Sondaggi elettorali

Esteri
Di

Podemos…
cambiare il PSOE

“Il cambiamento è possibile” non è solo lo slogan usato sabato a Madrid da decine di migliaia di persone durante lo straordinario corteo organizzato da Podemos, ma è quanto sta avvenendo nel PSOE alle spalle del segretario Pedro Sanchez.

Il sismografo posizionato fuori dalla sede centrale del Psoe in calle Ferraz deve aver registrato forti scosse, ma l’epicentro non era quello della centralissima Puerta del Sol dove Podemos nel suo primo vero comizio nazionale ha fatto tremare l’intera classe politica spagnola, ma in Andalusia dove la “onnipotente” Susana Diaz, segretaria regionale del partito e Presidenta della regione si sta muovendo in vista delle imminenti elezioni anticipate locali, ma soprattutto delle tanto posticipate primarie per scegliere il candidato o la candidata socialista alla presidenza del governo.

Esteri
Di

Spagna, urne con sorpresa
Per ora, la corsa è a tre

Inizio dell’anno in discesa per il primo ministro spagnolo Mariano Rajoy dopo un 2014 vissuto sull’orlo di una crisi di governo.
Secondo l’ultimo sondaggio realizzato da NC Report, se gli spagnoli votassero oggi il primo partito sarebbe ancora il Partido Popular, con un risultato però lontanissimo dal 44.6% di quattro anni fa, ma con un 28,6% che oggi lo colloca distante dal disastro elettorale pronosticato solo qualche mese fa durante gli scandali che avevano travolto ministri e leaders locali del PP.

Esteri
Di

‘Podemos’ terzo partito,
aspettando l’effetto Sanchez

Da un sondaggio condotto dal Cis, il Centro di Ricerche Sociologiche, emerge che Podemos formazione politica, nata soltanto nello scorso gennaio, è oggi già diventata il terzo partito in Spagna. Alle europee si era piazzata invece in quarta posizione, dietro a partiti tradizionali come Partito Popolare, Partito Socialista e Izquierda Unida.
Se si votasse in oggi, ‘Podemos’ vedrebbe quasi raddoppiare i consensi raccolti solo due mesi fa, balzando al 15,8 per cento. Il Partito Popolare arriverebbe al 30 per cento, mentre il Psoe raggiungerebbe il 21,2: entrambi i grandi partiti comunque perderebbero ancora qualcosa rispetto alle europee, il primo quasi il 2 per cento e il secondo addirittura oltre il 5 per cento mentre Izquierda Unida scenderebbe al quarto posto con l’8,2 per cento.

In evidenza
Di

Sondaggi. L’ipocrisia del silenzio elettorale

“Il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me”, è stato questo uno dei commenti di Fabrizio Rondolino ai post d’insulti e riprese in seguito alla sua pubblicazione su Facebook dei sondaggi elettorali venerdì in aperta violazione della legge che ne vieta la pubblicazione nei 15 giorni precedenti l’apertura dei seggi.
“Ecco i risultati dei sondaggi condotti negli ultimi quattro giorni da alcuni dei più importanti istituti di ricerca”, si legge nel post su Facebook di Rondolino …

In evidenza
Di

Sondaggi elettorali, a mezzanotte stop. Centrosinistra in vantaggio di 5-7 punti

Mancano poche ore al black out per la diffusione dei sondaggi elettorali: a partire dalla mezzanotte di oggi, infatti, e fino alla chiusura delle operazioni di voto del 25 febbraio, saranno proibite le rilevazioni di intenzione di voto degli italiani. Il dibattito, sempre più concentrato su tasse, lavoro e Imu, continuerà a colpi di presenze mediatiche e di “cinguettii” su Twitter, autentica novità di questa campagna elettorale. Secondo le recenti rilevazioni il distacco del centrosinistra…