lunedì, 3 Agosto, 2020

“Tiempo” di Peppe Barra aprirà il Festival I Concerti nel Parco

0

Il Festival I Concerti nel Parco, Estate 2020, giunto alla sua 30esima edizione si svolgerà a Roma, nel parco della Casa del Jazz di Roma (viale di Porta Ardeatina, 55) e alla Cavea dell’Auditorium Parco della Musica, dal 10 luglio al 3 agosto, in collaborazione con Casa del Jazz-Fondazione Musica per Roma e con il sostegno del Ministero per i beni e le attività culturali e del turismo.

«Dopo il tunnel di silenzio del Covid.19, la gioia imprevista di poter ripartire nell’anno del trentennale del festival – ha dichiarato Teresa Azzaro, direttore artistico della manifestazione -. Un programma che era partito con il fil rouge di un omaggio ad alcuni autori e interpreti che festeggiano il loro compleanno, quaggiù o lassù…, poi in corsa, si è ampliato con la presenza di altri artisti amici, che hanno accettato il nostro invito a ripartire insieme. In fondo, da trent’anni, la mission del festival è sempre la stessa: raccontare belle storie, che toccano tutti noi, in un parco, una sera d’estate…».
Dieci eventi nella cornice del Parco della Casa del Jazz, e un unico evento alla Cavea dell’Auditorium Parco della Musica, tutte produzioni originali a cavallo tra musica e teatro, molte prime assolute e alcune date in esclusiva in Italia.

I Concerti nel Parco apre venerdì 10 luglio con una prima assoluta, “Tiempo Voci, suoni e colori di una Napoli del cuore e della fantasia”, spettacolo del grande mattatore Peppe Barra che è un po’ una summa del suo percorso artistico, espressione di una napoletanità dal sapore passato e dalle sonorità contemporanee.

Il Festival prosegue martedì 14 luglio con una prima assoluta, “ROSSinJAZZ I miei incontri con la musica”, un viaggio speciale tra parole e musica il cui l’amatissimo Riccardo Rossi, accompagnato dal sax e della voce di Cristiana Polegri e dal pianoforte di Silvia Manco, racconterà i retroscena che lo hanno portato a incontrare i suoi miti personali nel campo della musica. Dalla “Ninna Nanna “ di Brahms al celebre “Concerto n. 2 per piano e orchestra” di Rachmaninoff (plagiato da “All By Myself”); la celeberrima “Maria” di Leonard Bernstein, da “West Side Story”; da “Overjoyed” di Stevie Wonder a “Home” di Michael Bublé, fino a “I can’t help it” di Michael Jackson. Tra gli altri incontri speciali, quello con Alberto Sordi, che il festival omaggia nel centesimo anniversario dalla nascita.

Giovedì 16 luglio, il grande ritorno, in prima assoluta e data unica in Italia, di Marco Paolini con “Teatro fra parentesi Le mie storie per questo tempo”, spettacolo che lo stesso attore definisce «un album di storie brevi, tenute insieme da un filo di pensieri, storie che vengono dal mio repertorio ma anche dall’ultimo spettacolo che non è mai andato in scena per via del coprifuoco dovuto al Covid 19».

Lunedì 20 luglio, in prima assoluta, l’unico evento alla Cavea dell’Auditorium Parco della Musica, una nuova produzione de I Concerti nel Parco in collaborazione con la Fondazione Musica per Roma, “Parole che non trovo Omaggio a Francesco Guccini per i suoi ottanta anni” con Neri Marcorè e I Musici di Francesco Guccini. Una produzione voluta da Teresa Azzaro, grande fan di Guccini, come omaggio a uno dei grandi artisti del nostro tempo. In scena, I Musici, artisti che hanno suonato con lui da sempre, e per la prima volta Neri Marcorè, già apprezzato per le sue originali rivisitazioni di grandi cantautori. Ciliegina sulla torta, un saluto audio/video di Guccini.

Martedì 21 luglio, prima e unica data a Roma, il Danilo Rea Trio con Massimiliano Pani in “Tre per una Un omaggio a Mina celebra la grande artista in occasione dei suoi ottanta anni”. Danilo Rea, Massimo Moriconi e Alfredo Golino, che con Mina hanno registrato di tutto, propongono uno spettacolo con canzoni appassionanti e conosciute, suonate in maniera inedita e diversa ogni sera. Massimiliano Pani (produttore e arrangiatore dei dischi di Mina) racconterà aneddoti sulla celeberrima mamma.

Sabato 25 luglio, altra prima assoluta, “B-Black Viaggio a Cuba”, con un duo esplosivo formato dal pianista cubano Omar Sosa, nominato sette volte ai Grammy, e da Ernesttico, percussionista e batterista dallo stile personalissimo che fa uso anche di sintetizzatore e voce.

Domenica 26 luglio, in occasione del 250esimo anniversario della nascita di Beethoven, in prima assoluta, una produzione di Suonare News, “Ludwig La musica nel silenzio” un “concerto di parole” interpretato da Alessio Boni, accompagnato al pianoforte da Francesco Libetta. Uno spettacolo che vuole svelare un Beethoven più intimo, in cui il protagonista ripercorre le tappe la sua vita interiore, trovando alla fine il coraggio di ammettere davanti al mondo ciò che per un musicista è inammissibile: la sua sordità.

Lunedì 27 luglio, ancora una prima assoluta, tutta al femminile “Comiche Extraterrestri”, una serata che nasce dall’incontro tra il comedy show U.G.O., acronimo di Unidentified Gabbling Object, che significa oggetto parlottante/ farfugliante/ borbottante non identificato che nasce dall’esigenza di creare uno spazio libero dalle censure, dalle etichette, dalle imposizioni di forma, dai cliché tipicamente attribuiti all’universo femminile, e il festival di scrittrici InQuiete, un progetto della Libreria delle donne Tuba e dell’Associazione Mia.

Mercoledì 29 luglio, unica data a Roma, Arisa in “Ricominciare ancora Live set 2020”. Fuoriclasse del canto, Arisa riesce anche nella formazione più minimale (pianoforte, contrabbasso e percussioni) a dare il meglio di sé. Un concerto pieno di magia grazie anche al maestro Giuseppe Gioni Barbera, virtuoso del pianoforte, che con Arisa suona da sempre: sul palco creano un’alchimia speciale, con i grandi successi di Arisa che diventano intimi e travolgenti allo stesso tempo.

Domenica 2 agosto, in prima a Roma, “Queen European Tour Omaggio ai mitici Queen per i cinquanta anni dalla formazione”, una grande festa con i Queen Mania The European number one tribute to Queen, blasonata e seguitissima tribute band, che si rimette in gioco espandendo i confini del concerto e presentando un evento assoluto, dove è prevista anche la partecipazione live di Katia Ricciarelli.

Eccezionale chiusura per I Concerti nel Parco, lunedì 3 agosto, con una prima assoluta all’insegna del grande jazz: “Confirmation Omaggio a Charlie Parker (1920-2020)” con il Confirmation 5et di Francesco Cafiso, al sax alto, con Alessandro Presti alla tromba, Andrea Pozza al piano, Aldo Zunino al contrabbasso e Luca Caruso alla batteria. Parker è stato, assieme a Louis Armstrong e Miles Davis, il più influente jazzista di sempre, l’inventore del bebop, sassofonista impareggiabile che ha imposto uno stile e un modo di suonare a generazioni di musicisti. Quest’anno ricorre il centenario della nascita di Bird, e questo spettacolo lo celebra con uno stellare quintetto che prende il nome da una sua famosa composizione.

 

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply