Vincenzo De Luca

In evidenza
Di

PD, finite le regionali comincia la guerra

Il ‘nuovo che avanza’, Vincenzo De Luca, già sindaco di Salerno, scelto da Renzi obtorto collo per non perdere la Campania nelle regionali, almeno una promesso l’ha già mantenuta, la querela alla presidente della Commissione antimafia, Rosy Bindi, rea di averlo inserito nella lista degli ‘impresentabili’ a 48 ore dal voto. De Luca, anche se per tre punti percentuali soltanto, ha vinto, ma ancora non si sa se potrà mai sedersi sulla poltrona che è stata di Caldoro in virtù di quella Legge…

Blog
Di

Impresentabili. Critiche alla gestione dell’Antimafia

La campagna elettorale per le regionali entrano nel vivo, al punto che si passa direttamente ai contraccolpi, decisi e diretti. Se il partito alle redini del Governo, il Pd, fino a poco tempo fa era ottimista, ora deve vedersela con partiti e movimenti sempre più agguerriti. L’ultima mossa targata “cinquestelle” è quella sulla lista dei cosiddetti “impresentabili”, un calderone di candidati, indagati, rinviati a giudizio e imputati. Alcuni nomi, quattro della regione Puglia, sono “fuoriusciti…

In evidenza
Di

Impresentabili. Ora la Campania nel mirino

A pochi giorni dalle elezioni regionali, un’ulteriore prova della tenuta Pd al Governo, arriva una nuova scossa a smuovere le acque dei partiti maggiori in corsa. Ieri è stata una giornata intensa di colpi e contraccolpi, da un lato la notizia che rimette in discussione l’insediamento, in caso di vittoria, di Vincenzo De Luca, poiché la Cassazione sarebbe orientata ad affidare alla magistratura ordinaria l’ultima parola all’applicazione della legge Severino, dall’altro il rinvio dell’elenco…

In evidenza
Di

L’ira di sindacati e Governo per la beffa di Whirlpool

L’ennesima doccia fredda sulle teste dei lavoratori Whirlpool, non solo infatti la multinazionale ha annunciato gli esuberi, non tenendo fede al piano di investimenti di cinquecento milioni in quattro anni, ma ha anche aumentato i licenziamenti. Il primo ad essere “sorpreso” è il governo che aveva definito “fantastico” quel piano e che dopo un mese di trattative si ritrova la beffa con gli esuberi saliti dai 1.350 annunciati in aprile a 2.060, su 6.740 dipendenti totali. Il governo ha bollato…

In evidenza
Di

Legge Severino, il governo passa il cerino alla Consulta

Non è entrato nel merito proprio perché prossimamente la legge Severino sarà all’esame della Corte Costituzionale, ma il suo presidente, Alessandro Criscuolo ha reso noto che “si farà il possibile per cercare di trattare la questione con una certa sollecitazione, tenendo conto dell’attenzione che c’è dell’opinione pubblica”. Soddisfazione è stata espressa dal senatore socialista Enrico Buemi: “Necessario un rapido scioglimento del nodo da parte della Consulta”. Il governo: “Aspettiamo Consulta”.