Sud

In evidenza
0

Sud svantaggiato, ci rimette anche sul costo del lavoro

Assumere un lavoratore a tempo indeterminato, per un imprenditore, diventa più conveniente al Centro-Nord piuttosto che al Sud. E sì, è proprio così. E per la precisione tra il 2011 e il 2014 le modifiche dell’Irap hanno ridotto il costo del lavoro al Centro-Nord di 2.592 euro e al Sud di 2.263. Di Lello: “Il rapporto spazza via la vulgata demagogica e le balle leghiste di un Sud che non decolla perché non ha voglia di lavorare o perché c’è troppa criminalità”. Subito “misure strutturali”

In evidenza
0

Al Sud non si lavora e non si nasce più

Rapporto Svimez. Al Sud la popolazione continua a impoverirsi perché manca il lavoro. Tra le conseguenze c’è anche quella della denatalità. Nel 2013 al Sud i decessi hanno superato le nascite, confermando il trend già in atto dall’anno precedente. Un fenomeno così grave si era verificato solo nel 1867 e nel 1918 cioè alla fine di due guerre. In un articolo di Gianfranco Sabattini le cause del mancato sviluppo, dalla Programmazione di bilancio alla riforma del Titolo V della Costituzione …

In evidenza
0

Sud. La crisi nella crisi

Nella stagione delle Riforme non può mancare la questione del Mezzogiorno e di un meridione non solo da riformare, ma da cui ripartire, una discussione quella di “Riformare il Mezzogiorno” che ha radici lontane viene introdotta da Maria Grazia Cuocolo che ha fatto un quadro storico di quella crisi meridionale di cui si parla dagli anni’50 da quando si registrava un analfabetismo e una povertà a cui le istituzioni hanno cercato di dare delle risposte, soprattutto i socialisti. Da allora …

In evidenza
0

Mezzogiorno sempre più in affanno

Non sono belli per niente i numeri che escono dal rapporto Svimez sull’economia del Mezzogiorno 2014. Il Sud è indicato come “una terra a rischio desertificazione industriale e umana, dove si continua a emigrare, non fare figli e impoverirsi: in cinque anni le famiglie assolutamente povere sono aumentate di due volte e mezzo, da 443mila a 1 milione e 14mila nuclei”. Ne esce un paese “spaccato”, “diviso e diseguale dove il sud scivola sempre più nell’arretramento”. Il Pil del Sud nel 2013 è …

In evidenza
0

Mezzogiorno: la crisi non molla la presa

Pil in calo di 47,7 miliardi di euro; quasi 32mila imprese in meno; oltre 600mila posti di lavoro perduti; 114mila persone in cassa integrazione; quasi 2 giovani meridionali su 3 disoccupati: questa la fotografia della crisi dal 2007 ad oggi, secondo il Check Up Mezzogiorno elaborato da Confindustria e Srm sullo stato di salute dell’economia meridionale.

“Servono interventi robusti per amplificare i timidi segnali positivi”, dicono gli economisti di Viale dell’Astronomia che chiedono “la …