire, come il nome della rassegna di incontri, mostre, spettacoli e giochi in programma fino a maggio 2013. Continua a leggere

Alla Festa Socialista sfila la “bassaModa” di Nicoletta Fiori e Sasan Khanide

Durante la Festa Socialista che si è svolta a Perugia la settimana scorsa, ci sono stati non soltanto dibattiti sulla politica e sui problemi del nostro Paese. Ma ha dato spazio anche a eventi di svago: spettacoli serali di natura canora e una sfilata legata al sociale. In particolare, la suggestiva cornice del Parco dell’Arringatore di Pila, sabato sera ha ospitato la sfilata degli abiti creati dalla stilista Nicoletta Fiori e dal suo compagno Sasan Khanide. La loro linea d’abbigliamento si chiama “bassa MODA” proprio perché per scelta è tutto, tranne che “haute couture”. Dietro non vi sono i grandi negozi e i modelli vertiginosi dei grandi maestri di cucito, ma il talento e l’estro della stilista sono sicuramente di valore, così come i materiali utilizzati per la realizzazione del suo atelier. Tutto sta nell’esser conosciuti e nell’iniziare, ed è così che l’impegno profuso c’è, così come la voglia di far sfilare i propri abiti. «Non amiamo ciò viene imposto dalla tendenza del momento, ognuno dovrebbe indossare ciò che vuole. L’abito deve rappresentare lo stato d’animo», hanno dichiarato all’unisono i due stilisti che amano talmente l’arte creativa della moda da svolgerla non come primo lavoro, ma nel tempo libero. Anche se il risultato sembra qualcosa più di un semplice hobby.

Continua a leggere